NOTIZIE DALLA COSTA ETRUSCA DEL 14 GIUGNO

PIOMBINO: «SI SBAGLIANO I CONTI  E  SI PERDE UNA PALESTRA»

Riceviamo e pubblichiamo integralmente da Riccardo Gelichi, portavoce di Ascolta Piombino.

«Avevamo appreso dalla stampa locale che il Comune di Piombino, in relazione al proprio  Piano Triennale, aveva in programma la realizzazione di una palestra di arti marziali ai Ghiaccioni. Apprendiamo oggi, da una delibera di Giunta Comunale, che non avendo ottemperato all’inizio lavori entro la data prestabilita, si è dovuto prendere atto della perdita del contributo regionale previsto e, pertanto, nella indisponibilità finanziaria che attraversa il Comune di Piombino, la palestra di arti marziali non potrà essere realizzata fino all’assegnazione di eventuali altri contributi pubblici.

Nella stessa delibera si apprende inoltre che il contributo è stato perso perché qualcuno ha sbagliato i conti, e di conseguenza la spesa prevista inizialmente non è risultata sufficiente e, sempre per impedimenti procedurali, non si è potuto pertanto arrivare alla fase esecutiva nei tempi prestabiliti. Ora noi ci domandiamo: come è possibile che un Comune che non ha più risorse di bilancio, che per il prossimo anno dovrà affrontare le manutenzioni di tutte la scuole, case comunali, beni culturali e impianti sportivi, con soli 300.000 euro, abbia perso questa occasione.

Agli amici che da tempo aspettano una palestra nella quale diffondere la pratica sportiva delle arti marziali, gli auguriamo che il Comune di Piombino abbia più fortuna con il Fondo per lo sviluppo e la capillare diffusione della pratica sportiva, di cui al bando del Ministero per gli Affari Generali, il Turismo e lo Sport».

Il Portavoce della Lista Civica
          Ascolta Piombino
          Riccardo Gelichi

______________________

VAL DI CORNIA: I DIPENDENTI DELLA COOP CUORE CHIEDONO AIUTO ALL’ON. SILVIA VELO

L’Onorevole Silvia Velo ha incontrato nella mattina di lunedì 10 giugno una rappresentanza dei lavoratori della Cooperativa Cuore, la struttura che opera nel territorio della Val di Cornia e dell’Isola d’Elba e che si occupa dell’erogazione dei servizi sociali e sanitari, per dare risposte ai timori espressi dai dipendenti. 

Oggetto della preoccupazione di questi lavoratori sono i ritardi dei pagamenti alla struttura da parte della Asl e di alcuni Comuni. “La Asl e le Amministrazioni – spiegano i dipendenti della cuore – sono, in sostanza, gli unici soggetti con cui la nostra cooperativa lavora e da questi, quindi, dipendono le entrate con cui la Cuore può garantire l’offerta dei propri servizi. Si comprende la difficoltà in cui vertono i Comuni in questo momento – precisano i lavoratori – ma con il persistere di questa situazione c’è il forte rischio, non solo di mettere in difficoltà la nostra cooperativa, ma di arrivare anche al collasso dell’intero sistema”.

La Deputata Silvia Velo, pur non avendo diretta competenza in materia, ha assicurato di mettersi in moto ed adoperarsi affinché questa situazione venga al più presto risolta.

_____________________________

PRC PIOMBINO: «CON ROSSI PER PORTARE LA CONCORDIA A PIOMBINO»

Riceviamo e pubblichiamo dal PRC Federazione di Piombino – Val di Cornia – Elba.

«Non c’è da stupirsi rispetto all’odg presentato al Senato per la valutare la possibilità che la Concordia non venga rimorchiata e smantellata a Piombino come invece espresso con forza dalla Regione Toscana e dal Presidente Rossi. Dietro le soluzioni prospettate per dare soluzione all’enorme disastro provocato dalla grande nave in Toscana si muovono potenti lobbies la prima delle quali è quella della società Costa, multinazionale armatrice.

