EDITORIALE: PIOMBINO TRA RINASCITA ED EROI

L’EDITORIALE                                   di Giuseppe Trinchini trinchini

_________________________________

Il video editoriale sarà pubblicato più tardi.

_________________________________

EDITORIALE: PIOMBINO TRA RINASCITA ED EROI

Corriere Etrusco “numero 143” del 12 aprile 2016.

La “Rinascita” è stato prima un mensile, poi un settimanale politico-culturale del Partito Comunista Italiano fondato da Palmiro Togliatti nel 1944.

La rivista chiuse nel febbraio del 1991, a pochi giorni dalla nascita del PDS e più o meno nel periodo in cui  Piombino doveva entrare nel “Piano Utopia” che invece l’anno successivo si trasformò nella cessione ai privati della Lucchini dello stabilimento, e l’ingresso della città in un vortice, dal quale non riesce ancora oggi ad uscire.

“Rinascita” è anche il termine utilizzato in questi giorni più volte sia da Legambiente che da “Minoranza sindacale” in una settimana che era cominciata con l’intervento del Corpo forestale dello Stato preso lo stabilimento Aferpi.

Il contesto è quello delle Bonifiche dell’area industriale. Oltre 35 ettari di terreno, localizzato più o meno all’altezza della portineria di ischia di crociano nelle vicinanze della spiaggia, utilizzato per depositare cumuli di scorie di altoforno, e che dal 2007, a causa di un sequestro della guardia di Finanza al quale però fino alla settimana scorsa non era seguito nulla, sono ancora in attesa della bonifica. Questo milione di tonnellate circa di rifiuti industriali (Repubblica 2-6-2007) giacciono, ancora oggi,  in cumuli sparsi nei terreni del SIN e nelle discariche sequestrate.

«Senza la rimozione e la conseguente bonifica dei terreni e delle acque, nulla degli accordi, e dei piani di rinascita del territorio, potrà ovviamente essere effettuato» commenta ad esempio Minoranza Sindacale, con Legambiente che comunque, nella nostra video intervista,  parla di anni per quantomeno mettere in sicurezza le aree da bonificare, lavori che considera propedeutici alla realizzazione dei nuovi impianti.

Un’altra parola che “gira” per Piombino è “eroi”, legata agli operai che in questi ultimi anni hanno sofferto e lottato, e che dovrebbero essere quelli che, come nell’iniziativa organizzata venerdì 15 aprile prossimo da Rifondazione Comunista, sono i veri “uomini e donne dell’anno” in una città entrata ormai in un declino, del quale però non ci è dato conoscere la fine.

Questa gente alla fine chiede solo la verità: «Ci sarà un futuro? Ripartirà davvero l’economia piombinese?». Per ora questi uomini e queste donne hanno assistito solo a “Narrazioni felici”  e premi per meriti ancora tutti da dimostrare sul campo. Chissà se vedranno prima o poi un vero cambiamento?

Giuseppe Trinchini

______________________________
CORRIERE ETRUSCO SETTIMANALE N°143

 

Print Friendly
Scritto da il 13.4.2016. Registrato sotto Editoriali, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA AL TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON LA CEVITAL DI ISSAD REBRAB?

    Se non viene rescisso il contratto, o rinnovato l'accordo di programma, dal 1° luglio Rebrab non avrà più vincoli con lo Stato italiano, diventerà "Padrone" a tutti gli effetti, e potrà disporre delle sue società e del personale in queste assunto come meglio crederà. Questo avverrà
    tra 1 giorno, 8 ore, 8 minute

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it