PIOMBINO: IL M5S E LE FATTURE DELLA RIMOZIONE FORZATA

il simbolo del movimento 5 stelle di Piombino

il simbolo del movimento 5 stelle di Piombino

Piombino (LI) – Riceviamo e pubblichiamo integralmente dal Movimento 5 stelle di Piombino.

«In data 28 aprile si è riunita la II Commissione Consiliare, con la presenza del Comandante dei Vigili Urbani, allo scopo di risolvere le problematiche che avevamo sollevato relativamente al servizio di rimozione forzata nella città di Piombino. Dalla Commissione precedente avevamo concordato con tutte le forze politiche di considerare una settimana scelta in modo casuale del periodo di novembre per controllare le fatture rilasciate ai cittadini per il servizio di rimozione. Dal controllo svolto è emerso che le 15 fatture controllate avevano prezzi tutti pari all’importo esatto di 100 euro oppure 130 euro.

Il fatto strano è che, a calcoli fatti, l’importo di ogni singola fattura sarebbe dovuto essere ben più basso. Come avevamo già affermato in precedenza l’importo di alcune fatture da 100 euro sarebbe dovuto essere di circa 87 euro con circa 13 euro di risparmio per il cittadino. Per correttezza va anche detto che alcune fatture invece risultavano avere un importo più basso rispetto a quello dovuto. In quest’ultimo caso molto probabilmente la Ditta adibita alla rimozione ha ritenuto di applicare sconti ad alcuni cittadini. Ricordiamo che applicare uno sconto sui prezzi ai cittadini è del tutto legale e lecito, infatti non riteniamo corretto il fatto che un cittadino, che dovrebbe pagare 87 euro, paghi 100 euro per la rimozione.

Esiste una delibera di giunta con dei prezzi da applicare e una determina dirigenziale dove si riporta che vi deve essere un’applicazione del 10% di sconto sul servizio (aumentato a 15% per l’anno 2015): noi ne richiediamo il semplice rispetto. Il fatto che molti cittadini abbiano pagato più del dovuto è stato riconosciuto dall’intera Commissione. Abbiamo anche protocollato una nota, spiegando tutta la situazione, al Segretario Generale del Comune che ha confermato i nostri calcoli ammettendo che, dopo un apposito controllo svolto dal Comune stesso su nostra sollecitazione, la Ditta incaricata alla rimozione forzata non stava applicando le tariffe che avrebbe dovuto.

Ricordiamo inoltre che per l’anno 2015 lo sconto da applicare da parte della Ditta incaricata alla rimozione è aumentato dal 10% al 15%. Questo significa che ad oggi un cittadino che subisce una rimozione forzata nei pressi delle vie del Centro, oltre la multa, dovrà pagare una cifra di circa 80 euro se la vettura a pieno carico ha un peso inferiore alle 1,5 tonnellate e di circa 110 euro se la vettura a pieno carico ha un peso superiore a 1,5 tonnellate. Visto che fino adesso le tariffe applicate erroneamente erano state rispettivamente di 100 e di 130 euro si otterrà un risparmio in entrambi i casi di 20 euro per ciascun cittadino.

A seguito della risposta del Segretario Generale è stata convocata nuovamente la II Commissione giovedì 23 mattina presso il Comune dove ci verrà presentata una modifica della delibera di Giunta da applicare per le tariffe 2015. Rimaniamo in attesa di sapere quali saranno i provvedimenti presi».

Movimento 5 Stelle Piombino

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 23.7.2015. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    39 mesi, 18 giorni, 21 ore, 13 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it