La Costa, naturalmente, ha interesse a risparmiare su tutte le operazioni a partire dal recupero e la bonifica al Giglio, per finire col rimorchio e lo smantellamento. Se potesse trasporterebbe volentieri la nave in Turchia o in Pakistan per poter procedere senza nessun controllo né sulla demolizione né sulla bonifica del relitto né sul lavoro degli addetti. Non stupisce neppure che il là a questa pericolosa tentazione venga dato dai grillini in senato. Costoro stanno imparando bene a muoversi tra i gruppi di pressione che circondano il Parlamento e a redigere odg in stretto politichese. Tutto ciò nasconde il completo disprezzo per le ragioni della Toscana , dell’industri e del lavoro.

La Toscana perché è buona regola stabilire che i costi del disastro vanno pagati nel territorio che li ha subiti e il porto di Piombino è il porto più vicino al luogo del naufragio e che da più garanzie che il rimorchio del relitto non incorra in “spiacevoli incidenti” nella tratta. Il fatto che a Piombino insista ancora un grande polo siderurgico dà garanzie di sinergie industriali ampie per un’impresa, quella della demolizione, che è una grande impresa industriale. Il porto tra l’altro è già finanziato per le infrastrutture. Il lavoro, poi, significa che nel nostro Porto verrebbero rispettati i contratti nazionali e le garanzie di sicurezza per le maestranze ed i cittadini.

Ma di tutto questo importa poco ai grillini, evidentemente pensano che il futuro di Piombino  risieda nelle favole dello sviluppo del turismo, nella Fiorentina-Diaccioni, e che i lavoratori debbano andare a piantare ombrelloni o a fare i camerieri in qualche ristorante. Noi non la pensiamo così e lo ricordiamo a tutti i cittadini che per dare un segnale di cambiamento hanno votato per m5s. Il re è nudo, e i grillini stanno in cominciando a spogliarsi. Senza industria, siderurgica e portuale, e senza lavoro garantito e tutelato non c’è futuro per questa città. Prosegua il Presidente Rossi nell’azione per portare la Concordia a Piombino».

PRC Federazione di Piombino – Val di Cornia – Elba.

___________________________

CIG IN DEROGA, SIMONCINI: RISORSE INSUFFICIENTI MA VENGANO ASSEGNATE IMMEDIATAMENTE

 FIRENZE – “Purtroppo usciamo rafforzati nelle nostre preoccupazioni”. E’ il commento dell’assessore al lavoro della Toscana Gianfranco Simoncini, dopo l’incontro di oggi con il sottosegretario Dell’Aringa. Un incontro presso il ministero del Lavoro, a cui Simoncini ha partecipato come coordinatore degli assessori di Regioni e Province autonome insieme agli altri assessori regionali.

L’argomento sul tavolo erano le risorse per la Cig in deroga, ovvero la cassa integrazione guadagni. “Purtroppo – commenta Simoncini – abbiamo avuto la conferma che le risorse previste nel decreto in fase di conversione sono lontanissime da poter rappresentare non solo la risposta a quanto necessario per il 2013, ma anche per fronteggiare le domande già istruite dalle Regioni”. Alla Toscana arriveranno circa 36 milioni, del tutto insufficienti anche questi rispetto alle richieste. “Inoltre – aggiunge l’assessore – ad oggi non c’è alcun decreto e le autorizzazioni continuano ad essere bloccate, nonostante gli annunci e il decreto legge”.

“Il sottosegretario Dell’Aringa – spiega Simoncini – ci ha informato della volontà del ministero del lavoro di utilizzare parte delle risorse disponibili per coprire i residui del 2012 (l’ipotesi è 170 milioni), di riservare 40 milioni per gli ammortizzatori in deroga delle aziende localizzate in più regioni e di distribuire quel che rimane, circa  550 milioni, tra le Regioni”. Niente cambierebbe invece per i 288 milioni per le Regioni del sud, stanziati con il decreto del 17  maggio.

