VARIANTE AFERPI: “MA E’ UN DOLCETTO O UNO SCHERZETTO?”

28-ottobre-aferpiPiombino (LI) – Il “Comitato PER…” insiste sull’errore fatto dalla maggioranza nell’approvare la “Variante Aferpi” che è “perfetta e così come proposta da Rebrab” è frettolosamente approvata, dando il via al periodo di 60 giorni necessari per la raccolta di eventuali osservazioni, dopo di che sarà approvata “tal quale ad oggi oppure modificata e integrata se le osservazioni ricevute meriteranno di essere accolte”. Leggiamo insieme il comunicato.
________________________________

“A  nulla sono valse – insiste il “Comitato PER…” – le richieste dei gruppi di minoranza che, argomentando un po’  tutti gli aspetti da quelli  tecnici –  ambientali a quelli di opportunità, hanno chiesto più tempo per approfondimenti e studi,  di subordinare il tema “variante Aferpi” all’esito dell’incontro previsto per metà novembre al MISE, e magari, di costituire, nel frattempo, un tavolo di lavoro dove la politica, i tecnici e la cittadinanza potevano confrontarsi su questo  delicato argomento che riguarda l’annosa questione del tracciato della SS398 e la cessione ad Aferpi  (a titolo gratuito) di una porzione di terreno di circa 74 ettari dell’area naturale (anche se di poco pregio a sentire i nostri assessori) del Quagliodromo per la realizzazione di un bizzarro tracciato ferroviario.

A nulla sono servite le reazioni di numerosi cittadini, delle  associazioni e del “Comitato per”, dei quartieri, di Legambiente e del WWF che sulla stampa e in occasione dei soli due incontri informativi organizzati dalla nostra Amministrazione (uno al Cotone e uno al Perticale) hanno espresso con forza e determinazione i propri dubbi presentando anche suggerimenti e  proposte alternative.

28-ottobre-aferpi-consiglio-comunale-2Grande delusione nel vedere che la forza politica che governa Piombino, con un atteggiamento di grande compiacimento e di sfida, ha ignorato i pareri di tutti coloro che in modo o in un altro si sono opposti alle loro decisioni, peraltro ampiamente anticipate e giustificate sulla stampa già 24 ore prima la prevista discussione in Consiglio Comunale, dimostrando, a nostro avviso, una scarsa disponibilità al confronto e un modesto senso democratico.

E’ un modus operandi ricorrente, così accadde anche per i fanghi di Bagnoli quando fu ignorata anche la raccolta di 5000 firme contrarie. Però il Consigliere Sig. Barsotti definisce “fascista” chi  manifesta in modo un po’ più colorito, magari urlando e fischiando, il proprio disappunto.

Comunque possiamo stare tranquilli, perché la cessione di nuove e/o diverse aree  da asservire alla variante Aferpi saranno ampiamente compensate con la possibilità di utilizzare aree abbandonate dall’industria perché fortemente inquinate e non più utilizzate. La bonifica di tale aree sarà a carico del “pubblico”, ovvero di tutti noi, e, ad oggi, di incerta e fantascientifica realizzazione. Tornerà a Piombino anche l’area del mitico Pontedoro (ormai priva di spiaggia) e una pista ciclabile sarà realizzata dal generoso imprenditore algerino.

Ad alcuni Consiglieri che non si spiegavano tutto questo interesse per l’area del Quagliodromo che fino al 1994 era ancora classificata area industriale, vorremmo far presente che sono passati oltre  20 anni  da allora e che i tempi sono decisamente cambiati.  Oggi purtroppo,  con tutto il tempo che abbiamo a disposizione (siamo tutti in solidarietà, Cassa Integrazione o disoccupati), abbiamo potuto “alzare la testa” e apprezzare le potenzialità del nostro territorio e sinceramente il concetto fumo=pane non ci soddisfa più. Dobbiamo lavorare e vivere in un ambiente sano e sicuro; la “diversificazione” non deve essere un semplice vocabolo che affolla gli annunci di tutti, valutando con attenzione  che, quanto deciso oggi, avrà importantissime ripercussioni su tutti noi e soprattutto sulla vita delle generazioni future.

Le forze di maggioranza, nei loro interventi, a giustificazione del proprio voto, hanno evocato più o meno velatamente il ricatto occupazionale, gli obblighi che l’accordo di programma, in particolare l’art. 7, imponeva all’amministrazione, e la necessità di non fornire un alibi a Rebrab  per non rispettare gli impegni che l’accordo di programma prevedeva, soprattutto, a suo carico e, ad oggi, anche se significatamente “scontati”(siamo passati da due a un forno elettrico!), ampiamente disattesi.

 Ora dunque non ci saranno più alibi né per Rebrab, né per chi ha ripetuto che ci sarà il lavoro per 3000 persone e che la fabbrica (intendendo sia quella siderurgica che l’eventuale agroindustriale-chimica)  sarà allontanata dalla città!!

Utilizzando i concetti espressi dal Sindaco Sig. Giuliani, riteniamo che la variabile tempo (quando si realizzerà quanto promesso?), la variabile lavoro (quanti posti di lavoro verranno recuperati) nonché il rapporto tra quanto richiesto,fino ad oggi, alla cittadinanza in termini di ambiente, lavoro, salute, diritti e quanto riceveremo in cambio dal nuovo imprenditore, potrà dare o meno ragione a tutti coloro che continuano ad avere dei forti dubbi (gufi).

Ringraziamo – concludono –  il Consigliere Susy Ninci che ha portato in Consiglio la voce del “Comitato per” leggendo il nostro comunicato e invitiamo tutti i dubbiosi ad esprimersi presentando nei prossimi 60 giorni le osservazioni alla “variante Aferpi” anche tramite il nostro “Comitato per” che porterà avanti le proprie convinzioni sui temi delle bonifiche, variante Aferpi, discarica, in tutte le sedi e con tutti gli strumenti che la normativa ci mette a disposizione”.

Comitato per
comitatoperpb@gmail.com

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 31.10.2016. Registrato sotto Foto, sociale, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    28 mesi, 16 giorni, 23 ore, 21 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it