PIOMBINO: SEL, «FARE CHIAREZZA SU NUOVA DISCARICA E TAP»

L'inaugurazione della Tap nel 2009

L’inaugurazione della Tap nel 2009

Piombino (LI) – L’intervista all’amministratore unico di ASIU e TAP Fulvio Murzi, apparsa sulla stampa il 13 dicembre lascia senza molti dubbi a SEL, e tutto viene rimandato a futura memoria: i rapporti che si instaureranno con la nuova proprietà delle acciaierie, la messa in esercizio della nuova discarica per la quale si è in attesa della risposta del ministro ( tempi medio lunghi ) e la ulteriore riconversione degli impianti TAP per renderli idonei a trattare rifiuti pericolosi quali l’amianto.

Sel specifica quindi quali sono le problematiche in essere per la nuova discarica:

1) tempi medio lunghi significano, se va bene, 3-4 anni, è lecito chiedersi dove si metteranno i rifiuti nei prossimi anni e a quali costi, dal momento che la discarica in esercizio è quasi esaurita.

2) nella nuova discarica ci si propone di mettere anche rifiuti provenienti da fuori, questa opzione è stata utilizzata per anni ed ha portato al precoce esaurimento della discarica attuale, anche in questo caso ci si deve chiedere se si prevede di accogliere solo rifiuti urbani provenienti da fuori o se ci si propone di mettere in discarica anche i rifiuti speciali non pericolosi, e se questa operazione, non procuri danno ambientale ed economico.

3) con Sei Toscana che si occuperà di rifiuti urbani e spazza-mento avremo una ASIU proprietaria e gestore dei soli impianti, poca cosa, con sopra una struttura di direzione e controllo ( già ora le dimensioni aziendali sono esigue ) sproporzionata una grande testa sopra un piccolo corpo gracile e per di più malato ( indebitamento )

 

Per quanto riguarda la Tap poi:

1) ad impianto fermo si dice costi 90-100 milioni al mese. Non è possibile che un impianto di quelle dimensioni fermo messo in sicurezza, senza dotazione organica, costi quella cifra, i costi di gestione dovrebbero essere prossimi allo 0, lecito chiedere come si compongono quei 90-100 milioni al mese.

2 ) la TAP era nato per produrre il cosi detto ciccato, poi è stato modificato per produrre il conglomix è costato, si dice, 11 milioni, non ha prodotto ne ciccato ne conglomix, in compenso in questi anni ha prodotto costi, ora ci si propone di modificarlo, suppongo, per renderlo idoneo a trattare rifiuti pericolosi quali l’amianto “ di cui sono molto ricche le navi militari “; anche qui alcune domande:

– quali e a quanto ammontano i costi di modifica, di sperimentazione, di messa in marcia, di gestione e di ammortamento del TAP?

– quale è l’entità dell’investimento necessario per rendere il TAP idoneo a trattare rifiuti pericolosi e come si pensa di farvi fronte?

– ragionevolmente entro quanti anni si concretizzeranno le speranze che il TAP incominci a produrre almeno ricavi invece di costi ?

Anche per TAP, che resterà per il 75,1 % di ASIU, siamo alle solite, grande testa su un corpicino, in questo caso molto malato , in prognosi riservata.

 

Sel conclude poi con una analisi sul futuro compratore dello stabilimento Cevital.

1) il piano di Cevital prevede 2 forni elettrici, quindi non si possono prevedere quantità di scorie da trattare paragonabili ai quantitativi prodotte dall’AFO, non solo ma queste piccole quantità verranno ad essere disponibili fra 3-4 anni

2) anche per l’impianto termodinamico, ammesso che interessi a Cevital, i benefici si manifesteranno fra alcuni anni.

3) è verosimile che che Cevital sia poco interessata al TAP, per via delle tecnologie che intende adottare, e decida di disimpegnarsi da TAP.

 

«Come si può constatare tutto è rinviato a futura memoria, per i prossimi 3-4 anni gli unici provvedimenti che verranno presi riguarderanno l’anticipo del pagamento della TARI rendendo i pagamenti bimestrali o trimestrali, ed un dialogo con le banche suppongo la rinegoziazione dei contratti dei mutui, maggiore durata con rate più contenute con conseguente aumento dell’indebitamento.

A nostro avviso si rende necessario un serio esame circa la opportunità di tenere in vita il TAP e sopportare costi per 1,5 milioni di euro annui per non si sa bene quanti anni.

Necessaria è altresì una attenta verifica delle responsabilità che hanno portato a questo stato di cose, la ricapitalizzazione di TAP con quali soldi, il passaggio di proprietà di Tap dai comuni ad ASIU, il precoce esaurimento della discarica in esercizio, il ritardo relativo alla apertura della nuova discarica.

In fine – conclude SEL – non possiamo accettare che in ATO sud il portato della riforma denominata gestore unico produca una partecipata in più di quelle esistenti invece di ridurne il numero».

Per il coordinamento SEL

Piombino-Val Di Cornia

Fausto Bertagna

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 18.12.2014. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

2 Commenti per “PIOMBINO: SEL, «FARE CHIAREZZA SU NUOVA DISCARICA E TAP»”

  1. lino

    Che bella foto, che amministratori !
    Ora questi signori dovrebbero pagare di tasca propria il debito che hanno fatto all’Asia e invece pretendono di salire di categoria. Chi vuole andare il regione, chi vuole essere riconfermato assessore e chi spera di continuare a ingrassarsi con i soldi pubblici. Non sono solo incompetenti questi sono un po’ bricconi.

  2. Metropolit4n97'

    Continuano col furto di Stato: amici e parenti coi posti assicurati.Sono 2 decenni che fanno così, ci sono oramai abituati.All’asiu fecero 2 concorsi “truffa” negli anni 90′ facendo entrare chi volevano loro.Dopo è stato solo per pacchi ultraraccomandati presi e via e al PD PARLANO DI MERITOCRAZIA Ahahahah!!!
    Vai PD con tari,tasi,imu daiiii vai che tanto i vostri amici so tutti dipendenti pubblici o municipalizzate, e così con le tasse estorte avete gli stipendi!!! Bravi!!!

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    15 mesi, 22 giorni, 7 ore, 27 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it