LA GIUSTIZIA ‘DECENTRATA’, IN TOSCANA GLI UFFICI DI PROSSIMITÀ

FIRENZE – Uffici giudiziari di prossimità ai nastri di partenza.Tutto è pronto per il bando che servirà a raccogliere la manifestazioni di interesse dei Comuni e delle Unioni di Comuni che li vorranno ospitare sul loro territorio, mettendo a disposizione locali e personale. Prende in questo modo il via la prima fase del progetto coordinatore dal Ministero della Giustizia e nato per avvicinare la giustizia ai cittadini.

L’idea è semplice ed era già stata lanciata dal precedente ministro e governo: aprire uffici nelle città che hanno perso i tribunali e che comunque ne sono parecchio distanti, oppure in quelle realtà dove molti sono gli utenti, in modo che i cittadini abbiano la possibilità di presentare pratiche che hanno a che fare con la volontaria giurisdizione, come la domanda per l’amministratore di sostegno ad esempio, senza doversi spostare troppo. Un aiuto in particolare alle fasce più deboli, possibile grazie anche all’informatizzazione di alcuni servizi. Il progetto, finanziato dal Fondo Sociale Europeo, ha visto nei mesi scorsi un’intensa collaborazione tra il Ministero e la Regione Toscana che, insieme alla regioni Piemonte e Liguria, propone un modello e strumenti esportabili in altre regioni.

“Si tratta di un passaggio importante per avvicinare i servizi ai cittadini – sottolineano il presidente della Toscana Enrico Rossi e l’assessore Vittorio Bugli –. Con questo progetto prosegue la collaborazione della Regione con il Ministero della giustizia”. E’ lo stesso spirito che ha portato la Regione a tenere a battesimo quattro anni fa Open Toscana, una piattaforma per accedere ai servizi on line della Pa in maniera semplice, e che tra gli sportelli virtuali creati ha previsto anche quello della cancelleria telematica e della cancelleria distrettuale, con 80 e 40 mila accessi nel corso di tutto il 2017. “Gli Uffici di prossimità – aggiunge Rossi – saranno un ulteriore aiuto per le realtà più disagiate”.

Il progetto del Ministero della Giustizia è nazionale e rientra tra le azioni finanziate dal Pon Governance e Capacità 2014-2020. Prima della sua attuazione in tutta Italia sarà sperimentato in tre regioni: la Toscana appunto che è la prima a partire, la Liguria e il Piemonte, le quali metteranno a punto modelli e strumenti da proporre a tutte le altre. Gli sportelli troveranno casa nei comuni situati nelle aree più deboli o nelle zone in cui gli uffici giudiziari sono più lontani e nelle aree più densamente popolate; aperti per almeno due giorni a settimana. La Regione, in collaborazione con la Corte d’appello e i Tribunali, assicurerà la formazione degli operatori addetti agli uffici di prossimità, l’allestimento delle postazioni, l’avvio dell’attività e l’informazione ai cittadini. I Comuni ci metteranno il personale, i locali e la strumentazione.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 4.8.2018. Registrato sotto cultura, Foto, Toscana-Italia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    17 mesi, 15 giorni, 22 ore, 34 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it