LETTERE: PIOMBINO E LA POLITICA DEI RIFIUTI

Piombino (LI) – Pubblichiamo una lettera, giunta in redazione, che cerca di guardare la vicenda Piombino in modo un po’ più lungimirante di come viene vista dai politici e movimenti presenti sul territorio. Sperando di essere stati utili nel dare un contributo all’avvio di una discussione più virtuosa sul tema.
__________________________

La politica dei rifiuti

Ci sono vicende che sembrano avere eco solo locale. In realtà, riguardano tutti, per le conseguenze che possono avere e per la temperie culturale che denunciano. Tra queste, senz’altro, la vicenda della discarica di Piombino.

Per anni, è stata gestita come un bancomat occupazionale e per consentire buoni affari a taluni. Poi, qualcuno si è accorto che poteva costituire un problema, ambientale ed economico.
Ma anziché trovare una soluzione, se ne è fatta bandiera ideologica.

Così, complici anche le miopie egoistiche dei privati e l’abitudine di tutti a pensare che nella caciara e non nel lavoro si trovano le soluzioni, la società a partecipazione pubblica che gestisce la discarica fallirà; i comuni che l’hanno usata verranno (forse, ndr.) massacrati da cause milionarie, che si concluderanno quando i responsabili avranno asceso le vette della loro carriera altrove; qualcuno farà di nuovo un buon affare e la cittadinanza e il territorio pagheranno l’impossibilità di individuare chi sarà tenuto ad una bonifica, che – tra l’altro – ben programmata, avrebbe potuto essere anche un buon affare e portare occupazione.

Però, nessuno dirà, scriverà, urlerà questa verità: qualcuno chiederà solidarietà per i lavoratori disoccupati; qualcun altro dirà che è colpa di quelli di prima; quelli di prima che è colpa di quelli di poi. E in un territorio un tempo ricco ed ora anche socialmente devastato saranno tutti contenti, chi in maggioranza e chi all’opposizione.

Avv. Paolo Cicico

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 17.5.2021. Registrato sotto Foto, Lettere, Toscana-Italia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    47 mesi, 24 giorni, 1 ora, 8 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it