CORRIERE ETRUSCO: NUMERO 11, EDITORIALE E PDF

 

Il cartaceo e l'on-line del Corriere Etrusco

Il cartaceo e l’on-line del Corriere Etrusco

Piombino (LI) – E’ disponibile nei punti di distribuzione della città (il cui elenco potete leggerlo al termine dell’editoriale) l’UNDICESIMO NUMERO del supplemento settimanale “Corriere Etrusco” Cartaceo. Pubblichiamo integralmente l’editoriale del giornale in questa pagina e il link alla versione in formato elettronico, per poterlo leggere ed eventualmente stampare tramite internet anche sul tuo computer.
Buona lettura…

PREMI QUI PER LEGGERE IL GIORNALE IN PDF

PREMI QUI PER SCARICARLO DA INTERNET

ARCHIVIO NUMERI PRECEDENTI

_______________________

EDITORIALE:

Il futuro (di Gianni) passa dal Porto?

La presidenza dell’Autorità portuale di Piombino è in scadenza, e a breve l’attuale presidente ed ex sindaco, Luciano Guerrieri, rimetterà l’incarico. La poltrona che lascia è di quelle da più di diecimila euro al mese, ed è molto ambita.
Nell’aria gira da qualche tempo la volontà dell’attuale sindaco Anselmi di seguire le orme del suo predecessore, ma ci sono problemi nei tempi tra la nomina del nuovo Presidente e la scadenza dell’incarico di Sindaco. Il Partito Democratico infatti non ha intenzione di lasciare per troppo tempo la guida della città all’attuale vicesindaco Francini, nonostante il sindaco Anselmi abbia sempre detto che è pronto a dimettersi.

Ma quali sono le procedure per la nomina del Presidente dell’autorità portuale?
Il comma 1 dell’articolo 8 prevede che il Presidente dell’Autorità portuale sia nominato, previa intesa con la Regione Toscana, con Decreto Ministeriale, nell’ambito di una terna di esperti di massima e comprovata qualificazione professionale nei settori dell’economia dei trasporti e portuale, designati rispettivamente dalla Provincia, dai Comuni e dalle Camere di commercio competenti territorialmente.
La terna è comunicata al Ministro dei trasporti tre mesi prima della scadenza del mandato.
Il Ministro, con atto motivato, può chiedere di comunicare, entro trenta giorni dalla richiesta, una seconda terna di candidati, nell’ambito della quale effettuare la nomina.
Qualora non pervenga nei termini alcuna designazione, il Ministro nomina il Presidente previa intesa con la Regione interessata, scegliendo tra personalità che risultano esperte e altamente qualificate professionalmente nei settori dell’economia dei trasporti e portuale.

Il punto è che né Comune di Piombino, né Provincia di Livorno, né Camera di Commercio di Livorno hanno inviato la terna anche se i termini di legge sono scaduti.
Probabilmente per prendere tempo sarà presentata dalle tre istituzioni la richiesta di rinnovo per 45 giorni dell’attuale presidente Guerrieri, e in seguito, dando ascolto alle insistenti voci in circolazione, per “aspettare” la conclusione del mandato dell’attuale sindaco Anselmi, sarà nominato un commissario per sei mesi all’autorità portuale di Piombino.
Ma chi nominare per questo incarico? Il rischio a questo punto potrebbe essere che il Commissario, nei sei mesi prima dell’affidamento dell’incarico al nuovo Presidente, si “affezioni” troppo al posto e lo “scippi” all’attuale Sindaco di Piombino.

Quindi, per non rischiare che qualcun’altro “scaldi” troppo la poltrona, potrebbe essere proprio Gianni Anselmi il Commissario per l’autorità Portuale di Piombino, che però, nel frattempo, sta per ricevere anche la delega a Commissario per l’emergenza “Piombino” da parte del presidente della regione Toscana Rossi, incarico che recentemente ha ricevuto dal presidente del consiglio Letta, ma che non potrà certamente seguire da Firenze.

