SANITÀ TOSCANA. SARTI E FATTORI: ”BILANCIO IN ROSSO, PERSEVERARE È DIABOLICO”

Fattori al recente Camping CIG a Piombino

Fattori al recente Camping CIG a Piombino

FIRENZE – “La notizia: alla sanità toscana mancano 40 milioni per chiudere il bilancio in pareggio. Ma stavolta niente tesoretti per ripianare il disavanzo per cui la Toscana rischia seriamente il piano di rientro. Si prospettano, aggiungiamo noi, nuovi tagli ai servizi e alle prestazioni sanitarie” dichiarano i Consiglieri regionali di Sì Toscana a Sinistra Paolo Sarti e Tommaso Fattori.

“Non sarebbe la prima volta. A parte la nota vicenda dell’ASL di Massa e i ‘colpettini’ ai bilanci di altre aziende sanitarie, ricordiamo tutti la variazione al bilancio di previsione 2016, dovuta alla bocciatura del MEF del bilancio sanitario 2015 e alla richiesta di ricopertura del disavanzo di 72 milioni di euro legata alla quota di Pay Back”. “Vicenda che determinò, oltre al ricorso al solito fondo di riserva, lo svincolo di risorse aziendali e il taglio di centinaia di progetti territoriali riguardanti settori importantissimi come la non autosufficienza e la disabilità, le dipendenze, il miglioramento delle liste di attesa, ecc. Servizi che non sono stati, nonostante le rassicurazioni dell’Assessore alla Sanità, mai ripristinati in molti territori”.

“Si consolida quindi quanto andiamo affermando da diverso tempo, ovvero il definitivo tramonto dell’idea falsata, alimentata per anni dalla Giunta, o meglio dal Presidente Enrico Rossi, della solidità del Bilancio della Sanità Toscana”.

“Per anni si è voluto far credere che la nostra sanità primeggiasse tra gli altri sistemi sanitari regionali, all’apice nelle varie performance nazionali, e invece ci ritroviamo con un sistema sempre più privatizzato, con sempre meno qualità, precarietà del lavoro, tagli alle prestazioni e ai servizi, e spese fatte più sulla scia di esigenze elettorali che non di meditate capacità di spesa, come i costosissimi farmaci per l’Epatite C”. “Nonostante una riorganizzazione sanitaria sbandierata come una panacea, ora non abbiamo neanche i conti in ordine e si rischia il commissariamento”.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 16.11.2016. Registrato sotto Foto, politica, Toscana-Italia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    39 mesi, 23 giorni, 11 ore, 49 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it