GELICHI: DUE PESI E DUE MISURE NELLA POLITICA DEI CAMPER

due immagini tratte da facebook

Riportiamo un comunicato di Riccardo Gelichi della lista civica piombinese “Ascolta Piombino” sui camper in città.

«L’avvertivamo nell’aria e per le strade del quartiere – inizia Gelichi – che prima o poi sarebbe scoppiata la polemica sull’eccessiva concentrazione di camper nei parcheggi di CalaMoresca, da quando l’Amministrazione Comunale aveva deciso di destinare parte dei suddetti parcheggi alla sosta esclusiva di camper, chiunque avrebbe potuto predire che all’interno di quell’area urbana di pregio ambientale e paesaggistico sarebbe nata una sorta di campeggio fai da te dei camperisti.

Se da una parte l’attuale polemica ha puntato il dito sul mancato ritorno economico derivante da questo tipo di turismo dall’altra, per onestà, va anche detto che dove esistono strutture adeguate realizzate allo scopo, anche i camper concorrono per la loro parte all’incremento del settore turistico. Il punto non è capire se i camper al Falcone rendono in termini economici, il punto è che in generale le attrezzature necessarie ad ospitare questi mezzi normalmente non sono mai individuate in prossimità o addirittura in aderenza alle risorse, sia balneari sia culturali, vedi appunto Baratti, dove con criteri del tutto opposti al Falcone, il Comune di Piombino ha fatto di tutto per allontanarli giustamente dalle aree del Golfo.

Sembra quasi che a fronte di concetti urbanisticamente concreti e corretti, come appunto la sosta camper di Baratti con relativa navetta, oppure il parcheggio attrezzato di Via Della Pace, posto in posizione periferica, ogni tanto la nostra Amministrazione subisca delle spinte un po’ partigiane che gli fanno creare posti esclusivi vista mare per i camper in zona Bernardini, o come quelli di Cala Moresca, oppure accettare supinamente soluzioni come quelle dell’agricamper a Carlappiano, dove un’area d’alta valenza ambientale e paesaggistica è fatta oscurare da una quinta di centinaia di camper, che con la tutela del paesaggio non ha niente a che fare».

Riccardo Gelichi
Portavoce della Lista Civica “Ascolta Piombino”

_____________________

Il commento dell’assessore Elisa Murzi, appassionata camperista e brava velista insieme al padre Fulvio, tratto da “Il Tirreno” del 18 Agosto, può aiutare i nostri lettori a comprendere meglio la situazione.

«Segnalazioni ne abbiamo ricevute e proprio per questo siamo particolarmente attenti – spiega l’assessore Elisa Murzi – Il mondo dei camperisti è uguale a tutti gli altri, alcuni sono maleducati, tanti correttissimi». Ma quali sono i diritti e i doveri dei proprietari di autocaravan? «Per il codice della strada il camper è un veicolo, e può parcheggiare in tutti gli stalli con sufficiente spazio – spiega Murzi – Ci sono poi aree dedicate specificatamente, che abbiamo ritenuto di fornire per tutelare un turismo che comunque esiste, che chiede di essere garantito, e che ha un concreto riferimento a Piombino».

Il riferimento risponde al sito www.camperclubpiombino.com, che offre un quadro completo nel territorio; se poi l’accusa è di parcheggio ininterrotto, occorre ricordare «che per tutti i veicoli la sosta, sulla carta, non dovrebbe prolungarsi oltre le 72 ore», afferma Murzi. Libertà quindi di posteggio per i camper. No però a sedie, tavolini e quant’altro. «Invitiamo nel caso i cittadini a segnalare eventuali comportamenti scorretti».

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 20.8.2012. Registrato sotto Foto, politica, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

3 Commenti per “GELICHI: DUE PESI E DUE MISURE NELLA POLITICA DEI CAMPER”

  1. giordani marco

    i camper parcheggiano fuori dello spazio a loro dedicato e bivaccano regolarmente. La parte a loro riservata e’ completa e si piazzano dove dovrebbero esserci solo le macchine.La segnaletica è insufficiente , verticale e orizzontale.Ci sono anche carreli barca posti trasversalmente. Questa è la verita’. Arrivederci e grazie.

  2. angelo

    Certo che il Sig. Gelichi è come la campionessa Jessica Rossi, colpisce sempre il centro dei problemi di Piombino.
    Ora tocca ai camperisti, e dove parcheggiano e come stendono i panni e su quali tavoli fanno merenda e quando vanno a dormire.
    Proseguendo su questo cammino speriamo che il Sig. Gelichi, prendendosi a cuore il dubbio, trovi soluzione alla seguente domanda : alla festa dell’unità è meglio cucinare e servire il polpo fresco o quello surgelato e il contorno bietola o spinaci ?
    Gli elettori piombinesi al momento opportuno saprebbero come essere riconoscenti.

  3. Riccardo Gelichi

    La buona amministrazione si vede anche dal contorno sig. angelo. Per gli altri piatti si gusti questo : http://www.ascoltapiombino.it/

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 28 giorni, 14 ore, 36 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it