NOTIZIE DALLA COSTA ETRUSCA DEL 19 MAGGIO 2015

VENTURINA: IRENE PECCHIA (M5S) ATTACCA L’ASIU

Riceviamo e pubblichiamo integralmente dalla candidata M5S alle regionali del 31 maggio.

«La cessione del ramo d’azienda ASIU che effettua raccolta rifiuti è l’ultimo ingrediente della torta che uscirà dal forno pronta per essere data in pasto ai gatti.” E’ senza mezzi termini l’attacco di Irene Pecchia, di Venturina Terme, Candidata Consigliera Regionale per il M5s, alle scelte delle Amministrazioni targate PD, in particolar modo all’attuale candidato regionale Anselmi, allora Sindaco di Piombino.

“Ecco il classico esempio di come una azione in principio giusta possa venir applicata in modo inefficace. – continuala Candidata Regionale – In genere si vende un ramo di azienda in sofferenza per fare cassa e trasferire da un’altra parte le difficoltà di gestione, ma in questo caso ASIU incasserà il pattuito solo quando SEI Toscana avrà incassato il credito dai Comuni, quindi il tutto è praticamente inutile”

“Tutta la questione ASIU, da anni, con tutti i suoi annessi e connessi, – prosegue – è una serie di scelte inefficaci. Si provi a pensare al tutto, all’insieme delle cose, e non solo al momento particolare. Per esempio, per realizzare uno dei punti più importanti contenuti nel programma PD “Città Futura” il Comune di Piombino con l’allora sindaco Anselmi, si vide erogare dallo Stato oltre 12 milioni di euro, da destinare alla bonifica. Fece un bando europeo, che poi ritirò per affidare il lavoro ad ASIU, dopodiché non è accaduto praticamente più nulla. Non è stata fatta la bonifica, ASIU non ha potuto sfruttare questa possibilità e, tra l’altro, ora è sull’orlo del fallimento, l’impegno preso in “Città Futura” non è stato onorato.”

La proposta, per il M5stelle in Regione, è uscire dalla logica della politica del giorno per giorno, che dà regolarmente risultati pessimi, ma affrontare le situazioni con una visione globale e lungimirante delle cose, e soprattutto condividere le scelte con i cittadini. Accade quello che accade – conclude Irene Pecchia – perché è tutto il sistema di gestione che attualmente è al Potere ad essere incancrenito da interessi e pressioni più o meno confessabili. Sono queste ultime, e non le singole persone, a impedire che la torta, per continuare ad usare l’eufemismo, non venga bene nonostante che i suoi ingredienti siano, presi uno per uno, tutto sommato commestibili».

_________________________

UN’ALTRA PIOMBINO SI DISSOCIA SULLA COMMISSIONE PARI OPPORTUNITÀ

Riceviamo e pubblichiamo integralmente.

«Della proposta PD condividiamo solo l’esclusione della componente maschile. Per il resto siamo dispiaciute e dispiaciuti dalla mancata opportunità di cambiamento. Eravamo convinti e convinte che l’ass. Pellegrini avrebbe riguardato proprio quelle che erano le volontà originarie che dettero vita alla prima Commissione dell’allora giunta Guerrieri: l’apertura sì al mondo femminile, ma un’apertura vera, fatta di libera partecipazione e libera adesione.

Allora infatti si stabilì che non solo le associazioni femminili che avessero nel proprio statuto un richiamo alle Pari Opportunità potessero aderire, ma anche ogni singola donna in quanto tale avrebbe potuto farlo. Tutti coloro che accusano questa posizione di populismo, sono invitati a controllare i dati della partecipazione di quella prima Commissione Pari Opportunità, presieduta sì da una donna delle istituzioni (Raffaella Biagioli prima Consigliera e poi Presidente del Consiglio Comunale) ma densa di attività e realizzazioni concrete fatte anche da cittadine comuni.

Certo era una Commissione meno politicamente gestibile, ma era proprio questo la sua forza: la Commissione voleva rendere conto del proprio operato alle donne, non alla maggioranza politica presente in Consiglio. Eppure si commette un errore enorme se si pensa che i due interessi non possano collimare: quella Commissione per le Pari Opportunità è sempre stata un fiore all’occhiello per l’amministrazione, perché di progetti ne portò e realizzò tanti e taluni molto importanti, dall’apertura del Centro contro la violenza, all’Incubatore donna di cui oggi evidentemente non si ricorda l’origine..

