ASIU: DIMISSIONI IRREVOCABILI DEL DIRETTORE BARBARESE

Il logo dell'ASIU

Il logo dell’ASIU

Piombino (LI) – Inizia una settimana rovente per l’ASIU e inizia nel peggiore dei modi: nei giorni scorsi, da quanto si legge sulla Nazione di oggi, il direttore dell’Asiu Enrico Barbarese ha consegnato una lettera nelle mani del presidente Fulvio Murzi dal contenuto “top Secret” con dentro le motivazioni di questa decisione, le dimissioni dal suo incarico, e soprattutto perché sono irrevocabili.

Intanto le liste civiche della Val di Cornia stanno organizzando una serie di incontri pubblici sull’argomento per informare i cittadini di cosa sta succedendo; il primo sarà a Suvereto venerdì 6 febbraio alle ore 21 presso la sala del Ghibellino. Altra mattinata calda sarà quella del consiglio comunale di martedì 10 febbraio 2015, dove come primo punto all’ordine del giorno c’è la relazione da parte dell’assessore Francini che ha affidato ad ASIU S.p.a della gestione, dell’accertamento e della riscossione della TARI fino al 31 dicembre di quest’anno, e la contro interpellanza presentata dal consigliere Marina Riccucci (Un’altra Piombino) relativa a gestione rifiuti-Amministrazione di ASIU.

Per quanto riguarda le dimissioni di Barbarese , il presidente Murzi sembra ne abbia preso e ora dovrà avviare il bando per la nomina di un nuovo direttore. Il presidente ha annunciato questa novità durante l’ultima assemblea dei soci di Asiu che sono i cinque Comuni della Val di Cornia più Castagneto.

_______________________

Le liste civiche della Val di Cornia organizzano un incontro pubblico per far luce sulla situazione dei rifiuti e della società ASIU. Riportiamo integralmente il comunicato-invito all’iniziativa di venerdì alle ore 21 a Suvereto (Sala del Ghibellino).

«La Val di Cornia non rispetta le leggi sulla raccolta differenziata e fa pagare ai cittadini un’ecotassa. Non solo, anziché adeguarsi progressivamente agli obiettivi nazionali ed europei che imponevano il 65% di raccolta differenziata nel 2012 (nel 2020 dovrà essere del 70%), il gestore del servizio rifiuti urbani dei Comuni, la società ASIU, ha una performance regressiva passando dal 40% del 2010 al 33% del 2013. Lo dicono i dati della Regione Toscana, forniti dall’assessore Bramerini e dalle Agenzie Regionali competenti.

Un indubbio fallimento, accompagnato peraltro da crescenti perdite d’esercizio di ASIU che nel 2013 sono state di oltre 500.000 euro. Soldi che pagheranno inevitabilmente i cittadini con le bollette!

Ma il quadro negativo non si ferma qui.

La discarica di Ischia di Crociano è in fase di esaurimento. Lo dicono da anni i vertici aziendali, ma fino da oggi non si conoscono i tempi di realizzazione e i costi della nuova, né tantomeno le strategie per ridurre drasticamente il conferimento dei rifiuti in discarica. Di recente, per l’intervento della Regione, è emerso il fatto clamoroso di un impianto per la produzione di CDR (combustibile da rifiuti) costruito nel 2007, costato oltre 3,2 milioni di euro e mai entrato in esercizio.

Inoltre l’ASIU non si occupa più solo di rifiuti urbani. Nel 2008, senza che nessuna discussione sia mai avvenuta nei Consigli Comunali (escluso Piombino), ASIU ha acquistato le azioni del Comune di Piombino nella società TAP, pari al 70%, assumendo l’onere dell’aumento del capitale sociale di quella società (da 220.000 a 4.400.000 euro ) e quello della gestione dell’impianto. Dunque oggi ASIU, e quindi tutti i Comuni della Val di Cornia, sono proprietari e gestori di un impianto pensato e realizzato per il trattamento di scorie industriali prodotte dall’area a caldo dello stabilimento Lucchini, oggi definitivamente chiusa. Un impianto costato 11 milioni e che attualmente perde 100.000 euro al mese in costi di gestioneIn questo scenario molto preoccupante s’inserisce la decisione del 2011 di aderire all’ATO SUD con Grosseto, Arezzo e Siena che , da tempo, hanno individuato un gestore unico (la società SEI TOSCANA) che dovrà necessariamente subentrare ad ASIU per la gestione dei rifiuti urbani. Non si conoscono i termini degli accordi con l’ATO SUD e con il nuovo gestore, come si evolverà la raccolta differenziata e come saranno modificate le tariffe. Ad oggi la gestione dei rifiuti urbani è svolta ancora da Asiu, sulla base di una proroga del contratto di servizio approvata dai Comuni. Quello che i Sindaci hanno fatto trapelare è che vorrebbero mantenere per loro, tramite ASIU, la gestione della discarica di Ischia di Crociano in esaurimento e l’impianto TAP per il trattamento di scorie Lucchini che non saranno più prodotte.

Se così andrà al posto di un gestore unico dei rifiuti, come impone la Regione, in Val di Cornia potremmo addirittura averne tre: la SEI Toscana per la raccolta dei rifiuti urbani, l’ASIU per la gestione della discarica e la TAP . L’esatto opposto della semplificazione auspicata, ma assolutamente non praticata.

Di fronte a queste clamorose anomalie, destinate a ricadere sui cittadini in termini di costi, le liste civiche della Val di Cornia organizzano degli incontri pubblici per informare i cittadini, il prossimo incontro sarà a Suvereto venerdi 6 febbraio alle ore 21 presso la sala del Ghibellino».

Liste Civiche Comune dei Cittadini,

Assemblea Sanvincenzina,

Un’altra Piombino,

Assemblea Popolare di Suvereto

 

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 5.2.2015. Registrato sotto ambiente/territorio, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    15 mesi, 17 giorni, 5 ore, 55 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it