TIRRENICA: PROVINCIA E COMUNI ANCORA CRITICI PER IL PROGETTO SAT

La Provincia di Livorno ed i Comuni del territorio si sono riuniti il 27 febbraio a Palazzo Granducale per valutare la documentazione integrativa del tracciato dell’Autostrada Tirrenica presentata dalla SAT nell’ambito del procedimento di valutazione d’impatto ambientale  nazionale.

All’incontro erano presenti il presidente della Provincia, Giorgio Kutufà, con l’assessore alla programmazione e trasporti Piero Nocchi; il sindaco di Rosignano M.mo, Andrea Franchi con l’assessore Margherita Pia: il sindaco di Cecina, Stefano Benedetti con l’assessore Gianluca Barbato; Il sindaco di Bibbona, Fiorella Marini; il sindaco di Campiglia, Rossana Soffritti; il vice sindaco di Castagneto C.cci, Roberto Callaioli; il vicesindaco di Piombino, Lido Francini. Erano presenti, inoltre i tecnici delle altre amministrazioni comunali interessate e della Provincia.

L’esame della documentazione non ha soddisfatto gli amministratori che, sulla base del lavoro tecnico burocratico svolto sul progetto inviato dalla SAT, hanno riscontrato alcune difformità rispetto alle prescrizioni inviate a suo tempo  per la procedura di VIA.

Oltre a queste, i principali elementi di criticità individuati riguardano, in particolare, tre aspetti sostanziali.

Il primo è quello del pedaggio, per il quale la SAT prevede un’esenzione generica di 5 anni, senza specificare le modalità di applicazione.

Il secondo punto critico concerne gli impegni assunti dalla SAT per le opere compensative nei vari territori, di cui, però, il progetto attuale non contiene alcun dettaglio.

Altra nota negativa è che la SAT prevede sospensioni della procedura in almeno un paio di tratti che interessano il territorio della Provincia di Grosseto, dove l’opera è particolarmente necessaria, mettendo in forse la sua completa realizzazione.

La Provincia e i Comuni hanno deciso, nell’immediato,  di chiedere alla SAT un incontro urgente per chiarire gli aspetti che riguardano il pedaggio del primo tratto, ed in particolare il rispetto degli accordi presi da SAT che prevedevano l’esenzione del pagamento per gli abitanti dei 10 comuni della Bassa Val di Cecina fino al completamento finale e totale dell’opera.

“Fin dal marzo 2011 – dichiara  il presidente Kutufà –  avevo sottolineato le grandi criticità del nuovo progetto della SAT. L’anno trascorso non ha portato nessun elemento positivo al loro superamento. Al contrario, l’ultima proposta le accentua fortemente con l’ipotesi di realizzare l’opera solo in alcuni tratti, proprio quelli in cui è meno necessaria. A questo punto – prosegue – si rende più che mai irrinunciabile un’attenta analisi dei costi/benefici dell’opera, che prevede pedaggi fra i più cari in assoluto, senza certezze di esenzione per i residenti”.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 28.2.2012. Registrato sotto cronaca, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 19 giorni, 22 ore, 49 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it