ANSELMI: «L’ALTERNATIVA ALL’AUTOSTRADA E’ LA DILIGENZA»

La variante vista dall'Anselmi

La variante tra Grosseto e Livorno

La variante vista dal sindaco Anselmi

«L’alternativa all’autostrada è la diligenza. Siamo abituati ad  un orgogliosa diligenza pubblica». Con queste parole ha commentato durante il consiglio comunale del 29 aprile, nel quale tutto il consiglio comunale è stato concentrato nella stesura delle richieste per la futura autostrada Tirrenica.

C’è stata un lunga discussione in consiglio comunale sul Corridoio Tirrenico e la SS.398 prima di arrivare ad un documento finale approvato da tutto il consiglio escluso Gelichi. Il sindaco Gianni Anselmi ha poi ripercorso la vicenda ricordando le priorità, invitando al realismo: «non si possono avere contemporaneamente i pedaggi gratis, le complanari e la 398 fino al porto».

E fra la nostra 398 e Lotto Zero il vicesindaco Lido Francini non ha dubbi: «E’ imparagonabile l’importanza del collegamento con il quarto porto italiano per numero di passeggeri, e la Maroccone Chioma (Lotto Zero)».

«Non trovo corretto – ha commentato invece Anselmi – parlare di parziale finanziamento, visto che nemmeno l’autostrada è per adesso finanziata». Sul conflitto d’interesse del presidente Sat Antonio Bargone, spesso evocato, è altrettanto chiaro: «Non mi sembra che ci sia un contrasto fra gli incarichi che ha. Il commissario ha il compito di attuare una concessione pubblica». Poi l’Autostrada. «Insisto non c’è nessuna variazione rispetto al progetto concertato. Dopodiché se si riesce a trattare e inserire la complanare di Venturina, tanto meglio».

La variante tra Grosseto e Livorno

E sui pedaggi? «Temo di avere una originale posizione – insiste il sindaco di Piombino – le autostrade devono essere pagate. Ma sento che anche l’Elba non vuole pagare… dichiariamo allora che l’autostrada è un problema e su questo bisogna assumersene le responsabilità. Se è un problema avere una infrastruttura moderna anziché un pertugio come è la Variante.

Noi vogliamo un’autostrada per collegare i nostri porti con il mondo. Ma se questo viene considerato un diritto e allora si pensa che non si debba pagare. Vogliamo l’autostrada, la vecchia aurelia e la superstrada. Se si tratta di questo facciamo uno scempio ambientale. Se vogliamo l’autostrada e i pedaggi invece bisogna farli pagare ai turisti? E’ una posizione che non esiste in nessuna parte d’Europa. Chiunque ha un’autostrada è felice di averla».

«La mia posizione sul pedaggio è chiara: si deve pagare e i pendolari devono avere forti sconti. Questa idea che l’autostrada non si debba pagare è una posizione provinciale.  La gente che non vuole pagare nulla è un po’ retrograda culturalmente.

Continuiamo a combattere per avere sconti, saldi, pacchetti promozione, certo chi lavora a Livorno deve avere forme di agevolazione, ma alla fine se continuiamo su questa strada rischiamo di non avere l’Autostrada e né la 398, stiamo attenti a non passare come il territorio che non vuole l’autostrada».

 

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 1.5.2011. Registrato sotto Economia, Foto, ultime_notizie, video. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

12 Commenti per “ANSELMI: «L’ALTERNATIVA ALL’AUTOSTRADA E’ LA DILIGENZA»”

  1. marco

    Leggere tante parole dissennate tutte insieme mette a dura prova la capacita’ di restare calmi e cercare di rispondere educatamente.
    Avete firmato un protocollo dove veniva espicitatamente menzionata la parola pedaggio senza distinzione tra residenti e non. Poi avete fatto una manifestazione a Venturina intitolata “No pedaggio all’autostrada ” !
    Ora avete gia’ ricambiato idea e dita che il pedaggio e’ necessario !
    La parola “coerenza ” vi dice niente?
    L’autostrada non va fatta ,va solo migliorato quello che c’e ,semplice.
    L’autostrada non puo’ essere fatta a pagamento per il semplice motivo che sul territorio non esistono strade alternative che siano abbastanza sicure e di adeguate dimensioni per sopportare un flusso di traffico alternativo a quello autostradale. O forse il sig. sindaco e’ felice di ritornare a 25 anni fa quando sulla allora Aurelia non si contavano gli incidenti , i feriti e i morti a cadenza quasi giornaliera; o forse pensa anche che in futuro si preoccupera’ di scoraggiare le persone a passare dai centri di Venturina ,San Vincenzo , Donoratico , Cecina per evitare di intasare i centri citta’ ? Ci andra’ lui a dirigere il traffico ed indirizzarlo vero i caselli ?
    Faccio un esempio, la A26 che parte da Genova Voltri arriva fino a Gravellona Toce (VB) , da Gravellona in poi fino al confine di stato (Sempione) ,passando da Domodossola è rimasta una superstrada tipo la nostra perche la valle che parte da lì (val d’Ossola) e’ stretta e non avrebbe permesso una valida via di comunicazione alternativa all’autostrada a pagamento.Non si sono mai posti il problema pedaggio o no ,un cittadino degno dei suoi diritti deve poter scegliere senza per questo mettere in gioco la sua sicurezza e quella degli altri.
    Questa mi sembra “civilta’” !!
    A proposito sig sindaco ….visto che lei sembra propenso a proporre grandi opere ed avvantaggiare l’imprenditoria privata e edile nel nostro territorio, ho una domanda: ma lei e’ anche a favore del Nucleare e a difesa della privatizzazione dell’acqua?
    Con Rispetto

