AFERPI: MANCANO I COMPRATORI, E PER I SINDACATI L’ADDENDUM E’ GIA’ SALTATO

Premi per ingrandire

Piombino (LI) – Un drammatico comunicato dei sindacati di Fiom, Fim e Uilm (che vi riportiamo integralmente e che potete leggere premendo sulla miniatura a sinistra) comunica ai lavoratori di Aferpi lo slittamento della la ripartenza del treno di laminazione e l’assenza di quelle promesse su nuovi ed ipotetici compratori, e questo è secondo i sindacati inaccettabile, e rischia anche di far perdere all’azienda anche i clienti storici. Nel frattempo in una nota del Camping CIG, l’associazione di lavoratori ci spiega i motivi per cui le buste paga arrivano a singhiozzo, che vi riportiamo a seguire integralmente.

___________________________________________

Ieri i coordinatori Rsu Aferpi e Piombino logistica sono stati convocati dalla direzione Aferpi per una riunione che fa il punto della situazione: “La direzione ci ha comunicato un nuovo slittamento della partenza del treno rotaie all’11 settembre ed inoltre non sono stati in grado di fornirci una programmazione certa sull’arrivo dei semiprodotti”.

“Ci preoccupa anche non avere informazioni in merito né agli investimenti né tantomeno al piano finanziario e ad oggi non sono previsti arrivi della proprietà algerina a Piombino per avere ulteriori chiarimenti. – hanno aggiunto – Nessuna notizia nemmeno in merito alle voci dei gruppo siderurgici interessati allo stabilimento“.

“Tutto questo rende a nostro avviso Cevital già inadempiente visto la mancata ripartenza ad Agosto del treno rotaie e vista l’impossibilità ad oggi di garantire la laminazione di 80mila tonnellate di ordini di rotaie da qui a fine Dicembre, che rischia di farci perdere anche i nostri clienti storici“, hanno specificato i coordinatori Rsu.

_______________________________________

CAMPING CIG: BUSTE PAGA: L’ENNESIMO PASTICCIO A DANNO DEI LAVORATORI!!

gli operai manifestano a Fiorentina

Governo e Regione dovrebbero tener presente che, per Piombino e la Val di Cornia, oggi sono indispensabili due cose:

  1. Un piano territoriale complessivo per lo sviluppo ( siderurgia, porto, viabilità e altre infrastrutture, agricoltura, turismo e altri settori industriali e del terziario)

  2. La salvaguardia di una fonte di reddito per i lavoratori ex-Lucchini e per tutti i lavoratori che hanno perso il lavoro (ad esempio nell’ indotto siderurgico) e che, con le loro famiglie, vivono in condizioni di povertà; un reddito necessario non solo a garantire la sopravvivenza di migliaia di famiglie , ma che rappresenta anche una base economica di sostegno a tutta l’ economia cittadina, in attesa della ripresa delle attività produttive.

Nessuno creda che a lavoratori abituati a scambiare il loro lavoro con un salario, faccia oggi piacere sopravvivere di ammortizzatori sociali! È una gravissima perdita di dignità (oltre ad una consistente riduzione di reddito) a cui nessuno si assoggetta volentieri. Ma quando al danno si unisce anche la beffa, allora la situazione diventa insostenibile!!

Ci era stato promesso, con una drammatica telefonata nel corso di una manifestazione numerosa e partecipata, che il governo aveva approntato uno strumento che avrebbe lasciato le cose come in precedenza, sia in termini retributivi che normativi; ed invece…

  1. Si sono create tre tipologie diverse di lavoratori, con tre differenti sistemi di pagamento: direttamente dall’azienda; esclusivamente dall’INPS; in parte dall’uno ed in parte dall’altro. Questo sancisce le liste di proscrizione già volute dall’azienda (e accettate supinamente dal sindacato) fin dall’inizio, quando non vollero applicare il principio della rotazione. Noi denunciammo il fatto fin dall’inizio, inascoltati; ma anche da parte nostra c’è stata troppo poca insistenza. Oggi l’obiettivo deve essere quello di applicare la rotazione alla ripresa della produzione.

  2. Nonostante le promesse, anche la durata del nuovo ammortizzatore sociale, istituito col Decreto Ministeriale di fine giugno, rimane non chiarita: non abbiamo nessuna garanzia sul prolungamento di ulteriori 14 mesi, il che significherebbe che anche sulla durata i patti non vengono rispettati.

  3. Il sistema di pagamento messo in essere dall’INPS è assolutamente farraginoso ed incomprensibile dai lavoratori: dalle prime buste paga consegnate risultano spesso montanti retributivi inferiori a quanto promesso di alcune decine, fino a qualche centinaio, di euro in meno e solo tra un anno sarà possibile sapere se tutto verrà recuperato O SE CI SARÀ UN’ULTERIORE, STRISCIANTE DECURTAZIONE DI SALARIO. Bene fa il sindacato, come ha promesso, a organizzare una assemblea con esperti che possano fornire informazioni, ma cio’ non annulla la loro responsabilità ( e quella delle forze politiche che potevano chiedere modifiche al Decreto) per aver accettato il nuovo ammortizzatore e soprattutto che questo non venisse anticipato dall’azienda (di fatto a ciò indotta dalla specifica formulazione dello stesso decreto) arrogandosi il diritto di decidere senza aver consultato i lavoratori in una assemblea. Devono essere ripristinate pratiche che rispettino la democrazia sindacale, chiamando i lavoratori a decidere del loro futuro

Coordinamento Art. 1 – Camping CIG

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 23.8.2017. Registrato sotto Economia, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    15 mesi, 14 giorni, 21 ore, 51 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it