MOSCHINI: QUALE FUTURO PER I PARCHI DELLA VAL DI CORNIA?

Riportiamo un commento di Renzo Moschini alla tavola rotonda sui parchi della Val di Cornia tenutasi alcuni giorni fa.

«Una tavola rotonda come quella di Piombino con questo tema – inizia Moschini –  specie con  i tempi che corrono i nostri parchi,  non passa inosservata. Se poi questo momento di riflessione tra istituzioni e comunità locali prende le mosse da uno studio dell’Università di Londra sulla base di una tesi di Laurea di una giovane ricercatrice italiana Anna Paterlini, presenti  un esperto inglese di archeologia e un americano esperto di beni culturali, il piatto politico  culturale si insaporisce  non poco.

E così è stato perché si è trattato di un confronto serrato, ben coordinato da Luca Sbrilli presidente Parchi della Val di Cornia SpA, presenti l’assessore del comune di Piombino Dell’Omodarme e concluso da Rossana Soffritti Sindaco di Campiglia Marittima.

Cominciamo con il dire – ed è una prima specificità nel panorama regionale e forse anche nazionale, che  un parco al plurale e per di più SpA è già una rarità. Si dirà – ed è vero – che non è tuttavia una novità perché questa esperienza è nota proprio per la sua peculiarità meritevole di attenzione, tanto che la Commissione ambiente del consiglio regionale toscano –gestione Martini- decise che in Val di Cornia su sarebbe istituito il quarto parco regionale.

La decisione finora non ha avuto seguito – come ha ricordato criticamente il sindaco di Campiglia Maritttima- né sembra che qualcuno al momento ci stia pensando e lavorando, ma i Parchi della Val di Cornia ci sono e pensano al loro presente e soprattutto al loro futuro carico di problemi e di rischi al pari -se non di più- di tutti gli altri parchi anche non plurali.

Plurale che nel caso di questo territorio è connotato soprattutto dal suo patrimonio archeologico e paesaggistico oggi ancora frammentato e dove la presenza regionale avrebbe dovuto e dovrebbe giocare un ruolo importante, ad esempio, come è stato ricordato da Sbrilli da una ANPIL di un migliaio di ettari a San Vincenzo. ANPIL però che la nuova legge regionale sui parchi avrebbe dovuto e dovrebbe riconsiderare per renderle più raccordabili e integrate con la pianificazione e programmazione del territorio proprio per superare al meglio la frammentazione.

Ciò che è emerso ancora volta come ci ha ricordato anche l’amico inglese è che i parchi e le aree protette se non fanno sistema sul piano regionale e nazionale ed oggi anche comunitario non vanno da nessuna da parte.

E se sul piano nazionale noi  non siamo mai stati così malmessi, non è che su quello regionale siamo messi molto meglio. Lo abbiamo visto ieri a Piombino, come poco prima l’avevamo visto in San Rossore».

Renzo Moschini

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 13.12.2012. Registrato sotto ambiente/territorio, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    29 mesi, 12 giorni, 14 ore, 6 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it