GABRIELLI E COSTA CONCORDIA: BEN VENGANO NUOVE TECNOLOGIE PER LA DIFESA DEL MARE

La nave nei giorni successivi all’incidente

Aumentano le probabilità che il relitto di Costa Concordia sia smantellata nel Porto di Piombino come anticipato oltre un mese fa. Nei giorni scorsi il presidente della Protezione civile Franco Gabrielli, che è intervenuto lo scorso 21 novembre in un convegno sulla sicurezza in mare, di cui illustriamo i risultati nel seguito dell’articolo,  confermò il lavoro in atto per portare la nave, proprio in questa città.

«Stiamo lavorando – ha confermato il sindaco di Piombino Anselmi – con il presidente dell’Autorità portuale Luciano Guerrieri per accogliere la Concordia qui a Piombino, come sostenuto anche dal presidente della Regione Enrico Rossi. Questo  può aiutare ad accelerare il rilancio del porto e dell’economia della città, con la possibilità di avere anche rottame siderurgico a filiera corta. Il Porto di Piombino è pronto ad accogliere il relitto della Costa Concordia per il suo smantellamento».

Come dicevamo sopra il Capo della Protezione Civile nazionale Gabrielli è intervenuto a Portoferraio al Convegno sulle tecnologie per la sicurezza della navigazione. Il Convegno tenutosi alla De Laugier  mercoledi 21 novembre su le “Nuove Strategie e tecnologie per la sicurezza della navigazione nel mar Mediterraneo” ha riunito di nuovo, in un evento fortunatamente non drammatico, gli attori principali dell’emergenza di circa un anno fa all’Isola del Giglio per il naufragio della Costa Concordia: il Capo della Protezione Civile Franco Gabrielli, l’Ammiraglio Capo della Direzione Marittima di Livorno Ilarione dell’Anna, Massimo Avancini del Ministero dell’Ambiente e Giampiero Sammuri prima ancora che presidente del Parco, Dirigente del settore Ambiente della Provincia di Grosseto. Gli stessi che hanno evitato, dopo la perdita di vite umane, un immane disastro del mare all’Isola del Giglio. Il Convegno è stato organizzato come evento finale del Progetto Argomarine, una ricerca del Parco nazionale dell’Arcipelago Toscano sul monitoraggio degli sversamenti da idrocarburi in mare. L’occasione ha sancito il raggiungimento dell’obiettivo alla fine dei tre anni di attività: far funzionare un sistema di raccolta dati (MIS Marine Information System) capace di fornire in tempo reale uno scenario del traffico marittimo e del rischio di inquinamento, con l’utilizzo integrato di satellite, naso elettronico, boe, veicoli autonomi sottomarini, immagini da aereo e segnali di allarme di volontari grazie ad un App per smartphone creata appositamente dai ricercatori.

Protezione civile, Ministero dell’Ambiente, Unione Europea hanno apprezzato gli esiti del progetto promuovendolo a modello da sviluppare e utilizzare nelle emergenze ambientali specialmente dopo il Caso Costa Concordia filo conduttore e caso di studio nella maggior parte degli interventi del convegno.

Il Presidente del Parco Sammuri ha aperto i lavori del convegno con alcuni dati pesanti sulla perdita di biodiversità nella natura citando, come esempio, il dimezzamento delle foreste e delle zone umide e ricordando i disastri ambientali clamorosi di cui è stato vittima il mare, con rilevanti effetti economici e politici sul sistema globale. Sammuri ha rilevato come disastri come quello della Costa Concordia facciano riflettere sui limiti che l’uomo deve porsi e sulla necessità del rispetto delle regole per prevenire danni all’ambiente. In questo contesto i risultati di Argomarine si inseriscono bene aiutando il rispetto delle regole attraverso un sistema di monitoraggio e controllo tempestivo ed efficace.

Il Prefetto Gabrielli dopo aver parlato a grandi linee del funzionamento del Piano nazionale della Protezione civile ha ribadito l’urgenza della pianificazione nel nostro Paese. Ha aggiunto che anche una buona legge e una tecnologia avanzata non fanno passi avanti se gli stessi cittadini non acquisiscono la cultura della consapevolezza che spinge ognuno di noi a essere informato dei rischi che insistono sul nostro territorio, a conoscere i comportamenti che devono essere adottati e le attivita’ che le istituzioni sono tenute a intraprendere. Perché un cittadino consapevole si traduce in un cittadino esigente anche nei confronti degli strumenti che le istituzioni devono garantire. Anche Gabrielli ha accolto con grande favore gli esiti di questa ricerca finanziata dalla Unione Europea augurando che prosegua la sua sperimentazione perche utile a prevenire i disastri e a consentire immediati interventi che ne limitino gli effetti negativi.

Nel medesimo senso l’intervento del Dr Avancini che ha sottolineato l’interesse del Ministero dell’Ambiente per Argomarine e per la funzione positiva a favore della rapidità della risposta tecnologica nelle fasi operative, augurando che la ricerca si traduca in un progetto pilota per aiutare la tutela del mare.

L’Ammiraglio Dell’Anna ha sottolineato il ruolo fondamentale delle Capitanerie di Porto nella tutela del mare e l’importanza della prevenzione per la sicurezza della navigazione evidenziando che l’attività della Guardia Costiera si avvale quotidianamente della tecnologia per garantire la sicurezza in mare.

L’ Ing. Maurizio Maggiore funzionario del Direttorato Generale Ricerca e Sviluppo della Commissione Europea settore Trasporti, che ha finanziato tutte le attività del Progetto del Parco, ha confermato che il lavoro di ricerca oltre ad avere validamente raggiunto gli obbiettivi, ha prodotto un modello di comunicazione che sarà preso come esempio da seguire in altri progetti europei di ricerca.

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 24.11.2012. Registrato sotto ambiente/territorio, Foto, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 24 giorni, 4 ore, 26 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it