  2. Daniele

    La sicurezza dove la mettiamo? nessuno potrà obbligare i tir e le auto a prendere l’autostrada. Nessun sviluppo deve essere fatto sulla sicurezza delle persone.. mai.. figuriamoci da un partito che si definisce di sinistra.. il quale dovrebbe mettere al centro proprio la persona.
    Le aziende che sono nate sulle uscite della variante Aurelia subiranno un aggravio di costi, il pedaggio ricadrà su loro, quale sviluppo economico?
    La verità è che abbiamo i collegamenti fino a Grosseto poi nulla.. perché si mette mano dove la strada c’è?

  3. zeno

    tutto dell’argomento..ma proprio tutto… commenti compresi è assolutamente incomprensibile e mal esposto…
    non si può continuare a vivere solo di pane e polemiche

  4. Riccardo Gelichi

    Era sufficiente completare la superstrada fino a Civitavecchia, oppure rispettare gli accordi del 2010, che comprendevano le complanari, fra cui la 398 fino al porto. Oggi è tutto più complicato, il PD locale è schiavo di un accordo siglato dal Sindaco che prevede mezza strada e di cui non esistono ad oggi garanzie di finanziamento; accordo in cui, vorrei ricordare si prevede esplicitamente il pedaggio. Più che accettare un ordine del giorno pieno di contraddizioni , palesemente demagogico e fuori dalla realtà delle cose, si doveva chiedere chiarezza sul reale progetto e univocità di intenti con la regione per tutelare al meglio questo territorio.

  5. marco

    sindaco, ma mi faccia il piacere!!!! da v ergognarsi di essere piombinesi

  6. marco

    Vedo che di Marco ce ne sono due…io sono il primo.
    @ sig. Zeno
    Visto che lei ha detto che le cose scritte sono mal esposte ed incomprensibili…… aspetto da lei un chiara e cristallina esposizione riguardo alle problematiche in oggetto.
    Con rispetto

  7. giusy

    fate circolare il più possibile il video perché è più eloquente di molte parole… mandatelo in regione, a san vincenzo, a grosseto, a livorno… veramente istruttivo. Ognuno lo mandi dove può. Non c’è bisogno dello sputtanamento, è molto più efficace l’autosputtanamento

  8. Rinaldo

    La posizione espressa dal Sindaco è stata di una chiarezza esemplare, senza tanti fronzoli demagogici ha semplicemente ribadito il suo si ad un completamento della rete autostradale che vede sotanto la nostra area tirrenico-ligure assente. Tutto il resto sono chiacchiere che rischiano solo di allontanare per altri quarant’anni questa completamento tanto necessario per tutti, compresi i detrattori dell’ultima ora (per fortuna gli elettori lo capiscono bene…).
    Se tutte le forze politiche presenti escluso un consigliere del gruppo misto, hanno aderito ad un OdG e bocciato quello di questo consigliere una ragione dovrà pur esserci o questo signore ritiene di essere una sorta di Messia inviato dal Cielo?
    Saluti, Rinaldo Barsotti

  9. gianni c.

    ma chi sono quei due accanto al sindaco che ridacchiano? chissà cosa c’avranno da ridere. E questi dovrebbero essere i rappresentanti dei cittadini? un po’ di serietà via

