PIOMBINO: IL COMUNE FORTEMENTE CONTRARIO AI PANNELLI FOTOVOLTAICI A TERRA

l'area dei pannelli fotovoltaici

premi per ingrandire la mappa

i pannelli saranno allo svincolo della SS398

Piombino (LI) –  La Toscana ha vietato già dal 2011 di mettere a terra i pannelli solari, escludendo però da questo saggio divieto solo l’1% del territorio regionale, motivando questa scelta che quei terreni sono meno pregiati. Ma così non sembra proprio essere per l’appezzamento in Bocca di Cornia, che si trova tra lo svincolo della SS398 e l’uscita artigianale di Piombino sulla 4 corsie, e che già subisce un rilevante carico antropico (come il resto della città di Piombino del resto, ndr.) per un SIN di quasi 1000 ettari mai bonificato e una discarica che ha raccolto rifiuti da ogni dove per anni. Una città che quindi proprio non sente il bisogno anche di decine di ettari di pannelli fotovoltaici in aperta campagna vista superstrada che di sicuro saranno un altro bel biglietto da visita per il turismo cittadino.

Piombino quindi, dopo il rilevante impatto visivo prodotto dal parco eolico e da “Monte Puzzo”, non sente davvero il bisogno anche di qualche decina di ettari di pannelli fotovoltaici a terra all’ingresso della città, impianti peraltro vietati in tutto il resto della Toscana, e l’amministrazione comunale ci tiene a ribadirlo con forza ed in modo esplicito. Leggiamo insieme il comunicato.
________________________________

premi per ingrandire la mappa

«Siamo a favore delle energie rinnovabili ma senza ulteriore consumo di territorio». Il sindaco di Piombino Francesco Ferrari esprime la posizione dell’amministrazione comunale in merito al progetto di realizzazione di un parco fotovoltaico di 30.528 pannelli  su circa 16 ettari di terreni nella zona Bocche di Cornia.

Un progetto che attualmente è depositato sui tavoli della Regione in attesa della verifica di assoggettabilità a Vas.

«Il Comune purtroppo non ha il potere di fermare l’iniziativa; se dalla verifica che la Regione porterà avanti emergesse che il progetto è compatibile con il Piano ambientale ed energetico regionale e con la pianificazione urbanistica del Comune, approvata nelle precedenti legislature,  non potremmo fare niente per impedire l’installazione di questi pannelli.

l’impatto visivo delle pale eoliche

Detto questo, pensiamo che la sostenibilità ambientale debba essere un concetto ampio che includa anche la salvaguardia del territorio dal punto di vista produttivo e paesaggistico. Siamo pertanto  favorevoli alla produzione di  energia elettrica con l’uso di pannelli fotovoltaici, dal momento che si utilizza una fonte energetica inesauribile che contribuisce in modo sostanziale alla riduzione di emissione in atmosfera di gas serra, ma pensiamo che questo debba avvenire utilizzando prevalentemente i tetti dei capannoni e degli edifici, piuttosto che installando schiere di pannelli in file parallele in mezzo alla campagna. Il paesaggio rappresenta un valore prezioso, un bene assolutamente da tutelare.

Ricorrere a una fonte energetica rinnovabile consumando un’altra risorsa non riproducibile, il suolo, rappresenta pertanto una contraddizione e una pratica miope, poco utile per la crescita dei territori e per il bene comune. Per questo ci impegneremo per inserire nei prossimi piani urbanistici degli incentivi che possano favorire l’installazione dei pannelli fotovoltaici sui tetti delle abitazioni e degli edifici».

DALLA MAPPA, CHE PUO’ ESSERE CONSULTATA NEL LINK SOTTOSTANTE, SI VEDE LA SITUAZIONE DI VINCOLO
LA LEGGE PUO’ ESSERE CONSSULTATA AL SEGUENTE INDIRIZZO
Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 11.1.2020. Registrato sotto ambiente/territorio, Foto, Toscana-Italia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    39 mesi, 28 giorni, 13 ore, 43 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it