RIMATERIA: FERRARI, “PER EVITARE IL RADDOPPIO CI SIAMO AFFIDATI A UN ESPERTO DEL SETTORE”

Il sindaco a Colmata

Piombino (LI) – Mercoledì 16 ottobre il Comune ha inviato alla Regione Toscana il parere conclusivo sulla procedura di Via per il raddoppio dei volumi della discarica di Rimateria.
L’amministrazione ha deciso di affidarsi a uno studio legale esterno per supportare il lavoro degli uffici tecnici comunali: nello specifico all’avvocato fiorentino Duccio Maria Traina, docente universitario e professionista tra i più autorevoli esperti di diritto amministrativo.

“Abbiamo voluto affidarci a un professionista esterno – spiega il sindaco Ferrari – per dare ancora più forza al parere contrario del Comune. L’avvocato Traina ha concordato con le valutazioni elaborate dai tecnici del Comune e ha redatto una memoria che riassume tutti gli elementi da valutare e a cui sono stati allegati tutti gli atti del Comune: la delibera che riconosce Montegemoli e Colmata centri abitati, l’atto di avvio della variante urbanistica per la Li53 e le cartine con le misurazioni delle distanze tra l’impianto e le abitazioni.
Insieme alla documentazione inviata dal Comune arriverà in Regione anche il parere di Arpat e Asl. Da tutta questa documentazione emerge un uniforme parere contrario al progetto di raddoppio. Su consiglio dell’avvocato Traina, inoltre, abbiamo integrato la delibera di giunta su Colmata e Montegemoli specificando che sussiste un ulteriore elemento che li individua come centro abitato: l’esistenza di spazi pubblici come, ad esempio, i parcheggi”.

Gli ultimi passi da compiere prima di martedì 22 ottobre, data in cui la Regione si esprimerà sul progetto di Rimateria, ed è prevista la manifestazione a Firenze alla qule il sindaco ha invitato a partecipare i piombinesi.

“La questione Rimateria è molto complessa – continua Ferrari – e abbiamo ritenuto opportuno chiedere l’aiuto di un esperto della materia. Certamente, questo costituisce un costo per il Comune (circa 14 mila euro di parcella, ndr.) ma credo che il prezzo da pagare nel caso in cui la Regione concedesse il raddoppio sarebbe molto più alto per Piombino e per i piombinesi, sia in termini di salute e qualità della vita che in termini turistici e di diversificazione dell’economia del territorio.

Bloccare il progetto è una priorità assoluta per questa amministrazione e abbiamo ritenuto di doverci dotare di tutti gli strumenti utili all’obiettivo”.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 17.10.2019. Registrato sotto ambiente/territorio, Foto, Toscana-Italia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    28 mesi, 18 giorni, 8 ore, 16 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it