BALDASSARRI (PD): «PIU’ ATTENZIONE NELLE PROCEDURE DI DEMOLIZIONE»

la demolizione di parte del capannone

Piombino (LI) – Riceviamo e pubblichiamo dal Segretario comunale del PD ddi Piombino Andrea Baldassarri.

«Le modalità utilizzate per la demolizione del capannone della colata continua tra via Cavallotti e via Porto Vecchio hanno destato giusta preoccupazione nella popolazione che vive nelle zone limitrofe. Ha causato notevole spavento, soprattutto, la dispersione incontrollata di enormi quantità di polveri che si sono sollevate durante le operazioni di demolizione, così come testimoniano numerosi video e immagini.

Lo smantellamento degli impianti dismessi è un’operazione utile e necessaria, ma che deve avvenire nel rispetto della sicurezza dei lavoratori che vi operano e delle persone che vivono e lavorano in quell’area. In questa circostanza ci sembra che nessuna sufficiente precauzione sia stata adottata per proteggere le persone dei rischi di interferenza che una demolizione così complessa e così estesa avrebbe inevitabilmente causato.

In particolare nessuna misura è stata presa per la preventiva bonifica dell’impianto dalle polveri accumulate o, quantomeno, per una efficace bagnatura delle strutture in demolizioni che
riducesse la dispersione delle polveri stesse.

L’accordo di programma del 2018 prevede la redazione da parte dell’azienda di piani operativi di dettaglio per le varie attività di smantellamento da trasmettere alla Regione Toscana per analisi e approvazione da parte di un pool di tecnici.

In questo caso ci risulta che si sia proceduto alla demolizione previa presentazione in Comune di una normale CILA. L’amministrazione avrebbe dovuto chiedere l’applicazione dell’accordo del programma e il coinvolgimento della Regione.

Avrebbe dovuto, inoltre, effettuare un attenta attività di sorveglianza, anche con il coinvolgimento degli enti preposti alla sicurezza ambientale e a quella del lavoro. Si è lasciata all’azienda, invece, totale libertà di azione, con il risultato che tutti abbiamo potuto osservare.  Si suppone che nei prossimi mesi saranno oggetto di demolizione impianti ancora più pericolosi rispetto alle colate continue come, in particolare le cokerie.

Un eventuale mancato rispetto delle procedure di sicurezza comporterebbe in questo caso un gravissimo rischio per l’intera città. Contiamo dunque in una maggiore attenzione da parte del comune che, in questa circostanza, è totalmente mancata».

UNIONE COMUNALE PD PIOMBINO

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 23.7.2022. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    61 mesi, 7 giorni, 0 ore, 50 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it