PIOMBINO: RIMATERIA-FINWORLD, PRESENTATA UN’INTERROGAZIONE URGENTE IN CONSIGLIO REGIONALE

Il nuovo ampliamento della discarica: In verde i confini della discarica attuale (premi per ingrandire)

Firenze (LI) – I Consiglieri regionali Paolo Marcheschi (Fdi) e Roberto Biasci (Lega) portano la questione in Consiglio e presentano un’interrogazione per sapere se la Regione ha accettato la fideiussione con tale società Finworld, a cui nei mesi scorsi è stata negata l’autorizzazione per l’iscrizione nell’albo degli intermediari finanziari. E pongono  l’attenzione sulla richiesta di raddoppio della discarica di Ischia di Crociano, gestita da Rimateria Spa.

“Vogliamo fare luce sul caso Rimateria-Finworld, già denunciato dall’avvocato e consigliere comunale Francesco Ferrari. Abbiamo presentato un’interrogazione per sapere se, ed eventualmente perchè,  la Regione Toscana abbia accettato la fideiussione con la società Finworld, a cui nei mesi scorsi è stata negata l’autorizzazione per l’iscrizione nell’albo degli intermediari finanziari (tradotto, divieto a rilasciare fideiussioni). E se ci sono altre fideiussioni in corso con tale società”. Lo annunciano il Consiglieri regionali Paolo Marcheschi (Fdi) e Roberto Biasci (Lega) in relazione al caso Rimateria-Finworld.

Il 16 luglio 2018, il consiglio  comunale di Piombino aveva approvato una variazione di bilancio di 350.000,00 euro per “anticipazione di liquidità” a Rimateria Spa, al fine di consentire alla stessa società per azioni di “contrarre la polizza fideiussoria a favore della Regione Toscana” relativamente ai costi futuri di gestione e post gestione operativa del sito di smaltimento di Ischia di Crociano”. Al Consiglio comunale di Piombino, il consigliere Ferrari chiede di accertare se al momento della delibera consiliare di luglio Rimateria Spa avesse già versato le somme relative alla fideiussione e se la Regione ha accettato la fideiussione, nonostante le problematiche di carattere autorizzatorio e giudiziario della società Finworld.

I Consiglieri, nell’interrogazione, evidenziano anche la questione del raddoppio della discarica di Ischia di Crociano gestita proprio da Rimateria Spa. “Se la Regione Toscana darà parere positivo alla nuova richiesta di ampliamento della discarica di Ischia di Crociano, avanzata da Rimateria spa, autorizzerà di fatto un ampliamento pari a 100 campi di calcio regolamentari per un altezza di 35 metri, una montagna di rifiuti industriali. Questa discarica doveva già essere chiusa dal 2009, e negli anni si sono concessi ampliamenti e nuove autorizzazioni a stoccare rifiuti industriali -fanno sapere Marcheschi e Biasci– La Regione non può autorizzare anche questo ampliamento, perchè significherebbe mettere una pietra tombale sul rilancio di Piombino sia dal punto di vista turistico sia ambientale“.

Domani, il Comitato “Salute pubblica di Piombino” manifesterà proprio contro il raddoppio della discarica di Crociano. Marcheschi non  potrà essere presente,  ma appoggia l’iniziativa del Comitato.

 

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 26.10.2018. Registrato sotto Foto, politica, Toscana-Italia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    16 mesi, 19 giorni, 11 ore, 30 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it