PARODI «IL PEDAGGIO A VADA ORA SI POTRA’ RIMUOVERE»

casello rosignano 2Suvereto (LI) – Quel casello inutile, grava non poco sulle tasche dei molti pendolari e non che si recano ad esempio a Livorno per lavoro, ed e’ inutile il casello nel momento in cui l’autostrada non esiste. Per questo i consiglieri regionali del Pd Matteo Tortolini e Marco Ruggeri hanno chiesto il 22 gennaio 2015, come ricorda il timer del Corriere Etrusco ogni giorno, al Presidente della Regione Toscana Enrico Rossi la rimozione del balzello da 60 centesimi alla barriera di Vada, sulla base della precedente mozione 930 del 29-10-14, senza che da allora nulla sia in realtà successo. Oggi, grazie ad una mozione presentata dal sindaco di Suvereto, Giuliano Parodi in consiglio comunale il 18 maggio 2015 e votata all’unanimita’, che chiedeva la rimozione del pedaggio suddetto, qualcosa dal ministero dei trasporti si e’ mosso.

«Enrico Rossi e il suo PD continuano ad insistere in una sorta di accanimento terapeutico a sostenere la necessita’ di trasformare la variante Aurelia in autostrada Tirrenica. Con annunci roboanti sulla stampa ogni settimana tornano sull’argomento ormai da anni, ogni volta trovando una motivazione diversa e sostenendo l’ossimoro che una strada a pagamento possa rilanciare il PIL di 2 provincie.

In questi anni i cittadini e i comitati, come il No-Sat, hanno ampiamente dimostrato che l’unico progetto sostenIbile e conveniente per le popolazioni era il progetto ANAS 2001, affossato dal governo Berlusconi e ripudiato negli anni successivi da tutti governi di centro-sinistra non ultimo quello targato Matteo Renzi.

Come se non bastasse la beffa dell’inutile autostrada, a vessare i cittadini ci si mette la SAT con il bene placido del Governo, costruiisce 4 km di autostrada a Rosignano e mette un bel casello sulla variante con l’obolo da versare di 60 centesimi ogni qualvolta lo si percorra.

Quel casello inutile, grava non poco sulle tasche dei molti pendolari e non che si recano ad esempio a Livorno per lavoro, ed e’ inutile il casello nel momento in cui l’autostrada non esiste. Per questo i consiglieri regionali del Pd Matteo Tortolini e Marco Ruggeri hanno chiesto il 22 gennaio 2015 al Presidente della Regione Toscana Enrico Rossi la rimozione del balzello da 60 centesimi alla barriera di Vada, sulla base della precedente mozione 930 del 29-10-14, senza che da allora nulla sia in realtà successo.

Oggi, grazie ad una mozione presentata dal sindaco di Suvereto, Giuliano Parodi in consiglio comunale il 18 maggio 2015 e votata all’unanimita’, che chiedeva la rimozione del pedaggio suddetto, qualcosa dal ministero dei trasporti si e’ mosso.

“Nei giorni scorsi” commenta soddisfatto il Sindaco “dopo sollecitazioni da parte mia e’ giunta finalmente una risposta dal Direttore Generale per la Vigilanza sulle concessioni Autostradali, Mauro Coletta, che in una lettera indirizzata al Comune, prot. 0010636 12-12-2015, annuncia che tale criticita’ potra’ essere rimossa nell’ambito di una prossima rivisitazione del D.L. 461/99 che configura ed individua la rete autostradale a pagamento. In tal senso lo scrivente da assicurazione che sara’ segnalata l’esigenza alla componente istituzionale preposta alla revisione del decreto stesso.”

Un primo importante risultato dopo anni di lotta in prima linea da parte del sindaco di Suvereto, tra i fondatori del comitato No-Sat.

“ A questo punto” conclude Parodi “ vista l’imminenza della revisione del DL, la richiesta fatta dal consiglio regionale ad Enrico Rossi di rimozione del pedaggio, e la presa d’atto di molti cittadini, tra cui alcuni Sindaci, dell’inutilita’ dell’opera, credo sia necessaria una chiara e forte presa di posizione di tutti i territori, delle istituzioni e dei cittadini per fare la giusta pressione sul Governo centrale, ed eliminare definitivamente quell’esoso balzello. Ormai non ci sono piu’ alibi”.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 18.10.2015. Registrato sotto Economia, Foto, Toscana-Italia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

9 Commenti per “PARODI «IL PEDAGGIO A VADA ORA SI POTRA’ RIMUOVERE»”

  1. Bibi

    “Ormai non ci sono piu’ alibi”!…. caro compagno Rossi…!

  2. Ciuco nero

    Il pedaggio aumenta il PIL…del PD.. Dietro ci sarà qualche consorzio rosso che intascava alle spalle dei pendolari..vero cari “compagni”???? Io mi meravigliò di chi ancora vi vota!!

  3. Francesco

    Era ora….. Che la smettano di infilare le mani nelle tasche della povera gente per i loro sporchi guadagno(furti) VERGOGNA

  4. Ciuco nero

    Serve un sindaco di un paese di 800 persone per cambiare le cose?? Il caro compagno promettitore giuliani non poteva farlo?? Aveva paura di intaccare gli interessi della nuova spa PD?? Forse Parodi fa il sindaco e L interesse dei cittadini?? Giuliani e compagnia invece L interesse del PD e di qualche cooperativa forse??? Svegliamoci svegliamoci svegliamoci…. Che questi compagni ci massacrano.

  5. giuliano parodu

    X ciuco nero..a Suvereto siano quasi 3200 anime non 800…detto questo il peso politico di un amministratore non si misura con il numero degli abitanti ma delle azioni che fa per il bene comune…

  6. Francesco

    Vero,e ti permettono che la penso come te, ma non pensare che da l’altro lato tutto sia rose e fiori xche non è così, basta prendere come esempio quella m***a di male matteoli che in un intervista ha saputo solo dire che la tirrenica va fatta xche è un opera strategica… E xche e strategica? Ed ha risposto xche è strategica
    COMPLIMENTI
    in ogni caso al di là di tutto ringrazio vivamente chi si è sbattuto e si sta sbattendo x abolire questi furti/soprusi, e in più vorrei che tutti coloro che leggono si aggiungessero alle manifestazioni senza scaricarsi la coscienza dicendo tanto qualcuno ci va, oppure tanto sono già in tanti….. L’unità fa la forza, se avete impegni più importanti poi non lamentatevi ….
    Sicuramente quando hanno fatto la rivoluzione non c’era chi diceva oggi non posso xche devo portare il bimbo a scuola eccc meditate gente

  7. Francesco

    p.s. A chi di dovere, aggiornate il prima possibile il sito nosat

  8. Ciuco nero

    Il caro giuliani dovrebbe prendere esempio.parodi fá il sindaco giuliani il servo del PD anche quando questo va a discapito delle stesse persone che lo hanno votato.

  9. Francesco

    Ma quando si decideranno a liberare il passo????

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    39 mesi, 20 giorni, 10 ore, 56 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it