EDITORIALE: FUTURO INCERTO E FELICITA’ A MOMENTI

L’EDITORIALE                                   di Giuseppe Trinchini trinchini

___________________________

EDITORIALE: FUTURO INCERTO E FELICITA’ A MOMENTI

Corriere Etrusco “numero 76” del 17 ottobre 2014.

Toni sobri per l’arrivo a Piombino dell’algerina Cevital, con il sindaco Giuliani che è stato prudente e saggio nel gestire la novità, visto che brucia ancora l’umiliazione che Khaled ha dato a tutti quelli che hanno creduto nel magnate arabo “farlocco” e nella sua offerta da 3500 milioni di euro.

Anche i sindacati stanno tenendo un basso profilo, anche se sperano nel gruppo algerino che potrebbe garantire ancora il futuro dell’intera fabbrica, e con essa della triplice (Fim, Fiom, Uilm). E’ chiaro a tutti infatti che una contrazione dello stabilimento ai soli laminatoi (con solo 600-700 dipendenti) decreterebbe conseguentemente anche un ridimensionamento della storica tradizione sindacale piombinese.

L’offerta da 300 milioni di euro, se verrà formalizzata con le adeguate garanzie finanziarie, prevede la quasi totale occupazione dei dipendenti presenti, due forni elettrici e il revamping dei laminatoi, ed è facile immaginarsi che anche il ministero dello Sviluppo economico, che sta seguendo la situazione con grande attenzione, avvierà tutte le procedure del caso, a partire dai controlli sulla solidità dell’azienda e sui rischi della cessione dello stabilimento a Cevital.

La cosa che mi ha colpito di più è, infatti, l’apparente mancanza di un piano industriale nazionale che coordini la gestione di una risorsa strategica per gli interessi dell’Italia. Perché le domande (e le conseguenti risposte) sul futuro di Piombino dovrebbe farsele il Governo, e qui, come all’Italia, serve una politica industriale convincente.
Io nel mio piccolo posso dire solo che sul caso Lucchini non c’è più tempo da perdere, e che da troppi mesi, come nel gioco dell’Oca, quando sembra che siamo al traguardo, si torna invece al punto di partenza. La vicenda va chiusa il prima possibile nell’interesse dello stabilimento (e dei suoi occupati), ma soprattutto della città.

Giuseppe Trinchini

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 18.10.2014. Registrato sotto Editoriali, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    32 mesi, 27 giorni, 8 ore, 19 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it