RIMATERIA: “LAVORO & AMBIENTE” PIANO INDUSTRIALE SU DATI IMMAGINARI

i candidati alle ultime amministrative della lista

Piombino (LI) –  La questione della discarica per la lista civica Lavoro & Ambiente è tutt’altro che risolta e pone tutta una serie di domande alle quali ancora la Regione non ha dato alcuna risposta.

“Una cosa è certa: – hanno esordito in una nota – il Nurv ha concesso la Via al progetto presentato da RiMateria esprimendo pronuncia positiva di compatibilità ambientale. Questo è il dato da cui partire. Certo, pone alcune prescrizioni mitigatorie in merito all’impatto odorigeno e alle distanze dai centri abitati, ma a nostro parere, si presentano due problemi: uno, che ciò che si viene configurando è un nuovo progetto industriale, diverso da quello presentato e pertanto da sottoporre a nuovo iter valutativo e in secondo luogo, che in realtà le prescrizioni imposte in sede di Via possono tranquillamente essere riviste e corrette nel procedimento autorizzativo (AIA); si legge infatti che la società ‘ove le prescrizioni risultino inattuabili, potrà presentare istanza di modifica’”.

“La narrazione che si cerca di far passare – hanno aggiunto – è che finalmente le due nuove discariche che si andranno ad aggiungere all’attuale, saranno destinate alle bonifiche e agli scarti della produzione siderurgica. Non è proprio così. Basta leggere con attenzione: i volumi delle due nuove discariche potranno ricevere solo rifiuti da smaltimento dei cumuli e da attività siderurgica, ma di quale attività siderurgica, se i moderni forni elettrici producono scarti minimi?

E soprattutto, chi potrà imporre ad un privato la provenienza del conferimento in una discarica anch’essa privata? Entrambi i soggetti (Navarra e Unirecuperi) agiscono nel libero mercato e non potranno essere oggetto di imposizioni. Inoltre esiste uno scarto enorme tra i volumi minimi che risulteranno dalla rimozione dei cumuli e i milioni di metri cubi previsti per le due nuove discariche“.

”Come condizione preliminare all’avvio delle due nuove discariche è prevista la copertura definitiva del cono rovescio e dell’attuale discarica che continua a non essere a norma, nonostante abbia ricevuto più di una diffida e che la stessa giunta regionale abbia dovuto sospendere la ratifica del parere tecnico perché RiMateria non aveva ancora ottemperato all’ultima diffida. – si prosegue – Sarebbero tanti gli interrogativi, ma uno su tutti: come può un’azienda privata basare il proprio piano industriale su dati immaginifici, quali bonifiche e ripresa siderurgica ancora di là da venire? Un’ultima considerazione: se non ci fosse stata la forte mobilitazione del territorio e non ci fosse stato il cambio di amministrazione, la Via sarebbe stata concessa già da tempo e senza queste limitazioni”.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 14.11.2019. Registrato sotto ambiente/territorio, Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    36 mesi, 1 giorno, 18 ore, 26 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it