LISTE CIVICHE: «NON C’E’ PIU’ LA VAL DI CORNIA DI UNA VOLTA»

Grave denuncia delle liste civiche della Val di Cornia sulla situazione istituzionale a livello di politiche di area dopo la fine del Circondario. Ancora ai blocchi di partenza l’unione dei comuni,ostacolato il comune Unico, politiche di area che oscillano come un pendolo tra la provincia di Livorno e quella di Grosseto (che dal 2013 probabilmente neanche esisteranno più, ndr.). Leggiamo insieme integralmente il comunicato, al termine del quale potete inserire i vostri commenti.

«Sulle istituzioni i Comuni della Val di Cornia sono allo sbando. Fino ad oggi – commentano le liste civiche della Val di Cornia –  hanno prodotto solo annunci e nessun fatto concreto.  Si sono presentati alle elezioni del 2009 dicendo che occorreva superare il Circondario per approdare all’Unione dei Comuni. A marzo del 2010 il Circondario è stato sciolto per legge, ma i  Comuni non hanno istituito nessuna Unione.  Anzi, hanno sciolto anche le funzioni associate che  avevano istituito autonomamente.  Mentre smantellavano le funzioni associate hanno lanciato il tema del Comune unico, naturalmente senza fare niente di niente. Nessuna discussione è stata mai portata nei Consigli Comunali.

Grande confusione regna anche sulla collocazione  rispetto alle Province. Mentre si dice di volerle superare,  i nostri Comuni decidono di migrare verso la Provincia di Grosseto per la gestione dei rifiuti urbani.   Oggi la Val di Cornia fa parte dell’ATO di Livorno, Pisa, Lucca e Massa Carrara. La proposta, avanzata frettolosamente ai Consigli Comunali,  è stata quella di  aderire all’ ATO di Grosseto-Siena-Arezzo.  A supporto di questa scelta non è stato fornito nessun documento, nessun piano industriale, nessuna garanzia per le tariffe e la qualità dei servizi, mentre è certo che anche nell’ATO Sud la gestione sarà affidata a privati o a società miste, tradendo così  la volontà di 27 milioni di  elettori che con il referendum del 2011 si sono espressi per la gestione pubblica.

Questo modo di procedere, per noi,  è inaccettabile e dannoso. La Val di Cornia, oltre a non esistere più come istituzione (perché non c’è più nessun organo che la rappresenti), è preda di uno stato confusionale che la fa oscillare  a sud per i rifiuti, a nord per l’acqua, a sud per i trasporti, a nord per la sanità, ecc.  Potremmo aggiungere che non vanno né a nord né a sud per il governo del territorio, dove ciascun Comune ormai fa da solo.

Lo ripetiamo. Le liste civiche – conclude il comunicato – sono disponibili a discutere di una seria riforma delle istituzioni, compresa la revisione degli ambiti territoriali per gestire i servizi pubblici sovracomunali.  Non sono invece disponibili a voti di fiducia su ipotesi confuse, contraddittorie e non documentate come quella che ci è stata presentata per i rifiuti negli ultimi Consigli».

Comune dei Cittadini
Forum per San Vincenzo
Uniti per Suvereto

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 15.12.2011. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    29 mesi, 5 giorni, 23 ore, 5 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it