PIOMBINO: ASSOCIAZIONE SCRIVE A NAPOLITANO PER TUTELARE INVALIDO

Una foto “rubata” dell’iniziativa in regione

Prosegue la protesta di Alberto Guerrieri (piombinese ultrasettantenne) coordinatore dell’associazione Dirittovitadignitosa.it e padre di persona in sindrome “Locked in” traumatica (unico caso in Toscana) che da cinque anni aspetta dai vertici ASL 6 la risposta ad una semplice domanda: «perchè è stata tolta a mio figlio la riabilitazione logopedica».

Dopo aver fatto volantini, vignette, la famosa protesta dei pannolini sporchi davanti alla Regione (nella foto), e scritto più volte sui giornali, Alberto Guerrieri ci tiene a precisare che la battaglia che sta intraprendendo da troppi anni non è solo per risolvere un caso specifico, ma per dare un segnale di carattere generale affinche le disavventure accorse a suo figlio, dopo il drammatico incidente che lo ha ridotto in questa grave situazione, non avvengano anche ad altre persone residenti in Toscana. Ora questa vera e propria protesta ha raggiunto il massimo vertice istituzionale: il Presidente della repubblica italiana.

Ricordiamo che www.dirittovitadignitosa.it, ha avanzato recentemente una proposta di legge alla Regione Toscana, per garanti­re un’assistenza domiciliare 24 ore su 24 a chi è affetto da una disabilità gravissima. La bozza, presentata nei mesi scor­si in un convegno tenuto a Fi­renze, e sostenuta in senso po­polare da 300 firme raccolte so­lo a Piombino.

Il riferimento, benché legato a un caso specifico, viene espresso senza citarne gli estre­mi, per assecondare la volontà di www.dirittovitadignitosa.it nel proporre alla cittadinanza un problema che ha valore di principio generale. Questi i due punti sui quali il movimen­to associativo chiede ragione: «Le motivazioni che nella pri­mavera 2007 hanno determina­to la sospensione della riabili­tazione logopedica a persona disabile gravissima, e il verbale della riunione in cui la com­missione Asl comunicò al pa­dre del disabile tale decisione, con decorrenza immediata».

Nella lettera al Presidente napolitano, che può essere letta integralmente a questo indirizzo, Guerrieri chiede coerenza di comportamento per il caso di suo figlio, il rispetto dell’articolo 3 della Costituzione, che invoca la pari dignità sociale, e presenta due esempi di diverso comportamento per due soggetti con la stessa malattia, il primo a Pacenza (problema risolto) e il secondo a Piombino, dove dopo cinque anni non si conoscono neanche le motivazioni per la cessazione  del servizio erogato dall’ASL.

Speriamo solo che il presidente Napolitano, che conosce bene la nostra città, risolva questo caso e ridia pari dignità sociale anche ai cittadini italiani più sfortunati come in questo caso,  in cui un giovane architetto, fu coinvolto involontariamente in un gravissimo incidente stradale.

Giuseppe Trinchini

Print Friendly, PDF & Email
Scritto da il 17.8.2012. Registrato sotto Foto, sociale, ultime_notizie. Puoi seguire la discussione attraverso RSS 2.0. Puoi lasciare un commento o seguire la discussione

Scrivi una replica

DA QUANTO TEMPO...

  • QUANTO E' PASSATO DAL 1 LUGLIO 2017 DATA TERMINE DELL'ACCORDO DI PROGRAMMA CON CEVITAL?

    Nonostante l'addendum all'accordo di programma, senza il quale Rebrab sarebbe diventato Padrone a tutti gli effetti dello stabilimento, tale data viene comunque considerata dalla nostra testata come quella di inizio della crisi economica reale di Piombino. Da allora sono passati solo
    38 mesi, 28 giorni, 7 ore, 59 minute fa

Pubblicità

Galleria fotografica

CorriereEtrusco.it - testata giornalistica registrata al Tribunale di Livorno al n.19/2006. Direttore Responsabile Giuseppe Trinchini. C.F. TRNGPP72H21G687D
I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.
Tutti i loghi e i marchi sono dei rispettivi proprietari. I commenti sono di chi li inserisce, tutto il resto copyright 2018 CorriereEtrusco.it