“Si tratta di uno stanziamento inadeguato – dice l’assessore – L’abbiamo fatto presente: servono risorse aggiuntive, da indiduare velocemente, per coprire l’intero anno. Ma  abbiamo chiesto anche e di nuovo l’immediata assegnazione alle Regioni delle attuali risorse, sulla base dei criteri utilizzati in precedenza per la ripartizione”. Al ministero le Regioni faranno avere entro domattina una tabella con il riparto.

“Mi auguro – conclude Simoncini – che non si debba attendere mesi come è avvenuto con i 780 milioni stanziati dal governo Monti, che solo la settimana scorsa sono state decretate. I lavoratori vivono da mesi una situazione di sofferenza che non può protrarsi ancora nel tempo”.

Regioni e Ministero torneranno ad incontrarsi prossimamente per definire i nuovi criteri per l’ammissione agli ammortizzatori previsti dal decreto legge e i nuovi (eventuali) criteri di riparto delle risorse. Per le Regioni i nuovi criteri di ammissione dovranno però entrare in funzione dal 1 gennaio del prossimo anno.  Oggi è stato anche deciso di aprire un tavolo sull’emergenza dei servizi per il lavoro. Buone nuove infine per le norme sul riconoscimento dello stato di disoccupazione: il sottosegretario ha preannunciato una prossima iniziativa normativa messa in campo per superare le limitazioni poste dalla legge Fornero. A chiederlo erano state proprio le Regioni.

____________________________________

I VENERDI’ DELL’OSSERVATORIO ASTRONOMICO. A PUNTA FALCONE TELESCOPI PUNTATI SU SATURNO E SULLE STELLE DEL CIELO ESTIVO.

L’estate astronomica e, speriamo, meteorologica, si sta avvicinando. La bella stagione è attesa da tutti ma ancor di più dai “cacciatori di stelle” che, dopo una piovosa primavera, non vedono l’ora di puntare i telescopi per scrutare le profondità dell’universo. Come ogni anno l’Osservatorio Astronomico di Punta Falcone offre a tutti l’opportunità di condividere questa esperienza. Tornano infatti “I venerdì dell’osservatorio”, l’appuntamento periodico con stelle e pianeti organizzato dall’Associazione Astrofili di Piombino.

Tutti i venerdì sera, al calare dell’oscurità, avranno inizio le osservazioni con i telescopi e ad occhio nudo. Si potranno apprendere le nozioni di base di orientamento sulla volta celeste, dal riconoscimento della Stella Polare alle costellazioni zodiacali, per poi intraprendere un viaggio tra i corpi celesti del sistema solare e della Via Lattea.

In questo periodo il protagonista assoluto è Saturno, con i suoi ammiratissimi anelli, ben distinguibili con i telescopi di Punta Falcone. Quando la fase lo consente, si potranno esplorare i crateri lunari. Poco dopo il tramonto si possono individuare, sull’orizzonte occidentale, Venere e l’elusivo Mercurio. Dopo un’occhiata agli astri più luminosi del cielo estivo, le stelle Arturo, Vega, Altair, Deneb, il viaggio proseguirà verso i corpi celesti più remoti, nebulose e ammassi stellari fino ai confini della nostra galassia.

L’osservatorio apre al pubblico alle ore 21,30 e le visite proseguiranno tutti i venerdì fino alla fine del mese di settembre. Il programma può subire variazioni a seconda delle condizioni meteo. Per prenotazioni e informazioni si può contattare l’Associazione Astrofili telefonando al 320 4126725 o scrivendo a visite@astropiombino.org .
sito web: www.astropiombino.org

____________________________

ASA SPA TERMINA I LAVORI DI REALIZZAZIONE DELLA RETE FOGNARIA DI BARATTI

Sono stati ultimati i lavori di realizzazione della nuova rete fognaria di raccolta delle acque reflue nella frazione di Baratti zona Villini/Le Casine, nel Comune di Piombino. I lavori, nati dalla volontà dell’Amministrazione Comunale di Piombino e del Gestore del Servizio Idrico Integrato, erano iniziati lo scorso anno nel mese di maggio e, dopo un’interruzione programmata per permettere il normale svolgersi della stagione turistica 2012, sono stati portati regolarmente a termine in questi giorni.

