CAMPING CIG: LETTERA APERTA AI LAVORATORI DELLA SIDERURGIA E AI SINDACATI

Piombino (LI) – Riportiamo integralmente un comunicato del Camping CIG sulla attuale situazione economico-sociale della città di Piombino e della Val di Cornia.

«Siamo un gruppo di lavoratori della fabbrica siderurgica di Piombino, di varia estrazione sindacale o politica o “senza tessera”,  riuniti in un coordinamento che dal 2015 lotta per mantenere l’industria siderurgica a Piombino, riassorbire i posti di lavoro perduti e creare nuove possibilità di sviluppo e di occupazione nella nostra zona.

La nostra storia, nella sua drammaticità, è molto semplice: nel 2012 il precedente proprietario dichiara fallimento. Interviene il governo che mette la fabbrica sotto tutela: nomina un commissario straordinario per la liquidazione dei debiti e per la vendita del complesso industriale. Dopo una serie di manifestazioni d’interesse (tra cui quella di un truffatore internazionale già colpito da condanne, ma fortemente caldeggiato da forze politiche e sindacali locali), nel giugno 2015 si è arrivati a firmare un contratto di vendita con un imprenditore algerino senza nessuna esperienza nel settore.

Costui ha fatto promesse mirabolanti, senza mai presentare un piano industriale e/o garanzie finanziarie. In cambio ha però preteso (e ottenuto!) un accordo sindacale che tagliava tutta la contrattazione di 2° livello, con una perdita di salario di circa il 30% e l’annullamento di buona parte dei diritti. A causa delle inadempienze dell’imprenditore, recentemente il Governo ha avviato le procedure per rescindere il contratto di compravendita cosa che peraltro noi chiedevamo da un anno e che oggi chiedono gli stessi sindacati. Come vedete, una storia molto simile alla vostra o a quella che potrebbe diventare la vostra. Tra i nostri maggiori rimpianti c’è quello che nessuno ha mai voluto unificare le lotte dei siderurgici ed ogni fabbrica è stata lasciata da sola.

Noi riteniamo sia giunto il tempo di rompere questo isolamento costruendo dal basso un fronte coerente che spinga   le forze politiche e sindacali  ad assumersi loro responsabilità.

Per quanto riguarda la nostra realtà, buona parte del futuro si deciderà nelle prossime settimane.

Proponiamo quindi di organizzare a Piombino una giornata di dibattito, come forma di solidarietà ai lavoratori che hanno tempi stretti davanti a loro e come prima forma di costituzione di un fronte  all’interno del quale discutere di rivendicazioni, metodi di lotta e quant’altro.

Speriamo vivamente che raccogliate il nostro invito».

Camping CIG

_________________________________

Per comunicare con il Camping CIG per adesioni, date possibili, proposte, informazioni questi sono i contatti:

Claudio Gentili: gentiliclaudio2@gmail.com; cell 3201426613

Paolo Francini: cell 3341474905

Francesco Pappalardo: fr.pappalardo@gmail.com; cell 3471271998

Maurizio Rossi: mauricciolo11@libero.it; cell 3471736781

Paolo Gianardi: pgianardi@yahoo.it; cell 3477074986

Pagina Facebook: Coordinamento Art. 1 – Camping CIG

 

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 19.1.2018. Registrato sotto Foto, sociale, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    9 mesi, 22 giorni, 12 ore, 59 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it