LUCCHINI: CEVITAL, KLESCH E IL FUTURO DELLO STABILIMENTO

LucchiniPiombino (LI) – Una settimana molto intensa per azienda, istituzioni e sindacati, sul fronte della cessione dello stabilimento Lucchini di Piombino. Tutto è iniziato lunedì scorso quando, mentre gli algerini di Cevital esponevano il loro piano industriale al sindaco di Piombino, a Roma il comitato di vigilanza sull’amministrazione straordinaria Lucchini imponeva una nuova battuta d’arresto alla Jindal, chiedendo ulteriori miglioramenti della sua offerta (che ricordiamo era di circa 23 milioni di euro, ndr.). Chiaro il messaggio che i giochi per la cessione dello stabilimento erano riaperti sul fronte Lucchini. Poi un nuovo colpo di scena: torna alla carica anche il gruppo elvetico Klesch che proprio in questi giorni ha acquistato 4,5 milioni di tonnellate di lunghi Tata Steel Corus, e che ha mostrato un rinnovato interesse per i laminatoi dello stabilimento di Piombino.

Il presidente della società algerina Cevital, l’imprenditore Issad Rebrab, ha nuovamente incontrato giovedì Piero Nardi per poter affinare il proprio progetto. Rebrab ha confermato ai sindacati la propria volontà di presentare al più presto un’offerta vincolante per la Lucchini, forse già all’inizio di questa settimana.

i rappresentanti della Cevital

i rappresentanti della Cevital

Cevital ha proposto al Sindaco e ai sindacati la realizzazione in 18 mesi di una prima acciaieria elettrica ed entro due anni di un secondo forno, per una capacità produttiva di due milioni di tonnellate di acciaio, in parte di qualità ed in parte comune, da destinare soprattutto al mercato nordafricano. Interesse puntato anche sul porto e sulle aree più vicine alla città che saranno dismesse, per sviluppare quella che sembra la vocazione principale del gruppo, la filiera agroalimentare. Massima attenzione di Cevital anche al valore aggiunto, tanto che al sindaco e alle organizzazioni sindacali ha prospettato un revampig completo dei laminatoi attuali e la costruzione di un quarto impianto di laminazione che possa, nel giro di pochi anni, ricollocare tutti gli attuali dipendenti dello stabilimento.

Questi interessi “Last minute”, di Cevital e Klesch dopo mesi di silenzio, mentre Jndal presentava seriamente la propria offerta, hanno come problema principale i tempi nella procedura di cessione della Lucchini. La città ha bisogno di certezze ed i lavoratori hanno il diritto di conoscere il loro futuro. Sembra infatti che lunedì prossimo sarà tolto il gas che alimenta la cokeria e l’Afo. Tutti in attesa, quindi, di rapide mosse di Cevital, che sulla carta è l’offerta più interessante, ma che fa comunque crescere alcuni dubbi, come indicato anche da Legambiente.

Perché, quindi, un’azienda algerina che può disporre nel proprio paese di elettricità e metano a basso costo per fare il preridotto, oltre a numerosi altri vantaggi, dovrebbe investire per produrre in Italia? Due milioni di tonnellate di produzione come si conciliano con i treni di laminazione che al massimo ne possono lavorare la metà? In 18 mesi si può programmare e realizzare un forno elettrico?

Le risposte a queste domande devono essere molto convincenti, perché il rischio è di perdere anche i 700 posti garantiti da Jindal.

Giuseppe Trinchini

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 17.10.2014. Registrato sotto Economia, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

1 Commento per “LUCCHINI: CEVITAL, KLESCH E IL FUTURO DELLO STABILIMENTO”

  1. lino

    Ma chi sono quei tre signori ( uno di spalle ) che parlano con gli algerini fuori dal comune. Non saranno mica per caso i sindacalisti di Piombino ? Vogliamo scherzare. Ancora sono lì a rappresentare i lavoratori ?. Non ci posso credere.

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    15 mesi, 22 giorni, 7 ore, 0 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it