PIOMBINO: VERSO LA FINE DELLA SIDERURGIA, IN UNA CITTA’ IN SONNO

sciopero camping cigPiombino (LI) – Riportiamo integralmente il comunicato del Camping CIG sulla situazione siderurgica Piombinese e sulle sue enormi contraddizioni.

«In questi giorni, a Piombino – inizia il canpin CIG – nel nono mese dell’ era Cevital , sembra di vivere nel mondo dell’assurdo come in una commedia di Ionesco o in una dimensione onirica:

1 – Nell’assemblea del Phalesia,  i sindacati hanno       comunicato ai lavoratori che, per quanto riguarda il progetto Aferpi, siamo al conto alla rovescia , pochissimi giorni a disposizione per dimostrare, da parte di azienda e istituzioni, che non si sia trattato di una colossale truffa, come tutto lascerebbe pensare e come denunciato dallo stesso Landini a Piombino nell’ ultima manifestazione .

2 – L’ Ad. di Aferpi, Azzi , intervenendo alla presentazione di un libro dichiara che “ C’è un 30% di possibilità che un’impresa siderurgica come quella di Piombino riesca ad affrontare e vincere il processo di trasformazione “, praticamente più di due probabilità su tre di fallire. Anche a volergli credere ( nonostante che verrebbe spontaneo pensare che quella percentuale è gonfiata da un forte ottimismo di facciata), rimane solo da  recarsi in chiesa per accendere il classico cero perché avvenga il miracolo.

3 – Ci risulta che il Comune non abbia ancora a disposizione nessun documento per procedere con le bonifiche e gli interventi annessi.  Aferpi non ha presentato alcun documento, nonostante quanto preventivato e promesso, quindi la prima conferenza di servizio non c’è stat

4 – Anche Invitalia non ha ancora depositato nessun altro documento,niente di nuovo neppure sul piano delle demolizioni .Ormai, siamo non a tempi dilatati ma a quelli geologici.

5 – L’azienda annuncia che sta acquisendo commesse ( fra l’altro  quantitativi modesti rispetto alle potenzialità produttive) per le rotaie e nel frattempo predispone la fermata per alcune settimane del TPP, cioè proprio il laminatoio che produce le rotaie, unico punto di forza dello stabilimento. Si dice che mancano i semiprodotti per laminare, ma viene da pensare che manchino perché,    innanzitutto, mancano i soldi per ordinare a tempo debito le billette e blumi, cioè è quasi vuota la cassa per garantire il normale standard lavorativo.

6 – Cevital annuncia lo sblocco dall’Algeria di 65 milioni, che non si capisce bene nemmeno a cosa siano destinati e comunque restano una piccola cosa rispetto ai 600 milioni  necessari per realizzare la nuova acciaieria e il nuovo laminatoio per le rotaie, certo non risolutiva per l’intero progetto di Piombino che comprende anche il Progetto Piombino Agroindustria ( caduto nel dimenticatoio ) che richiede investimenti valutati in circa € 220 milioni, che permetterebbe di creare 700 nuovi posti di lavoro,       il Porto e Logistica       con un investimento necessario di circa di € 50 milioni e l’occupazione , si presume , di 50 unità.

7 – I sindacati annunciano il rientro in fabbrica di 205 lavoratori  attualmente in cig , lavoratori che saranno parcheggiati in contratto di solidarietà a totale carico dello Stato , secondo fonti attendibili si presume che questi lavoratori non lavoreranno neppure un giorno al mese .

8 – Nell’incontro, del 17 us  al MISE , della cosiddetta cabina di regia, le istituzioni producono, per l’ennesima volta , un nulla di fatto su tutto: per la strada 398, costo dell’energia per la Magona , allungamento degli ammortizzatori sociali non si è risolto niente.

In un Paese normale, di fronte a tutto questo, assisteremmo alla reazione di una comunità con i nervi a fior di pelle, a sindacati e istituzioni locali intenti a promuovere, insieme ai lavoratori e a tutti i cittadini, iniziative eclatanti per  evitare di precipitare oltre l’orlo del baratro, facendo diventare la nostra vicenda una priorità nazionale. Invece, a Piombino tutto tace, tutto è avvolto in una cappa di inerzia , quasi di omertà. Sembra che tutto vada così bene che resta solo da premiare chi ci ha condotto  a cotanti successi e sorti meravigliose.

Chi si ostina ad alimentare il “mondo dell’assurdo” si sta assumendo responsabilità  che non ammetteranno nessuna attenuante. Per questo si convochino subito le assemblee in fabbrica e si decidano con i lavoratori forme di mobilitazioni incisive che coinvolgano tutto il territorio, ogni giorno che passa è un giorno che ci avvicina alla fine. Se nulla accadrà vorrà dire che si sarà scelto deliberatamente di ingannare i lavoratori, sacrificando le loro vite a ben altri interessi.

Piombino19 marzo 2016

Gruppo Minoranza Sindacale – Camping CIG

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 20.3.2016. Registrato sotto Economia, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

5 Commenti per “PIOMBINO: VERSO LA FINE DELLA SIDERURGIA, IN UNA CITTA’ IN SONNO”

  1. Eraldo Maestrini

    Il comune, ma è un’utopia in questa mentalità così retrograda, dovrebbe dare incarico a qualcuno veramente in gamba e del settore (ma che venga da fuori, dalla Romagna, dalla Versilia, non di certo da qui) di gestire la transizione di città industriale a città turistica nel vero senso della parola. La fabbrica, l’acciaio e compagnia dicendo, pur avendo rappresentato un grande passato, per ovvi motivi non potrà mai più garantire il futuro, nostro e delle future generazioni, Qui, o si attua una trasformazione radicale e si lascia perdere progetti utopici di grande industria dell’acciaio, o Piombino affonda per sempre e tutti coloro che sono in età lavorativa saranno costretti, loro malgrado, a scappare altrove. L’acciaio, mettiamocelo bene in testa, E’ MORTOOOOOOO!

  2. faina nera

    Città in sonno, e ti credo, c’hanno rincoglionito con tutte quelle st…ate che hanno propinato in tutti questi anni di buio assurdo. Che tanto poi la gente, anche se non ottiene nulla e ci struscia il muso tutti i giorni, li rivota comunque. Io intanto vado a cercare fortuna altrove, voi puppatevi l’acciaio e i cancri annessi. Un salutone dalla Valencia.

  3. Ciuco nero

    Bravo faina fai bene. Tanto qui tra venti anni ci sarà ancora il PD al potere che promette promette e la gente sarà ancora felice di votarli!!

  4. Settici Carlo

    E voglio vedere cosa votano quando la gente comincia a andarsene sul serio. Qui ci vogliono imprenditori coi contr….oni, mica incantabachi che non portano nulla se non benefici alle loro brame carrieristiche in politica.

  5. Sergio Tognarelli

    I nodi stanno arrivando al pettine…,le “profezie” dei “gufi” si rivelano esatte. Chi ha voluto sostenere questo “affaire Aferpi” perché tornava utile per mantenere le proprie posizioni di potere, sarà visto come il “Re nudo”.

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata quella di vero inizio della crisi economica di Piombino. Da allora sono passati solo
    5 mesi, 12 giorni, 1 ora, 33 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it