Concludendo quindi potrebbe accadere che per un periodo, per non far dimettere Anselmi da sindaco, nelle mani di un solo uomo si concentrino tre incarichi di altissimo livello:
– Commissario supplente per l’autorità Portuale “Piombino”;
– Commissario delegato da Rossi per l’«Emergenza Piombino»;
– Sindaco della città di Piombino.

Tutto questo per permettere fra una decina di mesi di far diventare Gianni Anselmi Presidente dell’Autorità portuale di Piombino, che ha “paura” di perdere il posto da diecimila euro al mese.
Inutile aggiungere che non è mai cosa buona che il ruolo del controllore e del controllato sia rivestito dalla stessa persona, anche se il PD, con la SAT di Bargone, “controllore di se stesso”, ci ha già abituato diversamente da molto tempo.

Giuseppe Trinchini

________________________________________

PUNTI DI DISTRIBUZIONE DEL CORRIERE ETRUSCO CARTACEO
Piombino
Esercizio Indirizzo
Edicola – legatoria via della repubblica 78
Bispeed Piazza della Costituzione
Lami Piazza della Costituzione
Piscina comunale
Enjoy PC Via Pisacane 46
Edicola La Tornese via Lombroso
Scuola guida Il Torrione Via del Fosso
Pizzeria al Pomodoro Corso Italia 132
Panetteria da Barbara Via galilei, 8
Mille idee
Pizzeria Faraon’s Cavern Via della Repubblica 58
Arti e Cornici Via Gori (davanti alla Coop)
Bar Falesia
Bar Cristallo
Bar Lorenzo il Magnifico
Gatta Rossa  Calamoresca Loc Calamoresca
Panificio Vinciguerra Via Ferrer, 24
Panificio Mastro pan Via L. Da Vinci, 6
Panetteria Romagnoli Via Torino
Bar Nazionale Corso Italia angolo via lombroso
Edicola vicino farmacia Via Petrarca, 21
San Vincenzo
Esercizio Indirizzo
Bar Il Gabbiano Corso Italia 7
Ottica “Il Corso” Via Vittorio Emanuele
Edicola – Cartolibreria (scuole) via del castelluccio
Bar della Stazione via della stazione 17
Pasticceria la Galleria
Chioso Frutta e Verdura di Ilaria Mangoni via Aurelia sud 24
Campiglia M.ma
Esercizio Indirizzo
Videoteca Via Indipendenza 201
G & B Via della Pace 34
Polisportiva Arci Uisp
Palestra Futura Via Firenze 1
Bar Bacco Piazza della Repubblica 1
Bar La Panca Piazza della Repubblica 7
Bar Pasticceria “La conca d’oro”
Ristorante “Il Sottobosco”
Suvereto
Esercizio Indirizzo
Pizzeria “La Pergola”
Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 14.6.2013. Registrato sotto cultura, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

1 Commento per “CORRIERE ETRUSCO: NUMERO 11, EDITORIALE E PDF”

  1. Luca

    Certo di fronte ad un editoriale così nessun commento… io per primo quando lo troverò per la strada lo chiamerò “mister 10 mila euro”… prima si doveva mandare in parlamento (20 mila euro), poi visto che ha fallito sembra si accontenti anche di un incarico “minore” da soli 10-12 mila euro all’autorità portuale…

    Ma cosa ha fatto a questa città per meritarsi tutti questi soldi?
    Piazza Manzoni è sempre franata, Città futura è rimasta tale, città antica è ancora una chimera, il porto… aspetta la Concordia… la Lucchini sta per chiudere.

    Se lui per due rotonde, la ripavimentazione di Piazza Bovio e i marciapiedi in centro viene osannato come un santo, se poi arriva qualcuno davvero bravo, e non un venditore di fumo, a quello lo mandiamo al Vaticano a fare il Papa?

    Ma esiste ancora qualcuno dentro il PD con un minimo di onestà intellettuale per ribellarsi a tutto questo?

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 18 giorni, 10 ore, 5 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it