PARODI: POSSIBILE INCOSTITUZIONALITA’ PER LA NUOVA LEGGE SANITA’

il sindaco Giuliano Parodi

il sindaco Giuliano Parodi

Suvereto (LI) – La discussione sulla riforma sanitaria in Toscana, con il focus in questi giorni sul futuro degli ospedali in Val di Cornia, Val di Cecina ed Elba, è secondo il sindaco di Suvereto Giuliano Parodi orfana di una riflessione importante. Leggiamo insieme quale e perché.

«Le battaglie come amministratori vanno fatte a monte e non a valle, quando ormai è solo un cercare di adattarsi alle situazioni contingenti. Il Decreto Balduzzi, figlio della Spending Review del senatore Monti , contiene secondo me profili di incostituzionalità tali che, come sindaci e cittadini, dovremmo chiederne la revisione.

Ma entriamo nel merito – commenta il sindaco Parodi – dividere la qualità dei servizi ospedalieri in base a fasce di popolazione crescente è qualcosa che cozza con l’articolo 3 e articolo 32 della nostra costituzione.

Di fatto si afferma il principio che chi ha la sfortuna di nascere in un territorio a bassa densità di popolazione, non ha lo stesso diritto alla sanità dei cittadini che ricadano in aree più popolose.

Un principio che tutti dovrebbero condannare pubblicamente – continua Parodi –  infatti sta tutto qui il contendere, e i salti mortali che il PD sta facendo in questi mesi per soddisfare supinamente il decreto Balduzzi e le indicazioni del governatore Rossi, ed in qualche modo evitare di dimezzare i servizi per i cittadini dell’area val di Cornia / val di Cecina.

Il concetto di ospedale in rete che taluni spacciano per soluzioni, è in realtà una bufala. S’è vero che unendo le aree interessate si può oscillare tra i 150 e 180 mila utente serviti, per garantirci un ospedale di primo livello (secondo parametri Balduzzi), nei fatti avremmo i vari reparti sparpagliati su tre ospedali divisi da oltre 50 km di asfalto e da un tratto di mare.

“Se perseguiamo questa strada senza opporsi al concetto di base” continua Parodi “ il reparto maternità, volenti o nolenti sparirà da villa marina e nasceremo tutti a Cecina (sempre che si riesca a fare in tempo a raggiungere l’ospedale) cosi come altre specializzazioni che saranno distribuite su una scacchiera tra i tre presidi con le difficoltà che possiamo immaginare.

La sanità non può essere trattata solo con numeri ed statistiche perché dietro ogni numero c’è un essere umano, una famiglia, una storia e non può esistere che un cittadino malato o no, debba avere un diritto in meno di un altro, altrimenti stiamo minando colpevolmente alla base i fondamenti dello stato sociale.

Mercoledì 18 novembre alle ore 11:30 – conclude il sindaco Parodi  – si terrà all’ospedale di Villa Marina la Conferenza Provinciale dei Sindaci per parlare del futuro della sanità. Auspico ne nasca un serio dibattito laico e senza pregiudizi, che affronti la reale situazione senza creare ne allarmismi ne false speranze. Mi auguro che i sindaci per una volta si spoglino della loro appartenenza politica (qualunque essa sia) e pensino al bene comune e ad intraprendere battaglie anche dure se necessario, contro le imposizioni di uno stato che guarda ai pareggi di bilancio e mette in serio pericolo la salute dei cittadini».

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 17.11.2015. Registrato sotto ambiente/territorio, Foto, Toscana-Italia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    39 mesi, 19 giorni, 19 ore, 58 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it