L’intervento, che durante il suo svolgimento ha riportato inaspettatamente alla luce una tomba etrusca ancora intatta, ha così permesso di dotare una delle più incantevoli località balneari della costa tirrenica  di un idoneo e moderno sistema di raccolta e depurazione degli scarichi.

ASA, che ha avuto l’incarico di eseguire e dirigere i lavori, informa che l’opera ha superato positivamente tutti i necessari collaudi e che sta per entrare funzionalmente in esercizio.

Si comunica che stanno continuando i lavori per la realizzazione del secondo lotto funzionale per il completamento della rete fognaria nelle zone Casone/San Cerbone/Porticcio. Per tutti i residenti e le strutture turistico-ricettive delle zone Villini e Casine interessati dall’estendimento della nuova rete fognaria, ASA informa che per procedere all’allacciamento degli scarichi fognari occorrerà procedere secondo una delle seguenti modalità:

– presentarsi presso gli sportelli commerciali di ASA SpA presenti sul territorio e compilare la domanda di allacciamento completa dei relativi allegati;

– inoltrare la domanda di allacciamento completa degli allegati direttamente per posta ad ASA SpA Via del Gazometro 9, 57122 Livorno;

– inoltrare la domanda di allacciamento completa degli allegati direttamente per posta elettronica ad ASA SpA all’indirizzo: asaspa.protocollo@legalmail.it

Per ulteriori informazioni contattare il numero verde gratuito 800010303.

_____________________

PIOMBINO: A PALAZZO APPIANI I MATRIMONI DEI NONNI RACCONTATI AI RAGAZZI

Sabato 15 giugno alle 11 presso la sala conferenze di palazzo Appiani si presenta il volume “Oggi in cielo è festa. I matrimoni dei nonni raccontati ai ragazzi”.

Un progetto nato dalla collaborazione tra l’Isis “Ceccherelli-Einaudi”, la biblioteca Falesiana e il centro sociale Ciasa, finalizzato a raccogliere interviste e foto d’epoca relative al primo giorno di matrimonio.

Alcuni studenti del Ceccherelli, coordinati dalla prof.ssa Sandra Tognoni e dalla dott.ssa Nadia Masi educatrice della scuola, hanno intervistato gli anziani del Ciasa raccogliendo storie relative al loro giorno del matrimonio.

Testimonianze di vita vissuta, dalle quali affiora anche un affresco della Piombino degli anni ’40 e ’50, quando i ragazzi ballavano alla Lega Navale, la squadra di calcio era in serie B e il lavoro era assicurato dalla fabbrica.

Un incontro tra generazioni che rappresenta prima di tutto un’esperienza di ascolto con l’intento di stimolare i ragazzi a considerare le emozioni come linguaggio condiviso e senza età.

_________________________

BILANCIO 2013: IL COMUNE DEI CITTADINI REPLICA A BROGIONI (PD)

Campiglia M.ma (LI) – Riceviamo e pubblichiamo integralmente dalla lista civica “Comune dei Cittadini”.

«Si definiscono democratici, ma soffrono molto la trasparenza e preferiscono la propaganda alla verità.Ci dispiace per Brogioni, ma quello che abbiamo comunicato  è esattamente quello che sta scritto nel bilancio approvato dalla maggioranza.

Smentisca  che le entrate dell’ l’IRPEF aumentano da 570.000 a 1,2 milioni (+110%).

Smentisca che la tassa di soggiorno aumenta da 50.000 a 120.000 euro (+140%).

Smentisca che questi aumenti (700.000 euro) sono superiori alla riduzione dell’IMU che cala solo di 290.000  euro (-7%)  per effetto della riduzione dell’aliquota sulla prima casa che noi abbiamo chiesto dallo scorso anno.

Smentisca  la Giunta quando scrive che la TARES (che andrà a sostituire la TIA sui rifiuti fino ad oggi riscossa da ASIU), “comporta un aumento pari all’IVA che nella concezione odierna non veniva applicata”, quindi che i cittadini pagheranno di più.

