RIMATERIA: UNIRECUPERI HA ESERCITATO IL DIRITTO DI PRELAZIONE

La discarica Rimateria a fine dicembre 2018

Piombino (LI) – Unirecuperi ha esercitato il diritto di prelazione previsto dall’articolo 9 dello statuto di Rimateria. Viste le modalità di acquisto e pagamento di questa società per il primo 30%,  e tutti i “colpi di scena” successivi, domandarsi se anche questa puntata della fiction “Rimateria” fosse già in programma sin dall’inizio ormai è più che legittimo.  Buona lettura.

«Relativamente alla gara per la vendita a privati del 2° lotto di azioni possedute da ASIU in  Rimateria e a seguito della ricezione della comunicazione di aggiudicazione definitiva a favore di NAVARRA SpA, in data 8 febbraio 2019 UNIRECUPERI Srl (socio privato al 30%) ha inviato, tramite posta elettronica certificata e raccomandata A/R a tutti i soggetti pubblici e privati interessati, una dichiarazione di esercizio del diritto di prelazione, ai sensi di quanto previsto dall’art. 9 dello Statuto di Rimateria, per l’acquisto del 2° lotto di azioni pari al 30% del capitale.

Si tratta di una scelta coerente con l’importante investimento che UNIRECUPERI ha fatto nel settembre 2018 entrando nella compagine di Rimateria e che confermerebbe l’attuale assetto societario,  ritenuto il più funzionale alla realizzazione degli obiettivi strategici aziendali indicati nel Piano Industriale.

Abbiamo compiuto questa scelta – ha commentato Alessandro Brighetti, Consigliere Delegato di UNIRECUPERI – perché continuiamo ad avere fiducia nella società e perchè riteniamo che questa corrisponda all’interesse prioritario nostro e soprattutto della stessa RIMATERIA. Rimaniamo ora in attesa di un riscontro da parte di ASIU, circa i tempi e le modalità di esercizio del diritto di prelazione”».


Fonte: Unirecuperi SRL

______________________________

PIOMBINO 11 febbraio 2019Barbara del Seppia, liquidatore di Asiu, ha fatto pervenire alla stampa il seguente comunicato col quale informa  che Unirecuperi Srl, socia di RIMateria, ha esercitato il diritto di prelazione sul secondo lotto relativo al 30% delle azioni di RIMateria aggiudicato alla società Navarra Spa:

La società Asiu Spa in liquidazione, in persona del liquidatore, comunica che in data 8 febbraio 2019 a mezzo pec, la UNIRECUPERI Srl, già socia in quanto acquirente del primo lotto di azioni di RIMateria, ha esercitato il diritto di prelazione sul secondo lotto relativo al 30% delle azioni di RIMateria la cui procedura di vendita ad evidenza pubblica si è conclusa con l’aggiudicazione in favore della società Navarra Spa.
Il liquidatore alla luce di tale evento convocherà per la prossima settimana l’assemblea dei soci di Asiu Spa così da consentire ai sindaci di effettuare le opportune e conseguenti valutazioni in merito alla cessione del secondo lotto del pacchetto azionario e l’azionato diritto di prelazione”.

Pare di capire, dal succinto comunicato, che è scattata la norma prevista dallo Statuto di RIMateria ed esattamente dall’art 9 che ha come oggetto il trasferimento delle azioni e la possibilità di esercizio del diritto di prelazione  da parte di un socio (nella fattispecie attuale Unirecuperi, ndr) quando un altro (nella fattispecie attuale Asiu, ndr)  voglia vendere in parte o in toto le sue:
Le azioni sono trasferibili alle condizioni di seguito indicate. La clausola contenuta in questo articolo intende tutelare gli interessi della società alla omogeneità della compagine sociale, alla coesione dei soci ed all’equilibrio dei rapporti tra gli stessi: pertanto vengono disposte le seguenti limitazioni per il caso di trasferimento di azioni.

Le azioni sono trasferibili liberamente solo a favore degli altri soci.
In qualsiasi altro caso di trasferimento delle azioni ai soci, regolarmente iscritti a libro soci, spetta il diritto di prelazione per l’acquisto.
Pertanto il socio che intende vendere o comunque conferire in tutto o in parte le proprie azioni dovrà darne comunicazione a tutti i soci risultanti dal libro soci mediante lettera raccomandata inviata al domicilio di ciascuno di essi indicato nello stesso libro; la comunicazione deve contenere le generalità del cessionario e le condizioni della cessione, fra le quali, in particolare, il prezzo e le modalità di pagamento.
I soci destinatari delle comunicazioni di cui sopra devono esercitare il diritto di prelazione per l’acquisto delle azioni cui la comunicazione si riferisce facendo pervenire al socio offerente la dichiarazione di esercizio della prelazione con lettera raccomandata consegnata alle poste non oltre sessanta giorni dalla data di spedizione, risultante dal timbro postale, della offerta di prelazione.

La comunicazione dell’intenzione di trasferire le azioni formulata con le modalità indicate equivale a proposta contrattuale ai sensi dell’articolo 1326 (milletrecentoventisei) Codice Civile. Pertanto il contratto si intenderà concluso nel momento in cui chi ha effettuato la comunicazione viene a conoscenza della accettazione dell’altra parte. Da tale momento il socio cedente è obbligato a concordare con il cessionario la ripetizione del negozio in forma idonea all’iscrizione nel libro soci, con contestuale pagamento del prezzo come indicato nella denuntiatio.
La prelazione deve essere esercitata per il prezzo indicato dall’offerente”.

Pare di capire che il diritto di opzione è chiaramente previsto nello  Statuto e che Unirecuperi ha esercitato un suo diritto lì contemplato.
Certo è che l’eventualità che un socio arrivasse ad avere il 60% delle azioni di RIMateria non era certo nelle scelte politiche né dei Comuni né della stessa RIMateria.
Basta ricordare quanto ci disse nel corso di uno dei nostri forum l’allora Presidente di RIMateria Valerio Caramassi e ciò che scrisse il Comune di Piombino nella deliberazione del Consiglio comunale n. 101 del 2016 e n. 120 del 29 settembre 2017:

Valerio Caramassi il 5 febbraio 2017 (Non resta che attendere i nuovi soci di Rimateria) “L’iter per giungere alla cessione del 60 per cento delle quote a due soggetti pubblici o privati – è bene tornare a specificarlo non essendo necessariamente nostra intenzione privatizzare la società ma piuttosto garantirle apporti di esperienza, know out e consistenza economica – ha attraversato tutti i passaggi previsti in questi casi…Contiamo di concludere la gara e formalizzare l’arrivo dei due nuovi soci entro il prossimo marzo”.

Comune di Piombino nel 2016 e nel 2017 “l’alienazione congiunta fra ASIU SpA e Lucchini SpA AS, con procedura ad evidenza pubblica, con il sistema del prezzo più alto rispetto a quello che sarà fissato dall’advisor nominato da ASIU SpA., del 60,00% delle azioni RIMateria SpA, di cui detenute da ASIU per il 52,65% e da Lucchini SpA AS per il 7,35%: la quota complessiva del 60% di azioni di RIMateria SpA sarà alienata attraverso la cessione in due lotti separati a diversi acquirenti, ciascuno del 30,00%”.

Fonte: Stile Libero News

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 12.2.2019. Registrato sotto Economia, Foto, Toscana-Italia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    20 mesi, 17 giorni, 18 ore, 12 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it