COMITATO SALUTE: IL COMUNE NON MANTIENE IMPEGNI E CREDE A PARERI DI PARTE

La discarica Rimateria

Piombino (LI) – Pubblichiamo una lettera aperta ai sindaci soci di ASIU e di RIMATERIA sulla vendita del secondo 30% a Navarra. Con l’occasione facciamo notare che fino a quando non ci sarà opportuna chiarezza sulla vendita, l’altro socio “Unirecuperi” beneficierà di plusvalenze che nel caso l’ingresso del secondo socio fosse ritardato o annullato andrebbero opportunamente computate. In ogni caso la vicenda Rimateria, unità a quella delle sei pale eoliche alte come un grattacielo di 45 piani a 400 metri dalla riva del Quagliodromo, segneranno indelebilmente la memoria di questa legislatura a guida PD.

______________________________

LETTERA APERTA DEL COMITATO SALUTE PUBBLICA PIOMBINO

Facciamo chiarezza: nel vergognoso Consiglio Comunale di Piombino dell’11 gennaio 2019 è stato possibile appurare due cose:

la prima, che al di là delle parole e delle promesse,  non si è voluto dare seguito al preciso impegno preso prima dai sindaci soci della SpA RiMateria, poi dallo stesso Consiglio Comunale di Piombino perché fossero eseguiti dei carotaggi atti a scoprire se qualche rifiuto pericoloso è finito in discarica (abbiamo spiegato in altre occasioni i motivi che lo fanno supporre).

La seconda, che il comportamento dell’Amministrazione Comunale è stato tutto fuorché trasparente.

Nel Consiglio Comunale di  Piombino del 29 Novembre 2018  ci avevano concesso 60 giorni di tempo prima di firmare per la cessione definitiva del secondo lotto del 30% delle quote, per consentirci di fare ricorso al Giudice contro la bocciatura del referendum. Abbiamo quindi presentato ricorso innanzi al Tribunale ordinario di Livorno, la cui prima udienza è fissata il 24 Gennaio alle ore 8,45.

Durante il  Consiglio Comunale dell’11 gennaio 2019  è stato consegnato alle forze di opposizione un parere legale rilasciato da uno studio di Pisa che, alla precisa richiesta del presidente di RiMateria, afferma:

pertanto ad aggiudicazione provvisoria avvenuta, la sopraddetta libertà di RiMateria di non dare seguito agli adempimenti necessari  per il perfezionamento dell’aggiudicazione, non può essere ritenuta esente dal serio rischio di gravi responsabilità contrattuali e precontrattuali”.

Forti di questo parere, la Giunta Comunale e il Sindaco affermano che ormai, giunti a questo punto, non sia più possibile sospendere la vendita.

Ci teniamo a sottolineare che si tratta, appunto, di un parere che un avvocato interpellato da una delle parti  ha rilasciato proprio al fine di cercare appigli giuridici che consentano alla suddetta parte di far pendere la bilancia nella direzione che più gli conviene. Il nostro ordinamento funziona così: il mestiere degli avvocati è proprio quello di trovare interpretazioni del diritto che siano favorevoli agli interessi dei loro clienti e di motivare, sulla base di quelle, le ragioni dei loro assistiti. Ma sta al Giudice e solo al Giudice stabilire quale delle due interpretazioni (di solito opposte, o non ci sarebbe motivo di andare davanti a un Giudice) è da intendersi come corretta in quello specifico caso.

Restiamo dunque sbigottiti di fronte a questo ennesimo tentativo di forzatura da parte dell’Amministrazione.  A quanto ci risulta, finché il Consiglio di Amministrazione di Asiu non provvederà alla ratifica del contratto, la vendita non c’è.

La scelta di ratificare o meno il contratto di vendita spetta esclusivamente all’assemblea dei soci ASIU e tale volontà non è in alcun modo limitata dagli atti fino ad oggi prodotti, contrariamente a quanto sostiene il parere giuridico prodotto da RiMateria.

Ad oggi le quote a Navarra non sono state  vendute ed è tutto da dimostrare che in caso di mancata vendita essa potrà richiamare RiMateria a delle (e a quali?) responsabilità precontrattuali.

Confermiamo pertanto le nostre richieste:

1)I sindaci provvedano a mettere in atto tutte le azioni per effettuare i carotaggi;
2) si aspetti il giudizio del Tribunale sul referendum, l’unica proposta per garantire il rispetto della democrazia.

Per quanto riguarda il comportamento politico, non c’è bisogno di commenti: ognuno giudichi da se’.

Comitato Salute Piombino

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 21.1.2019. Registrato sotto ambiente/territorio, Foto, Toscana-Italia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    22 mesi, 25 giorni, 4 ore, 3 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it