  10. marco

    @sig.Rinaldo
    Come avra’ gia’ capito sono contrario alle sue idee, ma vado ad analizzare quello che ha scritto.
    La posizione del sindaco in consiglio comunale l’ho capita benissimo,e’ stata molto chiara e per questo i contenuti non mi sono piaciuti, per questo mi era parsa ambigua la manifestazione organizzata a Venturina.
    Poi che siamo rimasti i soli a non averla ,(a pagamento),non mi sembra un buon motivo per dire che sia necessaria la sua trasformazione . Per caso lei potrebbe dire che siccome siamo l’unico paese a non avere il nucleare ,sarebbe favorevole a trasformare la centrale ENEL in una a fissione nucleare?
    Fossi in lei, non sarei molto sicuro che sia un bene per il Pd che gli elettori capiscano bene tutto quello che decidete all’interno dell’ amministrazione.
    Ultima parte: visto gli ultimi consigli comunali non ho mai notato nei partiti , ovvero nelle persone che dovrebbero rappresentare i partiti di opposizine ,una grande vena critica , anche costruttiva ,verso i partiti di maggioranza.
    Come si dice : un’opposizione cosi’ la vorrebbe avere qualsiasi forza di governo.
    Il Messia e’ colui che pronuncia il “verbo” cioe’ la verita’ ,colui seguito dai credenti in maniera devota e assoluta; certo pero’ lo vedo male accostato ad un semplice consigliere di minoranza, se propio devo vederne uno lo vedo meglio accostato ad un leader tipo il sig. Anselmi.
    Lasci perdere gli attacchi personali sig.Rinaldo e rispondete seriamente alle domande che vi pongono i cittadini, qualcuna sopra e’ stata posta, provi con quelle oppure all”articolo pubblicato dal Sig. Parodi e dal sig.Serni dell’ Idv.
    Con Rispetto

  11. giuliano parodi

    la marea di menzogne e inesattezze dette dal sindaco e dall’assessore sono a dir poco imbarazzanti…brevemente la SAT non sborsava una lira, perche’ nel 2046 dopo aver preso 30 anni di pedaggi si beccava anche il subentro statale di importo pari al costo dell’opera (3 miliardi e rotti) a queste condizioni anche io posso costruire un autostrada senza spender una lira…
    il lotto zero e la 398 costano 231 milioni di euro e basta cosi’ e’ nella previsione finanziaria approvata con delibera 116 dal CIPE nel 2008…le altre cifre son chiacchere…
    acqua…ASA e’ al 40% in mano ai privati (IRIDE) che non ha messo una lira negli investimenti ma si e’ preso solo l’utile del 7% fisso (quello che andremo a togliere con il referendum)…infatti le perdite dell’acquedotto in val di cornia sono aumentate dal 32% fino al 47% e le tariffe sono aumentate del 72% in 10 anni (dati alla mano) senza contare il problema boro ed arsenico su cui nessun ha investito una lira fin ora nonostante l’imposizione della CE…
    conoscete Riccardo CONTI ex assessore regionale ai lavori pubblici del PD ora responsabile NAZIONALE per il PD delle infrastrutture…bene, siede nel cda della spa F2i societa’ che specula e compra quota di autostrade e aeroporti on un fatturato annuo e un dividendo di oltre 6 milioni di euro….poi ci credo che il PD non vuol rinnciare alla modernita’..questa ignifica moneta contante per le loro tasche..cosi’ come con la societa’ HOLCOA delle coop rosse che vuol comprare il 25% di SAT…perche’ di questo non si ragiona mai??? si parala solo per slogan…vergogna….

  12. Graziella Guglielmi

    Sig. Sindaco, dopo ever visto il suo intervento su you tube, mi viene spontaneo dire: mille parole di troppo. e sì, perchè con molto meno avrebbe potuto dire che lei, al dilà dei numerosi proclami e promesse, non è riuscito a portare in fondo neanche questo, almeno non in fondo facendo rispettare le nostre esigenze. E poi moderi le parole, io sono un cittadio che non vuole pagare il pedaggio ma non per questo sono retrograda; solo che voglio avere una possibilità di scelta e con l’Aurelia che in S.Vincenzo è dieventata strada comunale e parcheggio mi viene imposta una viabilità a pagamento,in cambio solo di cinque minuti di tempo risparmiati per Cecina, forse dieci se vado a Livorno a comprarmi le scarpe. Ma ce lo vuol dire una buona volta chi è riuscito tanto carinamente a farle cambiare idea? Se lo ricorda quando diceva che la 398 sarebbe stata pronta entro il 2009? O quando diceva che si poteva fare con la pioggia di milioni che sarebbero arrivati per i fanghi? O quando le sembrava una bazzecola l’attraversamento della Lucchini sia in superficie che con un tunnel interrato? Si rende conto che di tutto quelloche ha promesso sono ben poche le cose che è riuscito a realizzare? Giusto i marciapiedi (e qui stendo un velo pietoso) e le fognature al Chiassatello, di fatto solo quello che fa una amministrazione per la manutenzione del territorio, ma niente di epocale. Mi permetto un consiglio: ad evitare che si debba fare marcia indietro come per il parcheggio davanti ai vecchi licei, le ricordo che la zona dove avete previsto il nuovo parcheggio sotterraneo è ricca di acqua tanto che nell’angolo cìera anche un mulino. Dispiacerebbe dover assistere ad un altro croll, ed altra cosa: quegli alberi, non si possono togliere per fare i lavori e rimetterli a dimora come ha detto un suo assessore. A tuttoc’è un limite,anche alle prese di giro:
    Graziella Guglielmi
    p.s. Oscar wilde ha detto: agli esami gli sciocchi fanno spesso domande a cui i saggi non sanno rispondere.

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    41 mesi, 1 giorno, 16 ore, 20 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it