Quello che volevamo far conoscere era che nel 2013 saremo chiamati a pagare ancora più tasse comunali. Non abbiamo  mai omesso di dire ci sono stati tagli dei trasferimenti statali (oltre 800.000 euro) disposti dai governi di cui il PD fa parte. Quello che ci premeva evidenziare è che i sacrifici non li sta facendo la macchina amministrativa, ma bensì i cittadini e le imprese.

Il quadro che emerge è quello di un Comune che aumenta le entrate proprie per compensare i tagli dello Stato, spende più di prima, ma non investe in nuove opere e più servizi.

I dati del bilancio 2013 ci dicono che la spesa per investimenti in opere pubbliche calerà di 700.000 euro, come calerà quella per i servizi sociali (-88.000) e per l’istruzione (-14.000). Calano le spese per l’agricoltura (da 20.000 euro a 5.000) e per il turismo (da 13.500 euro a 8.000).

Ad aumentare sono le spese correnti per il funzionamento ordinario del Comune. Nel parere dei revisori dei conti sta scritto che l’insieme della spesa corrente del 2013 passerà da 8,8 a 11,4 milioni di euro (+29%). Togliendo la TARES (1,9 milioni) che il Comune dovrà versare al gestore unico del servizio rifiuti, resta sempre un aumento.

Se Brogioni ritiene che queste informazione siano stupide o mostruose la prima cosa che deve fare è rivedere il bilancio della sua maggioranza, perché non sono più sostenibili politiche che aumentano la tassazione sui cittadini e nello stesso tempo riducono gli investimenti per i servizi e per il sostegno alla ripresa dell’economia».

Comune dei Cittadini

_______________________

DECRETO PIOMBINO, SEN. PETRAGLIA (SEL):  «ASTENSIONE DI SEL, SCELTA COERENTE»

«Ci siamo astenuti sul decreto per il rilancio dell’area di Piombino perché dietro al titolo (Disposizioni urgenti per il rilancio dell’area di Piombino, di contrasto ad emergenze ambientali, in favore delle zone terremotate del maggio 2012 e per accelerare la ricostruzione in Abruzzo e per la realizzazione degli interventi per Expo 2015) si celava un provvedimento eterogeneo che marginalizzava le priorità citate. Mentre da una parte non si trovavano tutte le risorse necessarie per l’Emilia e l’Abruzzo, dall’altra se ne prevedevano di nuove per la terza variante di valico Genova-Torino e per la TAV in Val di Susa». La senatrice Toscana di Sinistra Ecologia e Libertà Alessia Petraglia spiega così l’astensione del suo gruppo rispetto alla conversione in legge del decreto n. 43 del 26 aprile 2013, licenziato nel tardo pomeriggio di oggi dall’aula di Palazzo Madama e passato ora all’esame della Camera.  

«In commissione – prosegue la senatrice – abbiamo lavorato a sostegno delle misure finalizzate al risanamento e al rilancio dell’area industriale di Piombino, bretella del porto compresa, un’opera promessa da troppi anni (pensiamo alla vicenda dei fanghi di Bagnoli), ma mai realmente finanziata. Sia in commissione che in aula abbiamo posto il problema di non collegare questo importantissimo intervento a sostegno di una città piegata duramente dalla crisi industriale con i finanziamenti per la costruzione dell’autostrada tirrenica, che per noi è altra storia, ma non siamo stati ascoltati».

«Questa è la nostra posizione, chiara e trasparente, come chiara e trasparente è stata la decisione di astenersi al momento del voto finale – dice ancora Petraglia – Alle altre forze politiche, a quanti in queste ore si sono sentiti in dovere di salire in cattedra per rimproverare la scelta coerente di SEL, chiediamo un po’ di onestà intellettuale e politica: non si possono mascherare contraddizioni così grandi facendo finta di nulla, non possiamo accettare lezioni da chi, ancora una volta, ha voluto perdere l’occasione di aprire un confronto sui temi veri dello sviluppo del nostro Paese».

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 14.6.2013. Registrato sotto cronaca, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

2 Commenti per “NOTIZIE DALLA COSTA ETRUSCA DEL 14 GIUGNO”

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 17 giorni, 14 ore, 32 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it