AFERPI: REBRAB CONFERMA, ANCORA UNA VOLTA, GLI IMPEGNI PRESI

Piombino (LI) – Issad Rebrab è arrivato a Piombino prima delle 10, accompagnato dall’amministratore delegato Fausto Azzi, ed è rimasto a colloquio con il sindaco, nel suo ufficio,  per circa un’ora. Nel corso dell’incontro, l’algerino ha confermato, per l’ennesima volta, tutti i propositi già esposti nel piano industriale per le acciaierie, annunciando anche una probabile presentazione di un piano generale sull’agroalimentare e sulla logistica nelle prossime settimane. Al termine il sindaco ha comunicato al consiglio comunale in corso i contenuti del confronto. Nessun comunicato ci è arrivato però da parte del Presidente della Regione Toscana Enrico Rossi, che ha incontrato ieri Issad Rebrab, mentre oggi, dopo l’incontro col Sindaco, ha incontrato i sindacati. Ancora una volta molte rassicurazioni, ma nessuna certezza.

_____________________________

“Ci sono aspetti ancora da approfondire – ha detto il sindaco Giuliani – ma non c’è dubbio che Rebrab sia intenzionato a lavorare alacremente per portare avanti questo progetto diversificato sia per la parte alimentare sia per la logistica. Nel mese di gennaio ci saranno delle comunicazioni specifiche da parte di Aferpi su questi progetti ma la volontà di dare corso agli investimenti avviati fino ad oggi non sembra diminuita, Rebrab ha infatti circostanziato meglio il progetto legato alla logistica e all’agroalimentare.

Nel corso dell’incontro sono stati forniti dati che dovremo verificare attentamente, ma l’impressione ricevuta è quella di un imprenditore che desidera attuare il progetto nella sua interezza, fornendo dei dati che dovremo verificare sia con la Regione sia con il Governo.

Non ho quindi ricevuto nessun segnale che mi faccia sospettare un ripensamento o un ridimensionamento del piano. Le difficoltà continuano a essere legate al circolante. A questo proposito Rebrab mi ha presentato un programma di copertura finanziaria del progetto che dovrà essere sottoposto a verifica e che verrà presentato alle banche. Prossimamente potremo conoscere l’esito di queste valutazioni.“

______________________

GIULIANI: SLITTANO ANCORA I TEMPI E INCERTI I FINANZIAMENTI

Dopo l’incontro di questa mattina  tra il sindaco Massimo Giuliani e Issad Rebrab e le prime considerazioni espresse a  freddo in consiglio comunale, il sindaco sente il bisogno di precisare alcuni aspetti della questione, tornando sui contenuti del colloquio.

“Durante l’incontro abbiamo recepito la volontà da parte di Rebrab di continuare con gli investimenti previsti sul territorio confermando i propositi già esposti nel piano industriale e annunciando la prossima presentazione di un piano generale sull’agroalimentare e sulla logistica – afferma il sindaco –  Questo è sicuramente positivo ma non ci esime dall’evidenziare le criticità che ancora permangono, legate allo slittamento dei tempi e all’incertezza dei finanziamenti per il piano industriale.

Abbiamo sottolineato inoltre l’importanza della continuità produttiva,  il funzionamento dei treni di laminazione per assicurare l’occupazione e la solidarietà ai lavoratori.

Crediamo imprescindibile da parte dell’azienda la presentazione in tempi brevi di un cronoprogramma preciso che contenga tempistiche certe e chiare, così come richiesto dal ministro Calenda, e ribadiamo con forza la necessità di un incontro a breve con il ministro per una valutazione complessiva delle questioni tecniche e finanziarie.

Provvederemo inoltre – conclude la nota di Giuliani – a verificare i dati che ci sono stati forniti durante il colloquio insieme a Regione e Governo”.

_______________________

SINDACATI: REBRAB NON COMPRENDE IL GELO DELLE BANCHE

Nell’incontro con i sindacati questi hanno insistito sulla continuità produttiva dell’azienda, a cui è legata la possibilità di mantenere in piedi i contratti di solidarietà per gli oltre 2mila lavoratori di Aferpi che altrimenti rischiano di essere sospesi già a metà 2017.

Per quanto riguarda lo stabilimento Leali di Odolo, Rebrab vorrebbe portare avanti la trattativa per l’affitto degli impianti solo se questo è congeniale ad assicurare benefici a quelli piombinesi, precisando comunque di aver richiesto garanzie al Gruppo Klesch (che ad oggi non ha risposto).

Mancano 50 milioni di capitale circolante per garantire la fornitura dei semiprodotti necessari agli impianti che viaggiano nettamente sotto della capacità produttiva che consentirebbe di arrivare almeno al pareggio economico, e che deve essere del 40% affinche continui la “solidarietà”. Su questo argomento però Rebrab, che non comprende la “freddezza” delle banche italiane asserendo di aver fatto tutto quello che ra necessario, ha manifestato solo il generico impegno a ricercare le soluzioni per risolvere il problema.

Rebrab è tornato a chiedere il sostegno del sistema creditizio e del Governo, dichiarandosi soddisfatto dell’incontro avuto ieri a Firenze con il Presidente della Regione Rossi, ma alla proposta dei Sindacati di un incontro congiunto a breve con il ministro dello Sviluppo economico, Rebrab avrebbe replicato che preferisce aspettare gli esiti del confronto con le banche e l’azione istituzionale del presidente della Regione, ritenendo l’incontro adesso non opportuno.

______________________________

COMUNICATO SINDACALE FIOM

Le Rsu FIOM Aferpi e Piombino Logistics riunitesi dopo l’incontro awenuto fra le Segreterie di FIM-FIOM-UILM con il Patron di Cevital Issad Rebrab, pur riconoscendo che su alcuni aspetti ci sono degli impegni che potrebbero dare delle risposte, sui due punti fondamentali cioè la continuità produttiva che mantiene il contratto di solidarietà e quello sul finanziamento degli investimenti il giudizio rimane molto critico perchè ancora non ci sono risposte concrete.

Per questo chiediamo al Segretario Nazionale FIOM Maurizio Landini di attivarsi immediatamente per ottenere un incontro urgente al Ministero dello Sviluppo Economico.

Piombino 16/122016

RS FIOM/CGIL AFERFI
RS FIOM/CGIL PIOMBINO LOGISTICS

 

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 16.12.2016. Registrato sotto Economia, Foto, Toscana-Italia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO MANCA AL TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON LA CEVITAL DI ISSAD REBRAB?

    Se non viene rescisso il contratto, o rinnovato l'accordo di programma, dal 1° luglio Rebrab non avrà più vincoli con lo Stato italiano, diventerà "Padrone" a tutti gli effetti, e potrà disporre delle sue società e del personale in queste assunto come meglio crederà. Questo avverrà
    3 mesi, 17 giorni, 18 ore, 19 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. P.I. 01409010491
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2015 CorriereEtrusco.it