Facciamo un appello all’ass.Pellegrini perché ne conosciamo la sensibilità affinché investa un minimo del suo prezioso tempo nella consultazione della composizione dell’allora democratica CPO».

UN’ALTRA PIOMBINO

_________________________

PIOMBINO: ANCHE MICHELA CECCHI CANDIDATA PD ALLE REGIONALI

Riceviamo e pubblichiamo integralmente.

«Con la mia candidatura vorrei portare in consiglio regionale la rappresentanza della costa toscana e la sensibilità di una donna che, nata a Piombino da una famiglia operaia, ha maturato le proprie esperienze professionali nelle scuole da Rosignano a Castagneto, oltre che – nella libera professione – a Piombino e Cecina, e il proprio impegno politico dai comitati per l’Ulivo e in consiglio comunale a Rosignano e nel Pd a Rosignano e Piombino».

«Sui temi prioritari per i nostri cittadini, come sanità, infrastrutture e turismo – sostiene Cecchi – sono e saranno fondamentali la collaborazione e la sinergia tra la zona della Val di Cornia e la Bassa Val di Cecina. Anselmi capolista è una preziosa risorsa per tutti noi. La sua capacità di attirare consenso, le sue competenze riconosciute a livello regionale ne fanno un riferimento per tutta la provincia». La nostra costa, prosegue, «è una grande risorsa per la Toscana. Qui si concentrano poli industriali di rilievo nazionale, un’agricoltura con eccellenze mondiali, un turismo attrattivo come pochi, porti che possono dare un contributo importante allo sviluppo del paese. Grazie al ruolo della Regione, abbiamo saputo affrontare crisi pesanti costruendo le basi per difendere l’occupazione e rilanciare lo sviluppo.

Ora si tratta di andare avanti – continua Michela Cecchi – di guardare alle nuove sfide, di costruire nuovi servizi sociali e sanitari, nuove risposte ai bisogni dei cittadini in un momento di ristrettezza di risorse finanziarie pubbliche. Questo dovremo farlo tenendo stretta la barra delle idee di solidarietà, di universalità delle prestazioni che hanno segnato il percorso delle nostre zone».

_________________________

SAN VINCENZO: GUARDIA MEDICA TURISTICA DAL PRIMO GIUGNO

Come negli anni passati, anche per la stagione estiva 2015, nei mesi di luglio ed agosto, l’Asl organizza a San Vincenzo, il servizio di guardia medica per turisti, con costi a suo carico.

In considerazione che da alcuni anni si è verificato un incremento delle presenze turistiche, in particolare nel mese di giugno, e così l’Amministrazione Comunale ha inteso, (come negli anni precedenti), estendere il servizio, considerandolo a pieno titolo inquadrabile nelle attività di gestione ordinaria del Comune, in piena continuità con l’anno precedente. Così, in considerazione della contrazione delle risorse finanziarie a disposizione per l’anno 2015 la Giunta intende comunque confermare lo svolgimento del servizio per il mese di giugno, senza però sostenere il costo dei pasti dei medici.

Visto il preventivo di spesa trasmesso dall’Asl e agli atti, relativo al periodo: 1-2 giugno, sabato 6, domenica 7 e tutti i giorni dall’13 al 30 giugno al costo di € 6.831 dando atto che non viene più richiesta al Comune la fornitura dei pasti. Insomma, l’Amministrazione Comunale ha ritenuto opportuno approvare l’attivazione della guardia medica per turisti, relativamente all’anno in corso del mese di giugno.

_________________________

MIGNOGNA, IN ARTE IL MIGNO, IN RADIO CON IL SINGOLO “E’ FINITA L’ESTATE”

Dopo il debutto con “Il tempo che non c’è“ feat.Valeria Rossi, presente come ospite d’onore nel brano, arriva in radio anche “E’ finita l’estate”, il nuovo singolo di Francesco Mignogna, in arte Il Migno, questa volta con il famoso rapper toscano Blebla. Dal 22 Maggio nelle radio italiane.

Un brano estivo, solare, con un ritmo decisamente ballabile e incalzante. “E’ finita l’estate”, un titolo che in qualche modo evoca la fine di un’ epoca, che lascia una speranza per l’ inizio di un nuovo ciclo, che sia una stagione che sia una storia d’amore.

