VAL DI CORNIA: SULLA “CAVA UNICA” INTERVENGONO LE LISTE CIVICHE

la nuova zona di cava

Val di Cornia (LI) – Le delibere di giunta del Comune di San VIncenzo per l’allargamento del fronte di cava fino ad arrivare al confine con Campiglia proprio non sono andate giù alle liste civiche che, in un comunicato congiunto chiedono al PD, al posto dei soliti annunci,  un serio confronto sulle risorse territoriali straordinarie delle nostre colline e al comune di San Vincenzo l’annullamento immediato delle due delibere di Giunta di avvio del procedimento per gli ampliamenti delle cave.

_____________________________

IL PD TUTELI IL TERRITORIO ALTRIMENTI RACCONTA BARZELLETTE PRE-ELETTORALI

«Un paio di delibere di Giunta del Comune di San Vincenzo, alla zitta, che non contengono nessuna motivazione né analisi dello stato dei luoghi e delle possibili ricadute delle scelte sul territorio. Tanto basta per cancellare dalla mappa della Val di Cornia, le colline. Nessun coinvolgimento della cittadinanza, nessun coinvolgimento del Consiglio Comunale, il destino delle colline viene deciso dai soliti pochi.

La decisione del Comune di San Vincenzo, accogliendo le richieste dei privati, getta le basi per ampliare la cava di Monte Calvi nel Comune di Campiglia e la cava di San Carlo in modo da ottenere un unico enorme fronte cava ininterrotto.

Immaginiamo che tale scelta, le cui ricadute sono evidentemente di portata sovracomunale, sia stata assunta dal Comune di San Vincenzo in splendida autonomia e solitudine, come se il tema della compromissione definitiva e permanente delle colline tra San Carlo, Suvereto e Campiglia, fosse questione esclusiva del Comune litoraneo.

Non siamo tuttavia stupiti, non solo perché al di là dei proclami, di politiche sovracomunali non se ne vedono più da moltissimi anni, ma anche perché il quadro dello sviluppo nel prossimo futuro della Val di Cornia si delinea con sempre maggior coerenza.

A Piombino si dovranno accumulare montagne di rifiuti speciali e speciali pericolosi provenienti da mezz’Italia, a Campiglia e a San Vincenzo si dovranno distruggere le colline, e lungo tutta la costa si dovranno prevedere grandi lottizzazioni, quelle che nessuno realizza più sia perché l’invenduto è già a livelli enormi, sia perché le aree litoranee non antropizzate rappresentano un’attrattiva e una ricchezza ormai rare.

Permettere alle due cave che assediano Monte Calvi di saldarsi consumando decine e decine di ettari di territorio boschivo, rientra perfettamente in questa strategia e nella visione strategica delle Amministrazioni PD locali: le colline sono importanti perché possiamo distruggerle.

Se i pomposi annunci del PD sul ritrovato coordinamento delle politiche territoriali non erano delle barzellette pre-elettorali da quattro soldi, si avvii il confronto sulle risorse territoriali straordinarie delle nostre colline e si richieda al comune di San Vincenzo l’annullamento immediato delle due delibere di Giunta di avvio del procedimento per gli ampliamenti delle cave».

Liste Civiche Val di Cornia

Assemblea Sanvincenzina
Comune dei Cittadini
Assemblea Popolare Suvereto
Un’altra Piombino

 

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 7.11.2018. Registrato sotto ambiente/territorio, Foto, Toscana-Italia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    16 mesi, 19 giorni, 11 ore, 9 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it