VAL DI CORNIA: RIFIUTI, «PAGHIAMO GLI SPRECHI E IL SERVIZIO PEGGIORA»

Recente foto della situazione a Piombino

Piombino (LI) – Riceviamo e pubblichiamo integralmente dalle liste civiche della Val di Cornia.

«Le analisi con cui le Amministrazioni della Val di Cornia descrivevano i vantaggi del nuovo gestore unico per l’Ato sud e dell’accorpamento del nostro servizio rifiuti solidi urbani con le province di Grosseto, Siena e Arezzo, già da tempo si sono rivelate per quello che erano: chiacchiere.
Non solo la vicenda giudiziaria relativa alla gara d’appalto (già espletata quando la Val di Cornia, decise di approdare a sud e all’attuale gestore Sei Toscana), ha decapitato vertici aziendali e di controllo, ma si scopre quanto fossero lontane dal vero le promesse di risparmio che venivano propagandate.

Finché la Val di Cornia gestiva entro i propri confini il servizio raccolta rifiuti solidi urbani, il sacchetto della spazzatura veniva raccolto dal cassonetto e percorreva al massimo venti chilometri per arrivare a Ischia di Crociano dove esisteva una discarica ad hoc. I problemi erano enormi perché l’Asiu, attraverso le scelte politiche folli dei comuni soci, ha accumulato un debito gigantesco che ancora minaccia ogni cittadino della Val di Cornia e la discarica era stata saturata di rifiuti speciali non provenienti dal ciclo urbano per garantire un’introito in più all’azienda.

Tuttavia cosa ha comportato il passaggio al nuovo gestore? Cosa c’è dietro all’ennesimo aumento nelle bollette dei cittadini?

Col passaggio a Sei Toscana il sacchetto della spazzatura viene portato ad Ischia di Crociano dove però non viene smaltito ma semplicemente scaricato per esser poi ricaricato su un altro camion che lo porta alle Strillaie (GR), facendogli fare altri 70 Km.

Alla faccia delle economie di scala promesse! Un ambito così grande per gestire la spazzatura è il sistema migliore per moltiplicare le spese e le inefficienze oltre a moltiplicare i disagi. Infatti la discarica per rifiuti solidi urbani di Ischia di Crociano non è affatto chiusa ma raccoglie rifiuti speciali che vengono da ogni dove tranne che dall’area da bonificare del SIN di Piombino.

A completare il quadro lo scandalo della “trasferenza” questo strano servizio che paghiamo tutti noi in bolletta per aver avuto il privilegio di scaricare a Ischia di Crociano i rifiuti per poi ricaricarli su altri camion. Per questa gitarella Sei Toscana ha pagato fino allo scorso 23€ a tonnellata di rifiuto a Rimateria (società nella quale è confluita l’ASIU) ma quest’anno riconoscerà solo 8€ a tonnellata per il medesimo servizio. Così se sarà confermato il prezzo di 8€ a tonnellata ci sarà un ammanco nelle casse di Rimateria partecipata dai Comuni, se invece sarà aumentata la tariffa ci sarà un ammanco nelle casse di Sei Toscana, un capolavoro.

La Tari è arrivata, gli aumenti in un momento così difficile per le famiglie e le aziende sono particolarmente gravosi, ed è bene che si sappia cosa alimentano i soldi dei cittadini».

Liste Civiche Unite 

(Comune dei Cittadini, Un’altra Piombino, Assemblea Sanvincenzina, Assemblea popolare Suvereto)

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 24.6.2017. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    16 mesi, 16 giorni, 19 ore, 50 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it