ASCOLTA PIOMBINO: LA CONCORDIA E’ UN OPPORTUNITA’ VERA PER LA CITTA’?

Gelichi_PiombinoRiceviamo e pubblichiamo integralmente dal Portavoce della Lista Civica AscoltaPiombino  Riccardo Gelichi una riflessione sul futuro della nave per l’eventuale smantellamento in questa città.

«Se parlando della Concordia si ragiona per un momento con la testa e non con la pancia – inizia Gelichi –  mi viene in mente che la nave in questione possa contenere ingenti quantitativi di materiali pericolosi, oli,  morchie e metalli pesanti nelle vernici e nelle apparecchiature.

Rimuovere e smantellare relitti navali richiede competenze specifiche concernenti operazioni di demolizione, bonifica, trasferimento o recupero dei materiali nel rispetto dell’ambiente, dell’incolumità di coloro che operano e dei cittadini; per l’operazione è necessario personale altamente qualificato.

Sorgono a questo punto alcune domande, la prima: abbiamo in loco ditte qualificate che operano in questi settori con l’obiettivo prioritario della salvaguardia dell’ambiente e la riduzione dell’impatto cantieristico, con misure specifiche di tutela del clima acustico, della qualità delle acque dell’aria e del suolo ?

Inoltre, quali saranno i parametri di scelta delle ditte o le condizioni di bando di gara, fatte dal commissario, che si occuperà di seguire lo smantellamento?

Certo è che sarà una demolizione epica, forse mai vista prima, a maggior ragione ritengo improbabile che le imprese locali, al di là della logistica e delle gru, possano avere i titoli per competere in queste specifiche attività.

Mentre sul fatto di accogliere un rifiuto, quello è certo.

L’altra domanda è: ci sono, ed eventualmente quali sono, opere di compensazione per questo territorio che si presta ad ospitare un rottame inquinante e sicuramente impattante, anche dal punto di vista visivo ?

L’ultima ma più importante domanda che ci dovremmo porre è questa: gli ambiti interessati per diversi anni dal cantiere Concordia, sono compatibili con il piano delle bonifiche, con lo sviluppo del distretto della nautica e quello del porto? E l’infrastruttura per il transito dei materiali esiste?

Come al solito non è dato saperlo – conclude Gelichi –  almeno non in pubblico, ma si fa brillare un tesoretto che potrebbe poi rivelarsi l’ennesima bufala, che paradossalmente, potrebbe frenare lo sviluppo economico della città».

 

                                                                                                     Riccardo Gelichi

                                                                                  Portavoce della Lista Civica AscoltaPiombino

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 12.1.2013. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    39 mesi, 0 giorni, 11 ore, 54 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it