PIOMBINO: LA VERITA’ SULL’ASSEMBLEA DI MARTEDI DEL COMITATO SALUTE

un momento del dibattito

Piombino (LI) – Applausi per tutti, tranne che per Anna Tempestini? Alla manifestazione del Comitato salute la candidata del Pd e di Futuro a sinistra per Piombino, è sì stata contestata da una parte del pubblico, ma principalmente per le sue affermazioni fatte alla platea, e di sicuro non può far passare, guardando il video, per la “vittima predestinata”, facendo finta che prima di lei non esistesse una giunta guidata dal Partito Democratico (al quale ha specificato di non essere attualmente iscritta, ndr.), oppure non esistevano i 50 milioni di debito Asiu, o anche che non fossero stati negati dal partito (che comunque lei rappresenta e rappresentava durante le due giunte Anselmi)  non uno ma ben due referendum cittadini.

Il tema presentato dal comitato era uno tra i più sentiti in città, quello dell’ampliamento della discarica Rimateria e del puzzo da essa da sempre generato, e il clima del dibattito organizzato si è presto scaldato, con polemiche che, correndo sui social network, si sono trascinate anche il giorno successivo.

Visto che il miglior modo per comprendere cosa è davvero successo è quello di vedere con i propri occhi, crediamo che la pubblicazione del video integrale sia la migliore delle soluzioni.

Riportiamo inoltre, viste le polemiche relative all’assenza della candidata del PD a Campiglia Ticciati, anche lei invitata ufficialmente dal Comitato tramite email alla Federazione del PD della Val di Cornia, integralmente il comunicato del Comitato Salute sull’argomento.

UN COMITATO APARTITICO E’ OLTREMODO FASTIDIOSO

«In seguito agli attacchi a cui il Comitato Salute Pubblica è soggetto sui social nelle ultime ore (da parte di vari esponenti del PD locale), per amor di verità ci teniamo a precisare quanto segue:
– alla riunione di martedì 9 sono stati invitati tutti i candidati a Sindaco di Piombino, in quanto il Comitato e la cittadinanza sono interessati principalmente a capire come ciascuno di loro intenderà
muoversi, all’esito elettorale, in relazione ai 13 spunti di riflessione presentati;
– la comunicazione dell’evento è stata comunque estesa a tutte le forze politiche della Val di Cornia;
– in seguito alla suddetta comunicazione, alcune forze politiche ci hanno contattati e hanno chiesto di partecipare per dare un loro contributo alla serata (come hanno fatto Marconi e Bertini);
– aderendo a quello che da sempre è lo spirito del Comitato (confrontarsi con tutti, purché in modo rispettoso e costruttivo) siamo riusciti a metterli in scaletta;
– nessuno fra quelli che ha chiesto di intervenire è stato escluso, nemmeno il sig Macchioni, che ha chiesto di prendere brevemente la parola al termine della serata, pur non essendo stato previsto il
suo intervento;
– l’invito al candidato sindaco Tempestini, fra l’altro, è stato inviato alla mail della Federazione PD con sede a Piombino in via Marco Polo, che avrebbe avuto facoltà di diffondere l’informazione a tutti i propri iscritti, se lo avesse ritenuto opportuno;
– ogni altro precedente invito al PD (ad assemblee, confronti e manifestazioni di piazza) è sempre, del resto, caduto nel vuoto: nessuno si è mai degnato di onorarci di una risposta, né tantomeno della
propria presenza.

Detto questo, ci chiediamo: davvero siamo noi quelli “strani”?
Forse un po’ lo siamo: non ci siamo mai lamentati dell’assenza dei sindaci di Piombino e Campiglia a tutte le nostre iniziative. Non ci siamo mai strappati i capelli di fronte alla caparbia volontà di
negare persino la nostra esistenza come interlocutori da parte dei Segretari del PD.

Avremmo dovuto?
Quanto sta accadendo in queste ore non fa che confermare ciò che sosteniamo da tempo: un comitato apartitico è oltremodo fastidioso per chi è abituato da più di un cinquantennio a non
doversi confrontare con nessuno. Un Comitato apartitico è una novità, non puoi dire che è “fascista”, non puoi dire che è “comunista”, non puoi dire che è “razzista”; devi rispondere punto su punto, non puoi svicolare dalle richieste parlando politichese o rifugiandoti in un luogo comune.

O meglio puoi, certo che puoi: è quello che sta appunto succedendo in queste ore.

Ma poi devi pagarne il prezzo: accettare che divenga evidente a tutti il tuo disagio, nato dalla mancanza di umiltà, dall’incapacità di fare autocritica, dall’assoluta determinazione a proseguire
lungo una strada invisa alla cittadinanza, dalla consapevolezza di non avere valide proposte da offrire.
Onestamente ci dispiace.

Il Comitato è stato e continuerà ad essere disponibile a confrontarsi con chiunque allo scopo di migliorare la qualità della vita nella nostra città.

Comitato Salute Pubblica Piombino

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 11.4.2019. Registrato sotto ambiente/territorio, cronaca, Foto, ultime_notizie, video. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    21 mesi, 23 giorni, 2 ore, 3 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it