PIOMBINO: UGL ED USB MOLTO PREOCCUPATE PER IL FUTURO

UGL: ALLUNGARE LA SORVEGLIANZA E BONIFICHE DEL SIN

Cartelli di protesta per lavoro e bonifiche

«Ancora nessuna certezza per il futuro di quello che un tempo era il secondo polo siderurgico italiano. Certo e’ comprensibile che un esperto del settore quale Jindal faccia tutte le valutazioni del caso ma sarebbe opportuno che i rappresentanti sindacali fossero coinvolti ed aggiornati sulle tempistiche e sulle difficoltà che oramai, chiaramente, esistono . Il confronto dovrebbe essere, intanto, con chi ancora oggi rappresenta un Ministero e sicuramente immediato quando e se ci sarà il nuovo Governo visto che oramai è chiaro: i tempi saranno lunghi.

Le priorità dal canto nostro sono:
– Allungare i tempi della sorveglianza da parte del Governo ;
– Esigere un piano governativo per iniziare le bonifiche del SIN e mettere in sicurezza gli impianti che sono a rischio;
– Promuovere con la Regione Toscana azioni mirate come area di crisi complessa .

Riteniamo che sia arrivato il momento di far sentire la voce di un territorio che da anni è ostaggio di promesse. Il mantra del tornare a colare acciaio a tutti i costi non dipende certo dai lavoratori e/o dai sindacati. Nella vita comune il semplice desiderio non porta all’attuazione dello stesso.

Occorre un piano ben preciso che preveda, potrebbe sembrare un paradosso, quello che il tanto acclamato uomo dell’anno Rebrab aveva previsto nel suo: diversificazione e settori mirati per la piena occupazione ma anche, aggiungiamo noi, per prospettive nuove di un territorio che sopravvive, per la maggior parte, di ammortizzatori.

A proposito anche di questi, della loro durata e tipologia bisognerà iniziare a discutere visto che appunto i tempi si dilatano. Con la speranza di tornare presto ad un territorio che sia futuro per i nostri figli dove il lavoro, la salute e la dignità si tengano per mano».

Segreterie provinciali
Uglm e Ugl terziario

________________________________

USB: LA VAL DI CORNIA E’ SUL FILO DI UN RASOIO

«Siamo in una situazione molto drammatica, Aferpi non si sa che fine farà, silenzio più assoluto, la Magona Arcelor-Mittal saltato l’accordo con Arvedi, deve partecipare ad una asta imposta dell’Antitrust e quindi, per il momento silenzio più assoluto, la UniCoop riprendono le trattative ma come sempre per la peggiore tocca ai lavoratori, la discarica della Rimateria idem, quindi la Val di Cornia è veramente sopra un filo del rasoio, per il propio futuro ma soprattutto per il futuro di migliaia di lavoratori.

Crediamo che lavorare la domenica non sia un problema specialmente per i lavoratori del treno rotaia solo, per il rispetto di chi è a casa, il problema nasce se al TPP per lavorare la domenica si debba riccorrere agli straordinari, che potrebbero essere fatti anche in caso di qwerty o di esigenze di un singolo lavoratore.  Cosi fosse chiediamo, di poter inserire lavoratori che sono a casa ormai da tempo per dargli dignita e speranza».

Usb PIOMBINO

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 24.4.2018. Registrato sotto Economia, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    13 mesi, 15 giorni, 9 ore, 9 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it