AFERPI: L’AMMORTIZZATORE LO PAGA L’INPS, MA NIENTE PERDITE SALARIALI

Piombino (LI) – La scorsa settimana le RSU di FIM-FIOM-UILM di Aferpi e Piombino Logistics hanno avuto un incontro con l’Azienda che in quella sede ha dichiarato che non può anticipare l’erogazione della Cassa integrazione (chiamata dai sindacati “L’ammortizzatore sociale”) e che questa verrà erogata dall’INPS direttamente ai lavoratori interpretando l’art.5 del decreto 99553 del 23 Giugno. Per questo motivo FIM-FIOM-UILM territoriali hanno richiesto un incontro urgente congiunto al Ministero con gli stessi soggetti presenti alla riunione del 30 Giugno e con la presenza dell’Azienda che si è tenuto oggi pomeriggio 11 luglio, presenti anche esponenti tecnici dell’Inps oltre al Dr Menziani , Dr Castano, Regione Toscana e Comune di Piombino.

Issad Rebrab con Vincenzo Renda

Il sindacalista Vincenzo Renda al tavolo del Ministero ha insistito sul fatto che «l’accordo di giugno 2015 garantiva 24+24 mesi di cds. Nell’ultima riunione al Mise il Dr Menziani ci rassicurava che questo altro strumento ‘mirato’ per Piombino, non avrebbe interrotto la continuità retributiva dei lavoratori,garantendo la maturazione di tutti i ratei (13 esima, tfr) e soprattutto l’anticipo aziendale. Tutto come prima e correttamente lo abbiamo ribadito nelle assemblee con i lavoratori. E questa non è una questione di principio ma sostanziale: perché la contropartita che abbiamo sempre preteso e portato avanti dall’inizio di questa vicenda è che tutti i lavoratori avessero le stesse condizioni e non venissero differenziati».

Un confronto difficile e un lungo dibattito quello che si è tenuto oggi al ministero: i sindacati hanno ribadito la posizione di voler tenere tutti i lavoratori nelle stesse condizioni senza penalizzazione rispetto all’ ammortizzatore precedente. Sono stati illustrati tutti gli aspetti tecnici e legislativi che impediscono l’anticipazione diretta da parte dell’azienda e obbligano il pagamento diretto da parte Inps.

Gli stessi organi dirigenziali inps ci hanno garantito il massimo impegno, con un iter procedurale già avviato, perché non ci sia alcuno slittamento o ritardo sull’integrazione pagata direttamente dall’ente che – riferiscono – sarà allineata con il pagamento aziendale.

Inoltre il punto inderogabile per il sindacato, che oggi hanno confermato, è che per i lavoratori non ci saranno perdite di quote salariali rispetto al trattamento precedente. Per tutti gli aspetti tecnici più dettagliati le RSU hanno fissato un incontro per domani 12 luglio presso la Direzione Inps.  Una volta definiti tutti gli elementi in discussione, i sindacati daranno l’ informativa a tutti i lavoratori.

 

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 11.7.2017. Registrato sotto Economia, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    12 mesi, 14 giorni, 23 ore, 54 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it