PIOMBINO: DISCARICA, «IL PROGETTO RIMATERIA VA CAMBIATO!»

Lo slogan di rimateria

Piombino (LI) – Riportiamo un importante comunicato congiunto delle liste “Ferrari Sindaco”, “Ascolta Piombino”, “Un’Altra Piombino”,  “Rifondazione Comunista” indirizzato a tutta la città ed indirettamente all’attuale maggioranza di governo, che pone seriamente una questione di non poco conto: la perdita del controllo pubblico della discarica di Ischia di Crociano, un impianto che ogni giorno è sempre più grande e maleodorante, un pessimo biglietto da visita per una città che con 1000 ettari di SIN ha già dato anche troppo dal punto di vista ambientale e non ha bisogno di altre aziende (ben cinque) che portino altri rifiuti a Piombino. Riportiamo integralmente il comunicato congiunto.

________________________________________

«Per inquadrare meglio la situazione del territorio piombinese per i prossimi anni – inizia la nota congiunta – non possiamo prescindere da quello che questa maggioranza ha messo in campo per ciò che riguarda il ciclo dei rifiuti.

Da Wecologistic all’Apea per non parlare del riciclo delle gomme, ma prima di tutto la mega discarica di Rimateria in attesa di Via. In questa situazione, dove il piano industriale, anche se solo accennato ai consiglieri, ha variato di dimensione e prospettiva e non di poco; risulta quindi paradossale che si cerchi di togliere dalle mani pubbliche il controllo dell’azienda Rimateria, determinando il futuro di un’intera città.

Le opposizioni chiedono con forza a chi governa Piombino, di ritornare al progetto iniziale, interrompendo la vendita delle azioni.

Un progetto che preveda un minimo ampliamento, il vecchio cono rovescio, sufficiente a colmare il debito Asiu, garantire il post mortem della discarica e la messa in sicurezza della Li53; un progetto di ripiego e di responsabilità, vogliamo ricordare causa di un buco di bilancio e una gestione pessima che il PD ha espresso in questi anni sulla gestione dei rifiuti.

Chiediamo di rivedere nell’Accordo di Programma la questione del ciclo dei rifiuti legata alle attività di smantellamento e bonifica del Sin, valutandone, in prospettiva, il corretto inserimento di Rimateria. Chiediamo altresì al Sindaco che si attivi, attraverso Rimateria e la Regione Toscana, per dare la possibilità ai lavoratori di Rimateria che ne vogliono fare richiesta, di passare a Sei Toscana, già da subito.

La richiesta dei cittadini di vedere garantita la salubrità ambientale passa sicuramente dalla vidimazione di ciò che si è conferito in discarica, questo si può vedere solo attraverso i carotaggi.

Sarebbe opportuno che Rimateria oltre a tenere il suo unilaterale filo diretto con i cittadini, venga in commissione per conferire sulla sua disponibilità economica attuale, il bilancio, sui rimanenti spazi di discarica, sulle prospettive di breve termine, sulla situazione dei lavoratori. Dati che – concludono – attualmente ci sono completamente sconosciuti».

Ferrari Sindaco
Ascolta Piombino
Un’Altra Piombino
Rifondazione Comunista

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 7.11.2018. Registrato sotto Foto, politica, Toscana-Italia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    16 mesi, 19 giorni, 11 ore, 7 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it