PARODI: SANITA’, MA COSA COSA SUCCEDE IN VAL DI CORNIA?

ospedale_villa_marina_1ospedale, sanità, piombino, cecina, campiglia, suvereto, giuliano parodiSuvereto (LI) – Riceviamo e pubblichiamo integralmente dal Sindaco di Suvereto Giuliano Parodi.

Nell’immobilismo piu’ totale e nell’indifferenza che da sempre caratterizza la Val di Cornia, la Regione toscana va, il 15 dicembre, all’approvazione della nuova Legge Regionale di riordino del sistema sanitario.

“Per tentare di aggirare la richiesta del referendum che noi cittadini abbiamo fortemente voluto e sigillato da oltre 55 mila firme” commenta il sindaco di Suvereto “con una manovra a dir poco fraudolenta della Giunta guidata da Enrico Rossi e dall’assessore Saccardi, il testo che andra’ sugli scranni del consiglio regionale, conterra l’art 131 che di fatto abolisce la LR 28 (oggetto del quesito referendario) ma tutto il nuovo testo in realta’ non si discosta nemmeno di una virgola dall’impianto che la LR 28 aveva messo su.”

La riforma che la Toscana si appresta a varare, venduta dal PD come migliorativa per i servizi ai cittadini e con forti tagli delle governance, in realta’ produrra’ l’effetto opposto: i direttori generali cambiano nome ma restano pari pari. Poi c’è la nuova figura del coordinatore d’area vasta che avrà il compito di ‘creare l’amalgama’. Si mandano via i direttori amministrativo e sanitario in apparenza, perché la legge prevede che i direttori generali possono dotarsi di staff e dunque rieccoli rientrare in partita, i tagli alle poltrone pesante non ci saranno. Il grosso del risparmio deriverà dal taglio dei dipendenti che i benpensanti definiscono esuberi.

Cosa ne sara’ della sanita’ in Val di Cornia? Che fine faranno i servizi del nostro Ospedale di Villa marina? A queste domande e’ impossibile ad oggi rispondere visto che i Sindaci non sanno che pesci prendere. Il 3 dicembre scorso era stata indetta una conferenza Provinciale dei sindaci, per approfondire con il Commissario dell’area vasta l’impianto e gli effetti della nuova legge, ma l’assemblea e’ stata rimandata a data da destinare , causa mancanza del sindaco di Livorno, e l’assemblea della Societa’ della Salute e’ stata convocata per il 17 dicembre ossia dopo che la nuova legge, in teoria sara’ stata deliberata dal consiglio regionale, e quindi non piu’ certo emendabile.

La Val di Cecina cerca in maniera goffa di organizzarsi, e il sindaco Lippi scende in campo in difesa del suo ospedale, portando all’attenzione della stampa un documento datato 2013. E noi che facciamo?

Io come sindaco avevo stimolato la discussione e proposto di ragionare tutti insieme per rilanciare l’idea di un ospedale funzionale a Riotorto che vada a coprire l’area vasta che va da Grosseto a Livorno con un emodinamica efficace, visto che quando si parla di ospedali bisogna individuare con cognizione di causa i cosidetti servizi “salvavita”, ma nessun sindaco, e tanto meno il PD ha aperto nuovamente a questa ipotesi.

Intanto il PD in regione respinge emendamenti del 5stelle alla Legge Regionale che volevano salvaguardare i piccoli ospedali delle zone montane o insulari della regione.

“In questo scenario a dir poco preoccupante “ conclude il sindaco Giuliano Parodi “non resta che una levata di scudi e una mobilitazione generale per eviatre di essere travolti da decisioni irreversibili che poi pagheremo sulla nostra pelle come cittadini. Per questo il 15 Dicembre alle ore 14.00 saro’ sotto il palazzo del Consiglio Regionale a Firenze a sfilare in corteo, per impedire che il Governo PD della Toscana voti questa legge iniqua, ma rispetti democraticamente il volere del popolo e prima di approvarla la sottoponga al giudizio dei cittadini attraverso lo strumento principe della democrazia ovvero il referendum.”

Giuliano Parodi
Sindaco

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 14.12.2015. Registrato sotto Foto, sociale, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

1 Commento per “PARODI: SANITA’, MA COSA COSA SUCCEDE IN VAL DI CORNIA?”

  1. luigi

    ma cosa volete che gliene importi al pd della sanità e dei diritti dei cittadini? sono tutti presi dagli scontri di potere, vedi destituzione di Pietrelli. Penoso, pensano solo a sé stessi, non sono uniti nemmeno tra di loro. Ormai il pd è un danno conitnuo

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    29 mesi, 5 giorni, 1 ora, 30 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it