PIOMBINO: “OSPEDALE, PRIMA IL RISPARMIO E POI LA SALUTE”

Piombino (LI) – Riceviamo e pubblichiamo una importante nota della lista “Lavoro eAmbiente” su punto nascita e pronto soccorso dell’ospedale di Piombino.

“A Piombino il punto nascita è chiuso dal 22 giugno; ci hanno detto che si tratta di una chiusura temporanea e noi ci aspetteremo che l’azienda sanitaria Nord Ovest metta in atto tutte quelle procedure necessarie per mettere a norma e in sicurezza le donne e i neonati tramite provvedimenti di ristrutturazione del reparto e di assunzione di personale medico ginecologico e pediatrico.

Invece dobbiamo assistere all’assurdo provvedimento che vede coinvolti i medici e infermieri del Pronto Soccorso e del 118 obbligandoli a frequentare un corso di formazione della durata di ben 6 ore, perché per l’azienda sanitaria nordovest 6 ore di formazione sono sufficienti per poter affrontare tutte le possibili complicanze per la donna e per il bambino che possono verificarsi durante un parto.

Consideriamo questa soluzione proposta dalla ASL Nord Ovest come approssimativa è pericolosa frutto di una politica cieca che vuole depotenziare quanto più l’ospedale di Piombino senza tener conto del diritto a poter partorire in sicurezza per le donne e a nascere in sicurezza per i bambini; dobbiamo anche sottolineare come il protocollo previsto dall’azienda sanitaria preveda il trasferimento in ambulanza, con i problemi di viabilità che tutti noi conosciamo, senza che la donna sia assistita da un ginecologo o da una ostetrica, mentre invece le normative regionali definiscono i trasferimenti In utero come trasferimenti speciali e dunque normati da regolamenti ben precisi.

La Regione Toscana e l’ASL mentre sostengono la chiusura del punto nascita perché “non in grado di garantire la migliore esperienza clinica e l’organizzazione necessarie per prevenire ed eventualmente affrontare le situazioni a rischio” costringono le donne a recarsi a Cecina, senza un’assistenza qualificata, senza una struttura che possa supportarle in caso di complicazioni e perciò esposte ad ogni possibile rischio. Una contraddizione insostenibile, dettata solo da una politica che antepone il risparmio al diritto dei cittadini alla salute e alla sicurezza”.

LISTA CIVICA LAVORO&AMBIENTE

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 24.9.2019. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    44 mesi, 8 giorni, 1 ora, 1 minuto fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it