PIOMBINO: PER L’OPPOSIZIONE LA PROTESTA DEVE ESSERE EFFICACE

Piombino (LI) – Lo smarcamento di tutte le forze di opposizione dalla vicenda è tale che oggettivamente merita un articolo a se stante.  «Qual è il senso di riportare la protesta in una dimensione tutta locale?»,  «sollecitare l’attenzione dell’opinione pubblica verso coloro che appunto sono i responsabili», «offrire un salvagente a quanti  stanno da tempo e impietosamente svelando tutta la loro inadeguatezza», sono tutte riflessioni alle quali ogni cittadino, comunque la pensi, deve dare la propria risposta.

«E’ saltato l’incontro al Mise con una telefonata del Ministro la sera precedente. Le direzioni dei sindacati hanno rinunciato alla manifestazione a Roma (peraltro già organizzata), che doveva invece dare testimonianza di capacità di mobilitazione e dissenso, per far vedere a tutta la nazione che il Problema di Piombino non era risolto e che qui si riteneva responsabile il governo. Quindi, le direzioni sindacali, dopo questa rinuncia, hanno deciso di occupare la sala del Consiglio Comunale di concerto con il Sindaco. La circostanza ci pare strana.

Intanto, siamo dispiaciuti che i dirigenti dei sindacati abbiano deciso di occupare la casa comune, dove i rappresentanti scelti dai Piombinesi discutono dei problemi della città, senza coinvolgere le forze politiche. E poi, qual è il senso di riportare la protesta in una dimensione tutta locale? Le manifestazioni devono essere efficaci. Devono individuare la controparte, ovvero il responsabile del problema, e sollecitare l’attenzione dell’opinione pubblica verso coloro che appunto sono i responsabili.

Noi restiamo convinti che le colpe del dramma sociale della nostra comunità siano da attribuire al  governo centrale e regionale, ma anche ad un’amministrazione locale, pure essa espressione del PD, che fino ad oggi ha mantenuto una posizione  di attesa e di fiducia immotivata, illudendo gli operai e la cittadinanza tutta, e rivelandosi incapace di trovare vie alternative concretamente perseguibili.

Per cui ci pare perda di efficacia una protesta concertata. Organizzare manifestazioni come queste serve solo a dare una patente di salvatore  e ad offrire un salvagente a quanti  stanno da tempo e impietosamente svelando tutta la loro inadeguatezza  e serve solo ad indebolire la protesta.

Se, come detto, il dissenso deve essere indirizzato contro il governo e le amministrazioni che non hanno tutelato il territorio, sottoscrivendo accordi e progetti risultati farlocchi e irrealizzabili, concertare un’occupazione con il sindaco serve solo a depotenziare la protesta».

Movimento 5 Stelle Piombino
Ferrari Sindaco – Forza Italia
Rifondazione Comunista
Un’ Altra Piombino

Print Friendly
Scritto da il 9.4.2017. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA AL TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON LA CEVITAL DI ISSAD REBRAB?

    Se non viene rescisso il contratto, o rinnovato l'accordo di programma, dal 1° luglio Rebrab non avrà più vincoli con lo Stato italiano, diventerà "Padrone" a tutti gli effetti, e potrà disporre delle sue società e del personale in queste assunto come meglio crederà. Questo avverrà
    tra 1 giorno, 7 ore, 58 minute

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it