PIOMBINO: OPERAI “SCHIAVI” PER PROTESTARE CONTRO IL JOB ACT

la rotonda oggetto della manifestazione

la rotonda oggetto della manifestazione

Piombino (LI) – A partire dalla mezzanotte di martedì 7 ottobre si terrà un presidio di 24 ore  sull’aiuola della rotonda all’ingresso della città in VIale Unità d’Italia (la cosidetta rotonda “Barbapapa” all’altezza della SOL).

Vestiti da schiavi per protestare contro la riforma del lavoro del governo Renzi, il gruppo di lavoratori  dipendenti Lucchini, Magona,  Sol e delle ditte appaltatrici che “adesso – come scrivono in un comunicato – devono unire all’incertezza occupazionale anche la perdita dei loro diritti fondamentali”.
I dodici  lavoratori si vestiranno da schiavi “per simboleggiare le condizioni in cui ci vogliono ridurre, ma soprattutto per evidenziare che solo con la lotta i lavoratori potranno spezzare le catene di chi vuole togliere loro la dignità. E’ veramente schiavo non chi ha le catene ai piedi, ma chi accetta di essere schiavo”.
“Il Governo Renzi – ha commentato Paolo Francini famoso anche per gli scioperi della fame sulla stessa rotonda – mentre continua a non dare risposte soddisfacenti alla crisi di Piombino, decide con la revisione dello Statuto dei lavoratori, di togliere ai lavoratori stessi, la qualifica di cittadini. Noi vogliamo rientrare tutti al lavoro qui a Piombino e lo vogliamo fare da cittadini e non da schiavi. Per questo vogliamo impedire lo stravolgimento dello statuto dei lavoratori chiedendo che si arrivi allo sciopero generale e, se sarà approvata, ad una raccolta firme per un referendum abrogativo di questa controriforma sul lavoro”.
Di sicuro il clima in città si sta scaldando, peccato che buona parte dei residenti e dei lavoratori, ancora non abbia chiara la situazione che si creerà in città fra non molti mesi.
Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 6.10.2014. Registrato sotto Economia, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    16 mesi, 17 giorni, 4 ore, 9 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it