PIOMBINO: GIULIANI SODDISFATTO PER LE RASSICURAZIONI SUL PUNTO NASCITE

Massimo Giuliani

Massimo Giuliani

Piombino (LI) – Sanità. Soddisfazione da parte di Giuliani per la conferma del punto nascita a Villa Marina. Importante lavorare in sinergia con Cecina.

«Riteniamo molto importante quanto dichiarato dall’assessore regionale Saccardi e dal consigliere Anselmi in merito all’organizzazione sanitaria territoriale e alle possibilità di sinergia territoriale tra i due ospedali di Piombino e di Cecina. Così come siamo molto soddisfatti della conferma da parte della Regione del punto nascita di Piombino, questione rispetto alla quale abbiamo avuto modo di pronunciarci con convinzione e fermezza dopo pochissimi giorni dalla visita dell’assessore Saccardi, nei tempi necessari per capire l’effettiva dimensione della questione e per attivare i contatti regionali necessari».

Il sindaco Giuliani ritorna sulla questione della sanità per ribadire l’importanza del processo avviato a livello territoriale. Un processo che mira a salvaguardare la piena funzionalità dell’ospedale di Piombino e di Cecina, evitando penalizzazioni per le zone periferiche e ottemperando al tempo stesso alle indicazioni della Regione.

«Il nostro distretto sanitario è inserito all’interno di un processo virtuoso di efficientamento di area nell’ottica del mantenimento e miglioramento dei servizi socio-sanitari sul territorio – afferma Giuliani – ».

«Si tratta di un percorso avviato da tempo di concerto con la Regione, l’azienda sanitaria, la Società della Salute, un percorso assolutamente trasparente e non sottotraccia, che è passato anche attraverso un confronto con il personale ospedaliero. L’idea trae origine dalla volontà di valorizzare le competenze di ciascuna di queste strutture e di assicurare la salvaguardia delle specialistiche esistenti mediante forme di incentivazione della mobilità dei medici. Una proposta, quella dell’integrazione delle due reti ospedaliere di Piombino e Cecina, che ha come obiettivo quello di superare i dipartimenti aziendali tout court, basati su logiche eccessivamente centralizzate e centrifughe».

«L’obiettivo insomma è quello di migliorare i servizi e non di penalizzare – continua il sindaco – nell’ottica di un’organizzazione territoriale efficiente a favore della comunità ».

_______________________

Saccardi e Anselmi: Piombino e Cecina polo integrato di primo livello, ortopedia non lascia Cecina, mettiamo in sicurezza punto nascita di Piombino

“Con la visita dei presidi di Piombino e di Cecina svoltasi il 2 ottobre scorso si sono poste le basi di una prospettiva nuova per i servizi ospedalieri e territoriali dei rispettivi territori di riferimento.

L’incontro con i sindaci, gli amministratori, molti operatori ha consentito di collocare nella giusta dimensione un progetto ambizioso di integrazione territoriale che ha come obiettivo la creazione di una rete ospedaliera di primo livello in grado di rivolgersi ad un bacino di circa 130.000 persone, e di dialogare positivamente con gli ambiti dell’alta Val di Cecina, dell’Isola d’Elba e dell’alta Maremma per ciò che nella programmazione si rivelerà necessario ed utile.

L’idea è distribuire nei due presidi di Piombino e Cecina i servizi e le specialistiche, in modo equilibrato ed efficiente, in modo tale da garantire ai cittadini utenti equità, accessibilità, qualità e sicurezza delle prestazioni senza che nessuno dei territori subisca penalizzazioni e anzi immaginandone una qualificazione, ferma restando la funzione dell’ospedale di Pisa come riferimento per l’alta specializzazione e l’elevata complessità.

In particolare non si immagina una concentrazione nell’uno o nell’altro polo dei servizi di ortopedia – traumatologica e programmata – o della chirurgia di emergenza e in elezione, bensì la possibilità di un governo unitario e di una rotazione delle équipes mediche (adeguatamente dimensionate) per minimizzare la mobilità dei pazienti e assicurare loro professionalità rodate da una ampiezza consistente di casi clinici.

Così come si immagina un recupero e un rafforzamento dei servizi specialistici, a partire da quelli urologici, che hanno via via sofferto di un affievolimento della loro capacità di dare localmente risposte alla domanda di salute.

Parimenti si è ragionato di fusione delle zone-distretto in un ambito unitario, di integrazione ospedale-territorio e della realizzazione e implementazione delle Case della Salute con il coinvolgimento attivo dei medici di medicina generale e del volontariato sociale.

Sempre pensando al cittadino si è messa in campo l’ipotesi di una profonda innovazione dei sistemi di prenotazione degli esami, coinvolgendo ancora i medici ma anche la rete delle farmacie e del privato sociale con l’obiettivo di incrementarne l’appropriatezza e la personalizzazione, nonché di aggredire risolutamente uno dei problemi principali della sanità non solo toscana, quello delle liste di attesa. Così come si è discusso della capacità operativa dei Pronto Soccorso in un territorio caratterizzato da forti escursioni di domanda sanitaria, connesse ai flussi turistici, nel periodo estivo.

Di questo e di altro si è riflettuto in quel giorno con il contributo delle sensibilità e competenze che hanno partecipato alla discussione: di come si innova la sanità pubblica per difenderla.

Dispiace che il consolidarsi di una lettura di quel passaggio tesa ad accreditare chiusure e scambi di reparti, e a dare per già deciso ciò che deciso non era, abbia concorso a generare malintesi e preoccupazioni in buona fede nella cittadinanza; mentre purtroppo non stupisce ormai più la speculazione politica, perfino da posizioni istituzionali, che ne è scaturita.

Quanto al punto nascita di Piombino è stato in effetti sottolineato che i suoi numeri (circa 300 parti in proiezione nel 2015) non rispettano da anni le soglie (500 parti) stabilite dalle norme che definiscono gli standard minimi per una nascita sicura.

I numeri e la casistica in sanità sono fondamentali perché sono indice di sicurezza del contesto tecnico e professionale in cui i pazienti si trovano, ed è fisiologico che questo dato ormai strutturale abbia indotto da tempo ad una riflessione che non è affatto di carattere economico ma volta da un lato al rispetto dei parametri di legge per l’accreditamento, dall’altro alla sicurezza di chi procrea e di chi nasce, anche se è corretto evidenziare che il reparto di Piombino ha storicamente assicurato uno standard adeguato e non si sono rilevati eventi-sentinella di particolare criticità.

In questa riflessione riteniamo corretto includere le necessarie considerazioni connesse alla posizione geografica, alla qualità dei collegamenti, alle difficoltà in ordine economico che la città attraversa e che auspichiamo presto siano superate favorendo un ritorno delle famiglie a quell’atteggiamento orientato al futuro che è il fondamento della procreazione.

Insieme alle istituzioni locali, ai tecnici, agli operatori lavoreremo per mettere in sicurezza il punto nascita di Piombino, e riteniamo che questa affermazione non sia interpretabile”.

 

Stefania Saccardi

Assessore al Diritto alla Salute, al Welfare e all’Integrazione socio-sanitaria della Regione Toscana

Gianni Anselmi

Consigliere regionale

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 8.10.2015. Registrato sotto Foto, sociale, Toscana-Italia, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    9 mesi, 21 giorni, 2 ore, 4 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it