Il Migno: “L’ idea della canzone mi è venuta ascoltando il brano dei mitici Righeira, che proprio 30 anni fa uscì inaspettatamente prima dell’estate, L’ estate sta finendo.” La canzone porta le firme di Francesco Mignogna, Giovanni Germanelli e lo stesso Blebla (Marco Lena) – mixato da Alex Marton. Non rimane che ascoltare questa canzone che ha tutte le carte in regola per diventare il brano dell’ estate 2015.

contatto Fb: https://www.facebook.com/pages/IL-Migno/110467325694564?fref=ts

sito Ufficiale: http://www.ilmigno.com/

________________________

AMICOMUSEO SECONDO APPUNTAMENTO AI MUSEI DI PIOMBINO

Piombino (LI) – Nell’ambito dell’iniziativa regionale Amico Museo, i Musei di Piombino danno appuntamento domenica 24 maggio alle ore 17.00 al Museo del Castello e delle Ceramiche Medievali con la presentazione del libro “La Resistenza in cucina” di Roberta Pieraccioli. Sarà presente l’autrice.

“La resistenza in cucina – Ricette del tempo di guerra per resistere in tempo di crisi” (Ouverture Edizioni) è un libro che, prendendo spunto dall’attuale crisi che ha portato a una generale riduzione dei consumi, propone un excursus storico nei ricettari del tempo di guerra recuperando vecchie ricette e stili di vita dimenticati all’insegna del non spreco e del riutilizzo di avanzi e di scarti. Ricette fatte con poco e nulla o comunque prevalentemente con ingredienti poveri ma tuttavia ottime, soprattutto se rivisitate in chiave contemporanea, visto che oggi è possibile permettersi (nonostante la crisi) molto di più di quello che si potevano permettere le nostre nonne e bisnonne in tempo di guerra.

A seguire possibilità di cena a base di alcuni dei piatti raccontati nel libro alla Pizzeria Osteria Da Tonino, nel centro storico di Piombino (costo per la cena € 15,00 con prenotazione entro le ore 15.00 di venerdì 22).

Informazioni e prenotazioni:

tel. 0565 226445 – www.parchivaldicornia.it – e-mail prenotazioni@parchivaldicornia.it

________________________

CGIL CONTRO IL DECRETO “BUONA SCUOLA”

Firenze – Mobilitazione contro il Ddl “Buona Scuola”, domani presidio regionale dei sindacati a Firenze davanti alla Prefettura (via Cavour, 1) dalle ore 17 alle 19. Tante iniziative anche nel resto della Toscana.

In concomitanza con la discussione alla Camera del Ddl sulla “Buona scuola”, Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola, Snals Confsal e Gilda Unams della Toscana organizzano un presidio regionale davanti alla

Prefettura di Firenze (via Cavour, 1) domani martedì 19 maggio dalle 17 alle 19 (parteciperanno anche organizzazioni studentesche e soggetti sociali). Nello stesso giorno sono in programma altre iniziative di mobilitazione in tutta la Toscana. “Il Governo non può continuare a

rifiutare la richiesta di un confronto vero coi sindacati e col mondo della scuola”, spiegano le sigle sindacali.

Alcuni altri appuntamenti:

A Livorno oggi presentazione delle contro-slides sulla Buona Scuola (dalle 16,30 alle 20 presso la sede CGIL Livorno, via Ciardi 8); a Lucca domani alle 15 presidio unitario di tutti i sindacati davanti all’USP; a Pisa manifestazione di sindacati e studenti “Il lungo abbraccio alla Scuola Pubblica” (oggi, ore 18, via Benedetto Croce); a Pistoia oggi (aula magna Istituto “Marchi” di Pescia) e domani (I.C. Roncalli) assemblee Flc

Cgil-Cisl Scuola per il personale docente e ata dalle 17,30 alle 19 (per genitori e studenti le assemblee si terranno invece il 28 maggio in Val di Nievole e il 29 a Pistoia); a Prato oggi, domani e dopodomani dalle ore 17 alle ore 19 i sindacati unitariamente danno il via ad una campagna di informazione con assemblee aperte presso l’Auditorium dell’Istituto Gramsci-Keynes (via Reggiana, Loc. San Giusto); a Siena oggi flash mob in piazza Salimbeni alle 18; sit-in domani alle 16 in piazza Aranci a Massa.

____________________________

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 19.5.2015. Registrato sotto cronaca, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    9 mesi, 21 giorni, 15 ore, 35 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it