PORTUALITA’: BENE LIVORNO, MA NON DECOLLA PIOMBINO

Il porto di Piombino nei giorni scorsi

Livorno – Il porto  da record nel traffico RO/RO e dei Traghetti, con  lo scalo labronico, 2° porto in Italia per traffico complessivo al netto delle rinfuse liquide. A Piombino ripartono i traffici siderurgici grazie a Jindal.

Segni più davanti a quasi tutti i principali indicatori di traffico. Il 2019 si è chiuso positivamente per i porti dell’Alto Tirreno, che hanno complessivamente movimentato 44.973.226 tonnellate di merce, chiudendo l’anno con un +2% (terzo anno consecutivo di crescita).

Il risultato è stato ottenuto soprattutto grazie alla prestazione da record fatta registrare dallo scalo labronico, che ha superato il primato dell’anno precedente movimentando 36.715.346 tonnellate di merce (+0,4%). Bene anche il porto di Piombino, dalle cui banchine sono transitate in tutto 5.466.146 tonnellate di prodotti (+14,8%), mentre i porti elbani hanno movimentato 2.791.734 tonnellate di merce (+1%).

I rotabili
Il settore dei rotabili ha fatto registrare l’aumento record del porto di Livorno, segnando un nuovo primato per lo scalo: complessivamente, sono transitate dalla banchine dello scalo 518.873 mezzi commerciali (+2,3% sul 2018).

I passeggeri
Livorno, Piombino e i porti elbani hanno chiuso l’anno con una crescita del traffico passeggeri pari allo 0,1%. In tutto, sono transitati dai porti del Sistema 9.786.648 passeggeri: 8.898.302 pax traghetti (-0,6%) e 888.346 crocieristi (+7,6%), di cui 832.121 nel solo scalo labronico (+5,8%), 24.377 nel porto di Piombino (+91%) e 31.848 nei porti elbani (+20%).

Nel traffico traghetti va registrato il nuovo primato del porto di Livorno, che ha movimentato 2.734.150 passeggeri (+3,1% rispetto al 2018). Piombino invece ha fatto segnare una piccola battuta d’arresto (-2,3%) con le sue 3.175.317 unità. In leggera flessione anche i porti elbani (2.988.835 pax, -1,8%).

Le rinfuse
Le buone prestazioni sul fronte dei passeggeri si uniscono a quelle fatte registrare dal sistema portuale nel traffico rinfusiero. Nel 2019 si sono ottenuti valori positivi per le rinfuse solide (3.183.965 tonnellate, +55,4%). In questo caso, a trainare la crescita è stato il porto di Piombino, che grazie alle attività di JSW e Piombino Logistics e ai rapporti commerciali con l’India ha consolidato i già buoni risultati del 2018. Nell’anno appena trascorso lo scalo ha infatti movimentato 2.401.775 tonnellate di dry bulk (+89,7%).

Nel campo delle rinfuse liquide sono state movimentate 9.107.837 tonnellate di merce, con una riduzione complessiva del 4,8%.

Container
Sul fronte della merce containerizzata, va segnalato come lo scalo labronico si sia riavvicinato al massimo storico del 2016, quando sono stati movimentati 800.475 TEU. Nel 2019, infatti, sono stati sbarcati/imbarcati contenitori pari a 789.833 TEU, di cui 393.428 in sbarco (+6,5%) e 396.405 in imbarco (+4,7%).  Sono aumentate le attività di trasbordo (+49%): al netto del transhipment, sono stati caricati e scaricati 559.515 TEU (-5,8%), di cui 423.473 container pieni (-8,4%) e 136.042 vuoti (+3,7%). Il risultato riflette l’andamento particolarmente critico della produzione industriale e dell’economia generale del Paese.

Prodotti forestali e auto nuove
Sempre a Livorno va registrata la sostanziale tenuta del traffico dei prodotti forestali, uno dei core business del porto (1.645.564 tonnellate, -0,1%). Sono invece diminuite le auto nuove: ne sono state movimentate 640.752, con una flessione del 3,8% rispetto al 2018, anno in cui – tuttavia – lo scalo ha fatto registrare la sua movimentazione record. Si tratta del terzo anno consecutivo in cui il porto rimane sopra la soglia delle 600.000 unità movimentate.

Le navi
All’incremento del traffico complessivo ha fatto seguito un lieve calo del numero degli scali. Rispetto allo scorso anno, infatti, sono arrivate nei porti dell’Alto Tirreno 34.823 navi, lo 0,3% in meno rispetto al 2018. Va sottolineato che sono aumentate le full containership con capacità maggiore di 7500 TEU: nel 2019 ne sono arrivate 95 (22 in più rispetto al 2018).

___________________________

SUL CORONAVIRUS CORSINI CONVOCA IL TAVOLO DI COORDINAMENTO TRA LE ISTITUZIONI

stefano corsini

Un tavolo di coordinamento per affrontare l’emergenza Coronavirus e le ricadute che le nuove misure anti-contagio stanno avendo sul fronte dei porti del Sistema. Lo ha convocato per domani il presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Settentrionale, Stefano Corsini.

«Le disposizioni aventi ad oggetto attività di interesse portuali cominciano ad essere diverse», ha detto Corsini, che ha citato a titolo di esempio il chiarimento del Capo Dipartimento della Protezione civile sul trasporto delle merci e la direttiva del Ministero dell’Interno secondo la quale ai membri degli equipaggi non saranno per il momento rilasciati visti d’ingresso.

«Tali disposizioni (a cui si aggiungono gli ultimi dpcm del Governo e l’ordinanza regionale n.9 dell’8 marzo 2020, ndr), ovviamente generali ed inderogabili, vanno calate nelle realtà locali, con l’obiettivo di assicurare la massima collaborazione nell’evitare eccessive concentrazioni di persone», afferma il n.1 dei porti di Livorno e Piombino, che aggiunge: «E’ inoltre necessario prevedere forme di organizzazione del lavoro portuale che consentano l’effettivo rispetto delle indicazioni precauzionali fortemente pubblicizzate, ma difficilmente attuabili in porto, quali ad esempio la distanza minima di un metro tra le persone».

Per affrontare in forma congiunta queste problematiche, Corsini ha pertanto invitato tutte le Istituzioni interessate a partecipare al tavolo di coordinamento, strumento previsto dall’art. 8, comma 3, lettera g della legge sui porti (la 84/94).

In particolare, sono stati invitati: il prefetto, il questore e il sindaco di Livorno; il comandante della Capitaneria di Porto; il presidente della Giunta regionale della Toscana; i sindaci di Portoferraio, Rio Marina, Piombino e Capraia; il Comandante provinciale dei Carabinieri e quello della Guardia di Finanza, l’Asl Nordovest; l’Ufficio di Polizia di Frontiera e l’USMAF.

La riunione si svolgerà mercoledì 11 marzo in video-conferenza a partire dalle ore 15.00.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 11.3.2020. Registrato sotto Economia, Foto, Toscana-Italia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    39 mesi, 0 giorni, 19 ore, 33 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it