“NOI PIOMBINESI”, IL PODESTA’ E LE NARRAZIONI CREDIBILI

Alberto Guerrieri ai microfoni di Toscana Oggi

Alberto Guerrieri ai microfoni di Toscana Oggi

Piombino (LI) – Riceviamo e pubblichiamo integralmente una riflessione di Alberto Guerrieri sul futuro di Piombino e indirettamente di tutta la siderurgia in Val di Cornia.

___________________

La crisi che stiamo attraversando rischia di coinvolgere “Noi Piombinesi” in una sorta di transumanza sociale (la trasformazione di una società, ndr.), aggravata dal paradosso di vivere con ansia questo difficile percorso, perché non riusciamo ad immaginare una destinazione certa.

Ed il fatto di ritrovarsi senza un punto di riferimento, dopo aver accettato passivamente che il Sistema politico, sindacale e religioso di Piombino, agisse in quest’ultimo decennio, come un unico blocco compatto affidato ad un “Uomo Chiave”, definito da un giornalista del “Sole 24 ore”, Podestà, certamente non aiuta. Comunque sia, di fronte a questa provocazione, “Noi Piombinesi” non abbiamo reagito, a testimonianza che questo metodo di gestione,se non proprio condiviso, era comunque accettato passivamente da tutti.

In questo senso non trova giustificazione l’insistenza delle ripetute contestazioni nei confronti del nuovo Sindaco Massimo Giuliani, da alcuni fischiato durante la manifestazione del 2 dicembre a Piombino.

Resta oggettivamente difficile  attribuite precise responsabilità al nuovo Sindaco, a fronte di una crisi di sistema, mai vissuta prima.

Crisi che le precedenti Amministrazioni non sono state all’altezza di prevenire e gestire, con iniziative atte ad evitare la disastrosa conseguenza della chiusura dello Stabilimento Siderurgico di Piombino.

Chiare indicazioni che lo Stabilimento Siderurgico di Piombino fosse destinato ad essere un vuoto a perdere, risalgono alla fine degli anni ottanta. Si è finto di ignorare che lo stesso Lucchini, anziché investire nello Stabilimento di Piombino, abbia ritenuto conveniente de localizzare la produzione in Polonia. Quindi, già allora, risultava evidente il tragico destino dello Stabilimento Siderurgico di Piombino.

Ciò premesso, “Noi Piombinesi”, dobbiamo chiederci come sia stato possibile, che nonostante tutto questo, un elemento antropologico, abbia finito per privilegiare le narrazioni credibili delle precedenti Amministrazioni, determinando una sorta di rifiuto di questi fatti concreti.

La psicologia sociale ha ben noto questo meccanismo perverso. Si manifesta soprattutto quando la gente smarrisce se stessa, quando non trova più un riferimento certo verso cui dirigersi. Nasce così quell’immaginario collettivo di sentirsi al sicuro quando affidiamo ad un “Uomo Chiave”, la soluzione dei nostri problemi.

Di fatto rinunciamo ad ogni forma di riflessione autocritica, come un gregge che segue fiducioso il suo Pastore

In questo senso “Noi Piombinesi” siamo corresponsabili di quanto ci sta accadendo. Per questo ci sentiamo smarriti e persino pronti ad accettare condizioni di lavoro, con una sostanziale sottomissione alle nuove regole di mercato, che di fatto, risultano restrittive dei diritti sindacali in precedenza acquisiti. In un certo senso, siamo orfani della verità che innesca una crisi di identità e di fiducia in noi stessi.

Deprimente la visione di giovani operai, durante la manifestazione tenutasi a Piombino il 2 dicembre. Con una mano tenevano impugnato un tubo di alluminio che sosteneva bandiere di colori diversi. Predominava il rosso. Con l’altra mano tenevano sul petto un cartello con sopra scritto “SONO UN CASSAINTEGRATO”. Imbarazzo ed umiliazione espressi da occhi smarriti.

Quasi la consapevolezza di una dignità perduta.  Allora questa verità, per quanto qualcuno tenti di manipolare, resta pur sempre la verità da cui  occorre ripartire. Dobbiamo trovare il modo di raccontare questa verità con la nostra voce, riconoscendo di aver sottovalutato per troppi anni, i segnali di una crisi globale che avrebbe finito per coinvolgerci.

Abbiamo delegato altri, ad essere al centro di scelte che predisponevano il futuro non solo di” Noi Piombinesi”, ma dell’intera Comunità della Val di Cornia. E’ già stato evidenziato che resta impossibile, nelle attuali condizioni, prevedere quali cambiamenti economici, sociali e politici, condizioneranno nel prossimi 50 anni, l’intera Comunità della Val di Cornia.

E che piaccia o no, dobbiamo riconoscere che il Sistema politico, sindacale e religioso di Piombino, come un unico blocco compatto, affidato ad un “ Uomo Chiave”, non ha funzionato. Ma soprattutto dobbiamo ancora riflettere, come sia stato  possibile, privilegiare narrazioni credibili e felici, quando tutto intorno a noi, preannunciava una crisi globale spaventosa, mai conosciuta prima.

Alberto Guerrieri

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 7.12.2015. Registrato sotto Foto, sociale, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

5 Commenti per ““NOI PIOMBINESI”, IL PODESTA’ E LE NARRAZIONI CREDIBILI”

  1. Ciuco nero

    Ma sono mesi che lo scrivo,mesi. Il vero problema sono proprio i piombinesi che hanno accettato di buon grado tutte le favole narrate.si sapeva tutti che finiva ma tutti minimizzavano tanto c era il CDS,la CIG ..e poi faranno i fornì…in molti invece dicevano.a quale crisi è solo un gioco politico…la gente ha perso il controllo della realtà. E la dignità non l ha persa quando ha perso il lavoro.ma quando ha smesso di combattere.. Mai che fosse nata una manifestazione spontanea mai una vera protesta dura mai ! Sempre ad ascoltare le favole dei salvatori di turno sempre a pendere dalla bocca dal primo sindacalista che passa…genere svegliatevviiiiiii..iniziate a far casino ma davvero!!!!

  2. Sergio Tognarelli

    ” In questo senso non trova giustificazione l’insistenza delle ripetute contestazioni nei confronti del nuovo Sindaco Massimo Giuliani..” “Resta oggettivamente difficile attribuite precise responsabilità al nuovo Sindaco, a fronte di una crisi di sistema, mai vissuta prima.” SI, MA IL FATTO E’ CHE ANCHE LUI HA SEMPRE FATTO PARTE DI QUESTO SISTEMA, IN ALTRE PAROLE, MA LUI DOV’ERA? E PERCHE’ ORA E’ LI’?

  3. Ciuco nero

    È li perché fa gli interessi del PD.!

  4. vogliosposaregiulianicosìlavoro

    Di che ci meravigliamo…. quando la cacca arriva alle orecchie sembrano sempre tutti arrivati da Marte, l’avete notato? e la colpa è di quello prima, tassativamente.
    E di quello prima ancora, e ancora.. non c’è fine alla stirpe dei colpevoli. Si salva quello in carica diamine, lui che c’entra poverino.

  5. Sergio Tognarelli

    “vogliosposaregiulianicosìlavoro,” ,ehm, direi “…cosìvengoretribuito”, il “lavoro”… non è comunque usurante.

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    14 mesi, 21 giorni, 8 ore, 46 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it