PIOMBINO: CSP, «VOGLIONO TRASFORMARCI IN UN POLO NAZIONALE DEI RIFIUTI»

Bambini che chiedono un futuro a Piombino

Piombino (LI) – La situazione è sempre più preoccupante secondo il comitato salute pubblica di Piombino, perché l’ampliamento previsto per Rimateria, più grande della piramide egizia di Cheope, è solo il primo di un sistema in rete per lo smaltimento dei rifiuti speciali, pericolosi e non, che ha in altre cinque aziende altri poli di gestione e smaltimento di rifiuti speciali. E tutto questo (in una città che ha già il più alto tasso di tumori della Toscana e la voglia di diversificare, dopo la monocultura industriale, verso settori meno impattanti come il turismo e l’agricoltura), sta veramente facendo crescere la rabbia nella popolazione per scelte, che è sempre bene ribadirlo, non erano nel programma elettorale dell’attuale amministrazione comunale.

_______________________

VOGLIONO TRASFORMARE PIOMBINO IN UN POLO NAZIONALE DEI RIFIUTI

«Non c’è solo RiMateria nei piani dei nostri amministratori ma un progetto molto più ampio, per trasformare Piombino in un centro nazionale di gestione dei rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi. Un progetto al quale come Comitato Salute Pubblica ci opporremo con tutti gli strumenti a nostra disposizione.

Senza consultare i cittadini né informare in Consiglio Comunale, ma soprattutto senza approfondimenti in materia di impatto ambientale, sono state accettate diverse nuove industrie che opereranno nel settore dei rifiuti.

Tutto è iniziato quando hanno detto “sì” a un impianto per lo smantellamento delle navi militari al porto (assegnando terreno e banchine alla ditta PIM). Ad oggi i nostri amministratori hanno detto sì anche ad un impianto (il primo in Europa) per trasformare i rifiuti ad alto contenuto organico in carbone (ditta CREO) assegnandogli un terreno vergine all’ingresso di Piombino.

Hanno detto sì all’aumento fino a 2 milioni e 850 mila metri cubi di nuovi rifiuti da conferire in discarica (RIMATERIA). Non si sono dichiarati contrari a far installare all’ingresso di Piombino un impianto per il riciclo a freddo dei pneumatici (ditta ECOLINE) e tantomeno si sono preoccupati per la sperimentazione di un nuovo tipo d’impianto che a Montegemoli intende riciclare pneumatici mediante un forno a microonde  (ditta TYREBIRTH).

Un’altra ditta che si sta per installare nel comprensorio è la WECOLOGISTIC, ad Ischia di Crociano (zona est di TAP, verso la Dalmine e l’oasi WWF). Solo oggi apprendiamo dal giornale che sta per terminare in Regione la prima parte del procedimento per l’AIA (Autorizzazione Integrata Ambientale), senza essere passato tale progetto da una VIA (Valutazione di Impatto Ambientale, di cui è competente sempre la Regione).

Nessuno ha sentito il bisogno di confrontarsi con i cittadini su questo progetto che interessa un’area di circa 4 ettari e che tratterà lo smaltimento ed il recupero di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi, trasformando un’area destinata all’espansione della siderurgia (classificata D2) in un’area destinata ai rifiuti (classificata F6), affiancandosi a RiMateria.

Come CSP Piombino-Val di Cornia ci opporremo a questo progetto. Vi sono dei limiti che un territorio non può oltrepassare, perché questo è il tempo in cui la difesa dell’acqua, dell’aria e della terra vanno messi al primo posto, accanto alla difesa dei lavoratori, dei cittadini e dell’ambiente.

Se nel nostro territorio non facciamo scelte che rendano possibile la diversificazione accanto alla siderurgia (industrie di trasformazione dei prodotti agricoli, turismo, agricoltura di qualità, ricerca e attività legate al mare) creeremo il deserto: disoccupazione in altri settori e profitti solo per pochi».

Comitato Salute Pubblica
Piombino Val di Cornia

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 21.10.2018. Registrato sotto ambiente/territorio, Foto, Toscana-Italia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

1 Commento per “PIOMBINO: CSP, «VOGLIONO TRASFORMARCI IN UN POLO NAZIONALE DEI RIFIUTI»”

  1. Enrico Beni

    Perché non denunciare Rimateria per “Tentato disastro ecologico” ?Dopo aver sentito un avvocato della fattibilità del reato? Dato che nelle mappe della Regione Toscana alla voce. ZONE A RISCHIO IDROGEOLOGICO c’è anche la zona della discarica sino alla foce di Cornia vecchia e Cornia nuova e oltre fino a Venturina… Considerate a rischio alto. Se anche qui arriveranno le piogge torrenziali delle Isole TUTTO ANDRÀ A FINIRE N MARE….E allora chi pagherà?

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    16 mesi, 19 giorni, 11 ore, 41 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it