VAL DI CORNIA: SINDACI, FATE CHIAREZZA SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI

Piombino (LI) – I sindaci di Piombino, Campiglia e San Vincenzo facciano chiarezza sulla vicenda della gestione rifiuti. E’ questa la richiesta che fanno le liste civiche della Val di Cornia dopo la nota inviata dal sindaco di Piombino Massimo Giuliani (che potte leggere al termine dell’articolo) che nega di essere stato consultato da SEI Toscana. Leggiamo insieme il comunicato e i relativi approfondimenti e commenti.

«La nota inviata dal Sindaco Giuliani  agli organi dell’Ato sud e ai sindaci della Val di Cornia fa emergere un quadro allarmante di quale sia il livello di gestione dei rifiuti in questo territorio. Il Sindaco afferma di non essere stato consultato da SEI toscana nell’ individuare il sito della trasferanza nel suo comune, smentendo dunque di fatto gli assessori Chiarei e Bartalesi e Russo. Inoltre solleva un pesante dubbio già denunciato dal comune di Suvereto sulla legittimità di una operazione che vede l’affidamento senza appalto della gestione di rifiuti alla società privata Wecologistic, che con questa operazione porterà a Piombino anche rifiuti pericolosi, come l’amianto.

E’ il momento che i sindaci di Piombino, Campiglia e San Vincenzo chiariscano ai cittadini questa vicenda. Ai cittadini dovrebbero poi anche spiegare perché Asiu ha chiuso la sua attività in modo disastroso con intreccio tra gestione dei rifiuti urbani e rifiuti speciali, un enorme buco di bilancio e una discarica esaurita. Le Amministrazioni Anselmi & co. promisero che passando all’Ato sud i costi sarebbero diminuiti e il servizio migliorato. Non solo è avvenuto il contrario, ma l’inchiesta sulla gara d’appalto ha travolto i vertici del gestore e dell’Ato mentre si allontanava ogni possibilità per i comuni di controllare efficacemente il servizio.

Intanto la discarica di Ischia di Crociano, anziché essere chiusa è stata ulteriormente ampliata per accogliere i rifiuti speciali provenienti da ogni dove tranne che dal SIN di Piombino dove le bonifiche sono un miraggio. Ciliegina sulla torta, le tariffe continuano ad aumentare e aumenteranno ancora nei prossimi anni.

Queste amministrazioni hanno già fatto troppi danni in questi anni nella gestione dei rifiuti sarebbe bene che tornassero a curare gli interessi dei propri cittadini con servizi più efficienti e meno costosi. Le decisioni che hanno preso con il passaggio ad Ato sud, come dimostrano i fatti, non andavano in quella direzione e oggi ne paghiamo le conseguenze».

Liste civiche unite 07.10.2017

(Comune dei Cittadini, Un’altra Piombino, Assemblea Sanvincenzina, Assemblea popolare Suvereto)

________________________________

Per capirne di più sull’intricata materia:

Nota del sindaco di Piombino Massimo Giuliani

L’assessore di Suvereto Jessica Pasquini  sulla Trasferenza a Wecologistic

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 8.10.2017. Registrato sotto ambiente/territorio, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA AL TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON LA CEVITAL DI ISSAD REBRAB?

    Se non viene rescisso il contratto, o rinnovato l'accordo di programma, dal 1° luglio Rebrab non avrà più vincoli con lo Stato italiano, diventerà "Padrone" a tutti gli effetti, e potrà disporre delle sue società e del personale in queste assunto come meglio crederà. Questo avverrà
    3 mesi, 17 giorni, 18 ore, 14 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it