PIOMBINO: JINDAL COMPRA GSI, SINDACATI MOLTO PERPLESSI

Marco Carrai Vice presidente di Jindal Steel Italy

Piombino (LI) –  C’è fibrillazione fra i sindacati per la notizia che Jsw Steel Italy ha stipulato un accordo di acquisto di azioni con Industrial Development Corporation, Sud Africa per acquisire il 30,73% della partecipazione di Gsi Lucchini S.p.A., versando in contanti un milione di euro. Acquisizione effettuata per rafforzare la presenza nei mercati esteri dei mezzi di macinazione. La controllata italiana di Jsw Steel detiene già il saldo del 69,67% del capitale di Gsi.  Questa mossa non tranquillizza però i sindacati che stanno attendendo la decisione di Jindal sull’ultimatum dato dal Ministro Patuanelli su Piombino.

Fim, Fiom e Uilm stanno infatti lavorando per ottenere il rispetto dell’ultimatum del ministro. «La situazione in cui si trova il sito siderurgico di Piombino ha necessità di poter disporre di un immediato piano di investimenti pubblici e privati che, insieme all’impegno delle Istituzioni, veda la convinta e concreta disponibilità dell’attuale proprietà, troppi sono i mesi trascorsi senza un vero piano di rilancio dello stabilimento, che rischia di vedere i propri impianti non più adeguati sul piano produttivo rispetto agli standard di qualità richiesti dal mercato, così come alla fondamentale esigenza di un recupero di marginalità delle proprie produzioni.

Il Governo può e deve porre la proprietà di fronte alla scelta di chiarire i suoi obiettivi su Piombino e concretizzare l’ingresso di Invitalia a cui fino ad ora ha dato solo una disponibilità informale, oppure percorrere soluzioni alternative, senza escludere l’individuazione di possibili nuovi partner imprenditoriali che, affiancati dall’intervento diretto dello Stato in qualità di soggetto di stimolo, supporto e controllo, consenta di superare il perdurare di questa situazione di incertezza».

L’ingresso di Invitalia nel capitale sociale – secondo Fiom, fim e Uilm – diventa quindi fondamentale per dare concretezza ad una prima fase di revamping degli impianti non più rinviabile.

L’UGL Metalmeccanici è anche più drastica: «La notizia dell’acquisizione da parte di Jsw della totalità azionaria di Gsi, a pochi dalla convocazione del Ministero del 30 Dicembre, è un segnale gravissimo. Il pieno controllo della Gsi fa ben capire l’intenzione della multinazionale: ovvero tenersi l’unica porzione di fabbrica con bilancio positivo e lasciare in balía della disponibilità del Governo nel mettere soldi o, in caso contrario, licenziamenti collettivi. Altra ipotesi non meno grave, la possibile delocalizzazione di Gsi o l’inizio del cosiddetto ‘spezzatino’, ovvero tenere la parte redditizia abbandonando il resto, lavoratori inclusi».

Questo è lo scenario dell’Uglm avanzato a seguito delle notizie relative allo stabilimento Jsw Steel Italy a Piombino. «Dobbiamo svegliarci dal torpore. Non possiamo cedere a ricatti di questo genere. – hanno commentato – È il momento di dare un segnale forte sia a Jsw sia al Governo. Occorre una grande mobilitazione dell’intero territorio perché temiamo che siamo giunti davvero al tragico epilogo ed in gioco c’è il futuro di tutti».
Aspettiamo quindi la data di convocazione presso il Ministero, visto che è scaduto l’ultimatum che il ministro dello sviluppo economico Stefano Patuanelli aveva dato a Jindal: “prendere o lasciare” entro Natale.
Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 25.12.2020. Registrato sotto Economia, Foto, Toscana-Italia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    42 mesi, 20 giorni, 23 ore, 26 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it